Forum


ALTRO GIORNALE :: Forum :: L'Agorà
<< Discussione precedente | Discussione successiva >>   

Movimento 5 Stelle

Vai a pagina   <<        >>  
Autore Messaggio
brig.zero
10:01 05 mag 2012
Utenti Registrati #300
Registrato il: 18:40 09 mag 2008
messaggi: 5541
pasgal ha scritto ...

brig forse anche io, non so proprio... certo che non votare è peggio.


Ciao Pas l'unica cosa che ci rimane da fare per la Società ... individualMente oltre a conoscere sè stessi è questa ... intanto, è un voto di protesta





Torna ad inizio pagina
                                                
Pier72Mars
10:52 05 mag 2012
Utenti Registrati #1553
Registrato il: 15:42 01 feb 2011
messaggi: 2771
Votare è un dovere, non votare però è anche un nostro diritto.





Torna ad inizio pagina
                                                
♫nessuno♫
12:23 05 mag 2012
Utenti Registrati #1304
Registrato il: 19:57 05 giu 2010
messaggi: 713
Sindrome da hubris

Carismatico, folle o depresso? Quale di questi tre termini è più indicato per un comunista che trascina con sé le masse? E per personaggi come Adolf Hitler? Definire dove stia il limite tra sanità mentale e malattia è arduo. Ma lo studio di alcuni sintomi e la loro manifestazione più dare qualche suggerimento

Prima di entrare in politica meglio passare dallo psicologo per evitare depressioni e scontenti soprattutto agli altri


di Luisa Barbieri - (arcoiris.tv), 14-04-2011

Carisma, fascino, capacità di ispirare, capacità di persuadere, ampiezza di vedute, espressa disponibilità ad assumere rischi, grandiose aspirazioni ed elevata autostima sono caratteristiche spesso associate a leadership di successo. Eppure c’è un altro aspetto da considerare nella valutazione di questo profilo, in quanto queste stesse doti possono essere contrassegnate dall’impulso, dal rifiuto di ascoltare o seguire consigli da parte di chicchessia, trasformando ciò che di primo impatto pare essere la chiave del successo in chiara ed espressa incompetenza.

Tale tipologia di leadership, definita quale sindrome da hubris, può arrivare al disastro causando danni su larga scala. Hubris o hybris è un termine che deriva dal greco e che concerne chi, animato da eccessivo orgoglio, arriva a sfidare gli dei, con conseguente ed inevitabile nemesi. Nell’antica Atene era considerato un gravissimo peccato, lo si concettualizzava al pari del comportamento di chi molestava un cadavere o sottoponeva ad umiliazione un nemico sconfitto. Nel tempo il significato ha subito una generalizzazione tanto da intendersi quale comportamento oltraggioso o esibizione di orgoglio o di disprezzo per la legge morale di base della comunità di appartenenza. Tale prepotente orgoglio spesso subisce conseguenze fatali.

Nel nostro Paese il pressapochismo l’ha sempre un po’ fatta da padrone, forse è nel nostro DNA, lo stesso vale per il nepotismo ed il clientelismo, ma lo sdoganamento, sino alla legalizzazione, di queste devianze parrebbe piuttosto azzardato, tanto da spaventare. Inoltre dinanzi ai grandi cambiamenti che, volenti o nolenti, il processo di globalizzazione sta determinando, queste nostre simpatiche caratteristiche si sono trasformate in “tragedie” umane e umanitarie.

“Lo Stato viene visto da molta gente come un’entità lontana, ininfluente”, dice il magistrato calabrese Nicola Gratteri conversando con Antonio Nicaso, storico delle organizzazioni criminali, ne “La malapianta”, “il problema, purtroppo, è che, in molti casi, sembra essere proprio così” ed è così che i comportamenti devianti si rinforzano trasformandosi in usi molto più potenti delle leggi. “Le mafie stanno vivendo una stagione di relativa quiete”, dopo i bagni di sangue che hanno caratterizzato gli anni ’80-90, “forse non hanno più bisogno di sparare, forse hanno acquisito altri strumenti di controllo del potere, del resto la loro forza è proporzionale alla debolezza, sinanche inconsistenza della politica”.

Negli ultimi 20 anni sono stati soverchiati i “vecchi” modi di proporsi sia nel semplice contesto della relazione interpersonale, sia (e questa si è rivelata una pesantissima devianza) in ambito istituzionale. Un modo nuovo di “fare politica” ha focalizzato le basi dell’ipotizzato cambiamento sul “superamento” di quella sorta di modo di essere e di proporsi “a modino”, in maniera educata, usando un linguaggio non scurrile, coniugando qualche congiuntivo, almeno in sede istituzionale, come se questa modalità educata di proporsi fosse responsabile di tutto ciò che non ha funzionato (e tante sono state le cose davvero esecrabili) negli anni susseguenti la seconda guerra mondiale (non amo chiamare tale periodo “la prima repubblica”, come invece si usa, diciamo che liberamente mi dissocio dal considerare questa “cosa” informe che stiamo vivendo dopo il 1993 la “seconda repubblica”).

Fare politica, amministrare la cosa pubblica, prendersi cura del Paese è stato stravolto, in quanto è passato il messaggio populista che “tutti sono in grado di fare i politici”, che ci vuole ? Basta “arrogarsi” il diritto a farlo e il gioco… eccolo qua… “belle che fatto”. Il problema, io credo, sta nel fatto che la politica è una cosa seria (non seriosa, come forse ci veniva proposta nel passato), ma molto, molto seria.

Rappresentare la popolazione di un territorio non significa soverchiare, non ascoltare le esigenze reali creando alternative strumentali a scopi ben diversi da ciò che invece la politica dovrebbe proporsi, ma prestare attenzione solamente a ciò che pare più alla portata, di ciò che si presta alla facile manipolazione sociale. Non significa dividere le persone tra di loro, ma trovare dei punti di incontro. Non significa abbattere i valori che da sempre hanno fatto da canovaccio al tessuto sociale, ma accettarne, anzi, cercarne i cambiamenti migliorativi.

Non è sufficiente, e secondo me nemmeno adeguato e rispettoso, utilizzare un linguaggio di bassa lega credendo che questo sia il modo migliore per farsi capire da tutti, il populismo (perché solo così lo si può definire, è inutile cercare dei sinonimi) si è sempre dimostrato foriero di gravi minacce per la democrazia, in quanto pone le sue radici sulle paure consce o inconsce della gente e non si sofferma ad analizzare le motivazioni che stanno alla base del malessere.

Il populismo tende ad arrogarsi il diritto di asserire la verità incontestabile perché si autodefinisce “la voce della gente”, ma… a volte la voce della gente nasce dalla paura, dal pregiudizio, dall’ignoranza e troppo spesso pone radici nell’insufficiente, se non deviante, informazione, tanto da ridurre la democrazia rappresentativa in una facciata dietro la quale di fatto si muove un’oligarchia incontrollata. Secondo il più noto studioso delle masse, Gustave Le Bon, nella sua “Psychologie des Foules” del 1895, si giunge alla generale conclusione che “la folla è sempre intellettualmente inferiore all’uomo isolato”, come a supportare il pericolo che nasconde il populismo estremamente suggestionante in azione sulla massa posta in situazione di facile manipolatorietà.



I cittadini hanno il diritto di essere ascoltati e i politici hanno il dovere di farlo e di utilizzare la loro professionalità per elaborare ciò che esce da quelle voci. Faccio un esempio: io di professione faccio il medico-psicoterapeuta e per definizione ascolto, ma se all’ascolto non seguisse un’elaborazione, come potrei restituire al mio interlocutore qualcosa di costruttivo e quindi benefico? E, aggiungo, il lavoro elaborativo… non lo si può improvvisare, nasce da anni di esperienza, di ascolto, di studio, di ricerca e anche di errori.

Come sarà mai possibile fare passare il concetto che tutti, ma proprio tutti, possono sedere in Parlamento e rappresentarci caratterizzando poi le nostre vite ? Forse è possibile nel momento in cui si gioca la carta della propaganda di regime, quindi è possibile.

Non voglio assolutamente fare un’analisi sociologica del quadro politico italiano, non ne sono affatto in grado, ma il malessere nel proseguire ad assistere a risse in Parlamento, ad ascoltare sproloqui e parolacce uscire dalla bocca delle massime cariche istituzionali, lasciando da parte i fatti che potrebbero in qualche modo incidere sfavorevolmente sul comportamento comune sdoganando degli stereotipi poco edificanti nel contesto di una società civilizzata, il malessere di non essere rappresentata e di non potere fare riferimento a ciò che sinora credevo fossero le fondamenta del sistema democratico, è presente e pesante.

Si dice che l’interesse della popolazione per gli affari politici, che il senso civico sia scemato, si dice che non vi siano più ideologie, ecco, io credo che invece si scambi l’ideologia per una sorta di inquadramento partitico immobile ed immobilista, incapace di evolvere accogliendo le esigenze emergenti e che le persone, incappando in questa specie di equivoco sociale, oltre ad assistere impotenti al disfacimento di ciò che ha caratterizzato la nostra storia senza peraltro vedere alternativa alcuna, cerchi di salvaguardarsi creando una distanza dalla classe dirigente.

È vero ciò che si dice sempre più spesso: “il Paese è spaccato in due”, io non so se sia spaccato in due, di sicuro è dissociato ed, altrettanto sicuramente, è stanco. Quando si è molto stanchi si fa fatica persino a pensare, tutto diventa pesante, si ha solo voglia di “staccare la spina”, non vi sembra che tutti noi, ora come ora, ci troviamo in questa assurda situazione mentale?

Del resto se si tenta di mettere in atto un cambiamento, se si mette in discussione il canovaccio sociale, se si percepiscono iniquità, incongruenze, franche ingiustizie e non si vuole scendere a patti subendole… si è classificati come sovversivi, quindi si viene tacciati, e… in un modo o nell’altro il sistema vince.
Occorre, però, a questo punto domandarsi quanto e come questo sistema sociale “vincente” possa essere considerato sano, competente, in evoluzione, oppure profondamente malato, incapace di cogliere gli stimoli costruttivi che nascono dalla base, tanto da perseguire il pensiero critico del singolo spingendo verso l’omologazione.

L’omologazione è un metodo di controllo molto efficace per il sistema, ma purtroppo crea forte disagio individuale, in quanto il singolo si sente sottoposto ad una pressione costante tesa a conformare. Ogni individuo per potere trovare il suo equilibrio ha bisogno di riconoscersi, di individualizzarsi, di percepirsi staccato dagli altri, ma parte del gruppo e in un ruolo ben preciso.

L’individuo dovrebbe tendere ad accogliere le regole del gruppo cui sceglie di appartenere, o nel quale si ritrova, pur non reprimendo se stesso e soprattutto la sua criticità e la sua diversità. Perché questo avvenga, occorre che il gruppo di appartenenza sia sano e competente e che le regole che lo sostengono e al contempo lo tutelano, siano in sintonia con le dinamiche che si muovono al suo interno, quindi in evoluzione. Quando impera l’omologazione, che diventa la manipolazione di un’oligarchia sulla più parte della popolazione (definita “massa”), ecco che la diversità, insita in ogni essere vivente, si trasforma in deficit, anziché essere riconosciuta quale risorsa.

Credo sia facilissimo comprendere come la populistica politica imperante possa incontrare diverse difficoltà, almeno nell’ambito della comprensione delle dinamiche sociali, e di conseguenza quanto in realtà il populismo allontani la base dal vertice creando un canale di comunicazione alterato da pregiudizi, incomprensioni sino ad utilizzare l’equivoco e l’aggressività per proporre-imporre l’impensabile e… chi non la pensa così… è “un comunista” (o “communista”, come dice simpaticamente il giornalista Luca Bottura nel suo programma radiofonico di satira politica mattutino), come ad individuare una categoria (un’ideologia ?) fallita, carica di significati negativi ed invalidanti il sociale, o comunque un nemico da contrastare.

Ora dovremmo domandarci se non fosse il caso di pretendere che chi decide di scendere in politica venisse sottoposto ad un protocollo di valutazione psicologica, oltre che tecnica. Non è forse vero che diverse professioni considerate ad alto rischio, per via delle possibili gravosissime ed impegnative decisioni cui devono dare seguito, per potere essere svolte si sono regolamentate sottoponendo i candidati a diverse prove a valutazione della competenza di chi le eserciterà ? Non capisco il perché non lo si faccia anche per la politica, del resto la storia insegna suggerendoci diversi esempi di “statisti” che hanno espresso la loro psicopatologia coinvolgendo milioni di individui inermi ed innocenti (non è sufficiente, quale esempio, un “soggettino” stile Hitler?).

Come suggerisce Hugh Freeman nel suo “Le malattie del potere” bisognerebbe conoscere meglio il funzionamento cerebrale dei leader politici, questione per la quale la gente in genere dovrebbe nutrire una legittima preoccupazione essendo che la malattia privata, come accaduto più volte, può coinvolgere il presente ed il futuro di milioni di persone. Occorrerebbe tentare almeno di proteggere la popolazione dalle conseguenze dell’umana debolezza nelle sue manifestazioni psichiatriche, del resto tutt’oggi non è difficile evidenziare le devianze del singolo o del gruppetto oligarchico quale fonte responsabile di fatti sociali di gravità inaudita.



“La storia della follia è la storia del potere. Potere e follia sono al contempo impotenza e onnipotenza. Occorre un grande potere per controllare questo fenomeno. Finendo con il minacciare le normali strutture dell’autorità riconosciuta, la follia è impegnata in un dialogo senza fine, talvolta un monologo monomaniacale circa il potere” Roy Porter.

Nel gennaio 2009 “Brain – the Journal of Neurology” pubblicò un interessante articolo redatto da David Owen (House of Lords, London, UK 2 Department of Psychiatry and Behavioural Sciences, Duke University Medical Center, Durham, USA) che proponeva un modello di struttura di personalità confluente in un disagio psicopatologico più che mai adeguato ad esponenti storici e attuali della classe dirigente: la sindrome da Hubris, dal significato etimologico chiaro e diretto.
Il soggetto portatore presenta un modello comportamentale che si può riassumere attraverso una semplice schematizzazione:

▪ intende il mondo come un posto ove auto-glorificarsi attraverso l’uso del potere personale

▪ tende ad agire primariamente per migliorare la propria immagine personale

▪ mostra una preoccupazione sproporzionata per ciò che concerne la sua immagine e l’apparire

▪ esibisce una sorta di zelo “messianico” nell’ambito della sua attività e i suoi discorsi sono caratterizzati dall’esaltazione

▪ attua una sorta di fusione tra se stesso, la nazione o l’organizzazione che “rappresenta”

▪ la sua conversazione è caratterizzata da una tendenza a parlare di sé in terza persona

▪ mostra un’eccessiva fiducia in se stesso

▪ manifesta disprezzo nei confronti di coloro che vive come possibili avversari

▪ si dimostra responsabile e, quindi sottoposto solo al giudizio di un tribunale superiore, come potrebbero essere la storia e/o Dio, e lo mostra con convinzione incrollabile

▪ perde il contatto con la realtà

▪ spesso il suo comportamento si esprime ricorrendo all’irrequietezza, all’incoscienza e alle azioni impulsive

▪ permette l’invischiamento con aspetti della sua vita che nulla hanno a che fare e che, invece, possono deviare gli obiettivi prioritari insiti nel suo ruolo

▪ dimostra incompetenza e disprezzo verso chi lavora seguendo tecniche consolidate; la si potrebbe definire “hibristica incompetenza” determinata dall’eccesso di fiducia in se stesso che induce a bypassare i “dettagli” considerati non di adeguato livello


Il filo rosso che lega queste caratteristiche confluisce in quell’insieme di esagerato orgoglio e di arroganza che fanno lievitare l’autostima e al contempo il disprezzo per la “pochezza” degli altri. La mancanza di ascolto emergente incuneano sempre più nell’hubris, del resto chi si trova all’interno dell’élite di potere, e, ancora di più, chi si trova al vertice, cede spessissimo alla tentazione di ascoltare solo ciò che vuole sentire, fermo restando che questa tendenza massimalista viene rinforzata da specifici tratti di personalità, quali aggressività e dogmatismo.

Alcuni punti di vista inquadrano questo comportamento nel narcisismo, per altri rappresenta una sorta di pericolo professionale nel quale possono incappare coloro che aspirano al potere e fanno di tutto per ottenerlo e conservarlo, sia che si parli di mondo della politica, come di quello degli affari, militare o accademico, il punto sta nella concezione del “potere” inteso come soverchiante.

Se si osserva questo insieme di comportamenti dal punto di vista clinico, allora cambia la prospettiva assumendo una caratteristica che è appunto quella della sindrome, fermo restando la diagnosi differenziale con patologie quali il bipolarismo, nel quale l’atteggiamento riportabile all’onnipotenza è presente nella sua fase maniacale. É quindi possibile dal punto di vista medico individuare le caratteristiche della sindrome da hubris e conseguentemente contribuire, attraverso l’apparato legislativo, ad arginarla, limitandone alcune espressioni, a salvaguardia della comunità e quindi della democrazia.

La sindrome da hubris è comunque condizione acquisita, ovviamente agente su di una struttura di personalità predisposta, derivante dal vissuto del possesso del potere, specie un potere associato ad un successo travolgente detenuto per un periodo di anni e con limitazioni rappresentante da vincoli minimi. Si sviluppa al di là del fatto che la leadership possa essere giudicata in termini positivi o negativi, non dipende dagli esiti oggettivabili, è una sorta di arroccamento del leader cui, come sempre, si attaccano degli individui-parassiti più a corredo che in sostanza.

L’essere eletti a cariche istituzionali elevate per un leader democratico è un evento significativo, vittorie elettorali successive possono aumentare la probabilità di acquisire una certa arroganza, se la struttura di personalità non è solida si può instaurare la sindrome da hubris che può evidenziarsi, sino a scompensarsi, dinanzi a situazioni di grave crisi, come ad esempio guerre incombenti e/o disastri finanziari.

È intuibile che più il sistema tende al totalitarismo più può essere facile ritrovarsi in piena hubris, i dittatori sono particolarmente soggetti a presunzione ed arroganza in quanto sono assoggettati a pochi, se non nulli, vincoli di contenimento che invece dovrebbero operare nei sistemi democratici.

Lord Owen nel suo “In Sickness and in Power: Illness in Heads of Government During the Last 100 Years”, pubblicato nel 2008, valuta una serie di personaggi di rilievo storico cercando di mantenere integra la sua visione clinica e descrivendone le espressioni comportamentali a posteriori. Per fare un esempio, Owen asserisce che Benito Mussolini fosse un bipolare, esattamente come Saddam Hussein, mentre John F. Kennedy avrebbe espresso un hubris occasionale, particolarmente evidente durante la crisi internazionale della Baia dei Porci del 1961. D’altro canto non si può non tenere nella giusta considerazione la storia clinica di Kennedy che, ammalato di morbo di Addison, era sottoposto ad una terapia farmacologica a base di steroidi e di anfetamine con evidenti conseguenze comportamentali.

Lord Owen è particolarmente qualificato per potere approfondire la tematica, in quanto oltre ad essere medico psichiatra, è stato anche ricercatore in ambito neurologico e psicofarmacologico, oltre che politico di primo piano (Sottosegretario di Stato per la Marina Militare, Ministro della Salute Pubblica e Ministro degli Affari Esteri d’Inghilterra) e, proprio in virtù della sua storia professionale, non ha mai tenuto nascosto la convinzione dell’esistenza di una stretta relazione tra medicina e politica: “… i politici sono anche coloro che hanno la vita delle persone nelle loro mani … I politici, soprattutto i capi di governo, devono prendere molte decisioni che hanno effetti di vasta portata sulla vita delle persone che governano, decisioni che possono, in casi estremi, essere di vita o di morte… Per i politici e per i medici è attributo essenziale la capacità di esprimere giudizi realistici su ciò che può o non può essere perseguito. Tutto ciò che colpisce la mente può fare danni considerevoli … Il rapporto tra la politica e la medicina, mi ha da sempre affascinato. Non c’è dubbio che la mia carriera politica, come medico, abbia alimentato il mio interesse e influenzato la mia visione dei fatti. Sono particolarmente interessato agli effetti della malattia dei capi di governo nel corso della storia “.

Quando i tratti negativi della sindrome emergono nei leader politici, la loro capacità di prendere decisioni viene seriamente compromessa, portando a conseguenze disastrose in ambito politico e sociale. Spesso vengono compiute azioni destinate solo a rinforzare la propria immagine, assegnandole un’importanza esagerata e perdendo così di vista gli obiettivi insiti del ruolo nel quale si è calati. Viene perso il contatto con la realtà, l’impulsività imprudente conduce inesorabilmente all’inadeguatezza. Seguendo i ragionamenti di Lord Owen una carriera hibrística procede più o meno in questo modo: l’eroe ottiene gloria e consensi per avere raggiunto un successo che pareva insolito, contro ogni probabilità. L’esperienza vittoriosa può, col tempo, indurre ad assumere un atteggiamento sprezzante nei confronti degli altri, vissuti come comuni mortali, può gonfiare l’autostima sino a perdere il contatto con la realtà.

Questa perdita di oggettività può alterare la visione del contesto, rischiando degli affondi piuttosto pericolosi in termini di errori di valutazione nei propri confronti, nei confronti delle persone di cui è responsabile, oltre che della situazione complessiva. Secondo Owen, prima o poi il portatore di sindrome da hubris soccombe ad una punizione e conosce la sua nemesi, facendo riferimento alla tragedia greca nella quale l’eroe che commette l’atto hibrístico, cercando di debordare dalla condizione umana, immaginandosi superiore ed in possesso di poteri divini, viene punito da Nemesis, la dea della vendetta, che lo distrugge.

Per questa sindrome attualmente non esistono cure, anche perché l’affidarsi a cure psicologiche tende a cozzare con la struttura di personalità del portatore. La “medicina” migliore è la consapevolezza di chi ha, o avrà, a che fare con lui, oltre che consolidare le regole, le leggi che possano arginare l’impulso distruttivo insito nella sindrome.

Note di approfondimento
- Hubris syndrome: An acquired personality disorder? A study of US Presidents and UK Prime Ministers over the last 100 years
- Hugh Freeman, “Le malattie del potere”, Garzanti Ed. 1994
- La sindrome Hubris, particolare disturbo della personalità
- Nicola Gratteri, Antonio Nicaso, “La malapianta”, Mondadori, 2009
- David Owen
- David Owen, In Sickness and in Power: Illness in Heads of Government During the Last 100 Years (Methuen, 2008)
- Roy Porter, “A Social History of Madness: Stories of the Insane”, Weidenfeld & Nicolson, 1987
- Hubris syndrome: An acquired personality disorder? A study of US Presidents and UK Prime Ministers over the last 100 years
- Acerca de LEA
- Locos Egregios di Juan Antonio Vallejio-Nagera
Fonte:

[ Modificato 15:50 05 mag 2012 ]





Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
♫nessuno♫
16:46 07 mag 2012
Utenti Registrati #1304
Registrato il: 19:57 05 giu 2010
messaggi: 713
Un branco di ladri. {Video "FRANCIA , GRECIA - BASTA CON I SERVI DELLE BANCHE !"}





Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
farfalla5
21:18 07 mag 2012
AG-STAFF COLLABORATORE
Utenti Registrati #180
Registrato il: 17:21 16 gen 2008
messaggi: 13206






Torna ad inizio pagina
                                                
Richard
14:11 09 mag 2012
Redattore

Registrato il: 16:57 06 giu 2007
messaggi: 19657

Fra i tanti discorsi e le obiezioni che vengono ripetuti in questi giorni, uno che va molto di moda, soprattutto a sinistra, è quello di dire che Beppe Grillo e il programma del MoVimento da lui fondato ignorerebbero il grande e drammatico tema del lavoro.
L’accusa è subdola, tanto e vero che di primo acchito molti non sanno come ribattere. E’ un argomento furbo, innanzitutto perché si tratta di uno dei grandi cavalli di battaglia, e giustamente, delle lotte sociali della sinistra. Difficile negarlo a priori.
Poi, per i sottintesi che si porterebbe dietro: da quello che non si abbia la più pallida idea in merito, che il programma del MoVimento sia incompleto e velleitario, e che sarebbe pericoloso mettere in mano a questi dilettanti la politica, la quale richiede soluzioni ben più articolate, all’insinuazione neppure troppo velata che ci sia qualcosa dietro, non soltanto incompetenza: che, cioè, sia troppo scomodo affrontare certi temi, scoprirsi e prendere posizioni. Ipotizzando oscure alleanze e trame con i grandi poteri finanziari per distogliere l’attenzione da ciò che è davvero cruciale.
..


programma
Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione





Torna ad inizio pagina
                                                
InneresAuge
17:35 09 mag 2012
Utenti Registrati #203
Registrato il: 02:07 02 feb 2008
messaggi: 2179
Il vero problema loro è che devono continuare a prendersi il denaro pubblico, tutto per loro e le loro clientele, e continuare a prendere per i fondelli le persone con la finta spartizione destra sinistra che riguarda più interessi particolari che idee politiche per il futuro. Il tema del lavoro, è 20 anni che viene trattato come una maschera. Le prime forme precarie di lavoro, le hanno fatte proprio loro del centro sinistra. Con la "promessa" che poi avrebbero previsto, in futuro, forme di assicurazione sociale come accade negli altri paesi europei sviluppati e con un welfare state. Ovviamente quando c'è da impoverire il cittadino, non si rimanda ma si fa subito, ma quando invece ci sono dei diritti da garantire... si rimanda e cade il governo (come è accaduto con Prodi dopo dopo la riforma "Treu" dei suoi CoCoPro...).

Altri tre tragici suicidi a causa della crisi e Monti dà la colpa ad altri.
Ecco, però, come funziona nel resto d'Europa...


Altre tre persone hanno deciso di togliersi la vita, sulla scia dei suicidi che stanno avvenendo in tutta Italia in questi giorni. Le motivazioni sono sempre le stesse: impossibilità a pagare i debiti, a mangiare, disoccupazione, precarietà e così via. Anche se i dati dell’ISTAT affermano il contrario.
Un uomo di 60 anni – titolare di un’azienda in crisi – si è impiccato a Cesate, in provincia di Milano. Il cadavere è stato rinvenuto nei boschi del Parco delle Groane da alcuni passanti, che hanno immediatamente dato l’allarme ai Carabinieri. Accanto al corpo, è stato trovato un biglietto che l’uomo aveva lasciato, motivando il gesto e spiegando la difficoltà a pagare i debiti.
A Salerno, il suicidio di Generoso Armenante che era disoccupato da 2 anni, quando perse il suo lavoro di custode. Continuava a vivere nell’alloggio di servizio ma, quando gli è stata data la notizia che avrebbe dovuto lasciare la casa dove aveva vissuto, ha deciso di impiccarsi. L’uomo aveva appena finito di pranzare con la famiglia, poi si è appartato e si è tolto la vita. La figlia ha trovato il corpo del padre ormai senza vita e, piangendo ed abbracciandolo, ha allertato la Polizia. Anche in questo caso, è stato trovato un biglietto d’addio: “Perdonatemi, sono un fallito. Non ce l’ho fatta più, per questo motivo ho deciso di sparire per sempre“.
Il terzo suicidio – a San Valentino Torio, in provincia di Salerno – è stato quello di Angelo Coppola, un operaio edile di 62 anni. Disoccupato dal Natale scorso, si è fucilato al petto nella sua abitazione. Accanto al corpo dell’uomo, un chiaro biglietto: “Senza lavoro non si può vivere“. Il cadavere dell’uomo è stato rinvenuto dalla famiglia. L’operaio aveva, inoltre, numerosi problemi economici, proprio a causa della mancanza di lavoro.
Ed il mondo politico? Continua a dimenticarsi dell’articolo 1 della Costituzione italiana: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro“. I politici continuano ad avere stipendi da urlo, vitalizi da 3 mila euro al mese - anche chi ha fatto il Parlamentare per un solo giorno – e a dissanguare chi, invece, ha sempre di meno. Uno spreco di denaro pubblico che sembra non importare neanche al Presidente del Consiglio Mario Monti – e a chi c’è stato prima di lui – che ha affermato: “Le conseguenze umane della crisi dovrebbero far riflettere chi ha portato l’economia in questo stato e non chi da quello stato sta cercando di farla uscire“, dimenticandosi di dire che – forse, non tutti lo sanno – nel resto d’Europa, le cose sono un po’ diverse.
In molti paesi d’Europa, infatti, ai cittadini è garantito un reddito minimo contro la disoccupazione e la povertà. Questo diritto esiste, infatti, in tutti gli stati membri dell’Unione Europea, tranne in Italia, Grecia e Bulgaria. In Inghilterra, ha il nome di ”Income-based Jobseeker’s Allowance“, non ha un limite temporale, se ne ha diritto dai 18 anni e, se si ha un reddito inferiore a circa 13 mila euro, ammonta a 300 euro al mese. In Francia, si parte da un minimo di 425 euro al mese, che aumenta se le famiglie sono numerose e l’età minima per percepirlo è di 25 anni. In Norvegia, esiste addirittura il “reddito di esistenza” che corrisponde a 500 euro mensili e per cui non vi sono limiti di età; inoltre, lo Stato stesso prepara le dichiarazioni dei redditi ed i cittadini vengono aiutati attivamente ad inserirsi nel mondo del lavoro e, se dovessero continuare a non trovare un impiego, è previsto un sussidio di circa 1.150 euro al mese. In Germania, l’aiuto economico è di 345 euro al mese, ma è di più se le famiglie sono numerose e può essere percepito dai 16 ai 65 anni.
Insomma, è chiaro che tutti i paesi dell’Unione Europea hanno una sorta di “assicurazione”, nel caso in cui una persona perda improvvisamente il lavoro, non lo trovi o si trovi in gravi condizioni economiche. “Assicurazione” che – il tutto rispondendo a determinate caratteristiche, che variano da paese a paese, per accertare il reale bisogno e la reale difficoltà a trovare un impiego – aiuta ad evitare tragici risvolti come quelli a cui stiamo assistendo in questi giorni, in Italia. Provvedimenti europei che i nostri politici si guardano bene dal pronunciare quando, sempre più spesso, ci paragonano – erratamente – ai nostri compagni europei.



continua su


[ Modificato 17:39 09 mag 2012 ]





Torna ad inizio pagina
                                                
brig.zero
09:18 11 mag 2012
Utenti Registrati #300
Registrato il: 18:40 09 mag 2008
messaggi: 5541
Beppe Grillo spara: Italia non paghi il debito ed esca dall'euro ...









Torna ad inizio pagina
                                                
Pier72Mars
06:47 12 mag 2012
Utenti Registrati #1553
Registrato il: 15:42 01 feb 2011
messaggi: 2771
CONTRO I NUOVI "GRILLINI". METTIAMOCI IN GIOCO AL SERVIZIO DEL PAESE
di Beppe Grillo - 11 maggio 2012
C’è un vizio in questo Paese, quello di accorrere in soccorso del vincitore. Oggi sono tutti grillini. Io lo dico subito: “I grillini mi stanno sui coglioni”. Adoro invece chi partecipa al Movimento 5 Stelle prendendosi ogni responsabilità. Con nome e cognome, per migliorare questo Paese

C'è un vizio in questo Paese, quello di accorrere in soccorso del vincitore.
Qualcuno si attarda, ma è sempre il più ottuso, chi non ha capito ancora che aria tira. Il doppio avvitamento carpiato è uno sport nazionale dai tempi di Mussolini. Prima tutti sotto palazzo Venezia, poi tutti a piazzale Loreto. Oggi sono tutti grillini. Io lo dico subito per mettere le mani avanti e non trovarmi domani a testa in giù: "I grillini mi stanno sui coglioni". Adoro invece chi partecipa al Movimento 5 Stelle prendendosi ogni responsabilità. Con nome e cognome. Lo amo perché si mette in gioco in prima persona per migliorare l'Italia senza chiedere nulla in cambio e senza seguire un leader.





Torna ad inizio pagina
                                                
Pier72Mars
06:49 12 mag 2012
Utenti Registrati #1553
Registrato il: 15:42 01 feb 2011
messaggi: 2771


COS'È QUESTA, SE NON RIVOLUZIONE?
di Maurizio Mignosa - 10 maggio 2012
Il M5S è antipolitica? Demagogia? No, è semplicemente rivoluzione, bisogno di rinnovamento. I cittadini se ne sono accorti e hanno cominciato a respirare questa piacevole aria nuova, dopo aver respirato per anni lo smog della vecchia politica



In Europa la Francia ha voltato pagina, ora c'è Hollande (ancora da testare però) a cui fa fronte un'altra garante della democrazia, Marine Le Pen, la Grecia si sta preparando a sbattere la porta in faccia all'austerity e in Irlanda e in Spagna è pronto il referendum sul Fiscal Compact. In Italia la vittoria dei SI nel referendum anti-casta in Sardegna, le 95.000 segnalazioni al Governo per una Spending Review che riguardi i costi della politica, la fiducia persa dai partiti alle elezioni e il BOOM (che solo Napolitano non ha sentito) del Movimento 5 Stelle alle amministrative: ora si che soffia forte il vento della rivoluzione.

Stiamo uscendo via via da tutte le celle di quella prigione politica che ci ha tenuti rinchiusi e sedati per anni, e cercheremo di evitare la prigione dell'austerity che fino ad ora ha fatto solo si che la percentuale dei suicidi e della disoccupazione crescesse a dismisura. I castelli di carte dei partiti (quelli che rappresentano uno schema politico superato), che per l'intera campagna elettorale hanno cercato di difendersi da quella che loro chiamano antipolitica, stanno crollando sotto l'effetto del soffio di aria nuova che ha caratterizzato le intere amministrative, e Napolitano (il garante della partitocrazia) sta cercando di difenderli in ogni modo, ma per fortuna, come dice Grillo, tra un anno si riposerà. L'aria nuova difende la legalità, la democrazia, l'ambiente, l'informazione libera e va contro lo strapotere delle banche, non come l'attuale governo che le difende fino alla morte (degli imprenditori). In un paese dove l'antipolitica, quella vera, chiama demagoghi, populisti i cittadini è un paese dove la democrazia è malata. Per questo il Movimento 5 Stelle vince, perchè ha il coraggio di andare contro il sistema che a sua volta va contro i cittadini, e di conseguenza ha il consenso che si merita, e le proposte, in antitesi a quelle scandalose dei partiti non possono che essere buone proposte. Le percentuali a Genova e Parma sono solo le micce di una bomba che è pronta ad esplodere alle politiche dell'anno prossimo. I partiti hanno fallito, i tecnici hanno fallito e hanno chiamato i super-tecnici con idee che sono le copie di quelle degli stessi tecnici.

E' antipolitica? Demagogia? No, è semplicemente rivoluzione, bisogno di rinnovamento. I cittadini se ne sono accorti e hanno cominciato a respirare questa piacevole aria nuova, dopo aver respirato per anni lo smog della vecchia politica. I potenti sono avvertiti, il boom è avvenuto e l'hanno sentito tutti, meno chi non lo ha voluto sentire.





Torna ad inizio pagina
                                                
Pier72Mars
17:26 12 mag 2012
Utenti Registrati #1553
Registrato il: 15:42 01 feb 2011
messaggi: 2771


Non si aprono sezioni di Partito.....


DI IVAN PASTORE

Cosenza -
Ciao a tutti

Stiamo ricevendo un sacco di Mail da tutta la Calabria e ne stiamo sentendo di tutti i colori , quindi vorrei mettere in chiaro chi e' e che cos'è il Movimento 5 Stelle visto che quasi tutte le persone che ci hanno contattato non hanno le idee ben chiare ed in alcuni casi a loro insaputa . Quindi usero' un post di un nostro amico/attivista della Lombardia Vito Crimi che mi sembra molto esplicativo :

Sono decine e decine le richieste di contatto, collaborazione, apertura sezioni (addirittura qualcuno che mi chiede l'apertura di una sezione "in esclusiva"), altri mandano curriculum per confermare la loro professionalità, altri si presentano subito con il loro titolo professionale o competenza... richiesta di tesseramento, iscrizione.... oggi che il movimento 5 stelle è un BRAND con potenziale elettorale fioccano le richieste di adesione...
A tutti quanti vorrei dire solamente che questo non è un ufficio di collocamento per la politica....
La tentazione di dare delle rispostacce è forte, la tentazione di chiedere "ma scusa fino a ieri dov'eri, per chi votavi, è da 7 anni che ci facciamo un culo per le strade e ci avete ignorato, organizzato incontri bellissimi con esperti, battaglie sul territorio, tutto nell'ignoranza totale"... ma mi fermo.

Sono convinto che tra tutte queste persone ci sono persone valide che hanno deciso di prendere la pillola blu... che hanno aperto gli occhi e che con sincerità potranno contribuire. A tutte queste persone ricordo ancora una volta che NON CERCHIAMO CANDIDATI ma CITTADINI ATTIVI... questo deve essere chiaro.... chiaro... chiaro... e riporto quanto ho già scritto in un precedente post:

Il MoVimento 5 Stelle non ha una struttura in sezioni, circoli e neanche tessere, non ha direttivi o segreterie, è un movimento liquido e l'unico punto di riferimento certo è il blog beppegrillo.it.
Il MoVimento 5 Stelle non è neanche un ufficio di collocamento per disoccupati della politica o per chi cerca una prima occupazione in politica, non si assegnano poltrone.
La formazione di una lista civica, o la candidatura in una lista del MoVimento non è l'obiettivo e neanche il punto di partenza, la candidatura è solo uno dei tanti strumenti che possiamo utilizzare per migliorare questo paese.
Il contributo che ogni cittadino può dare al MoVimento è la propria "intelligenza", l'intelligenza di ciascuno di noi è l'ultima risorsa che ci rimane per uscire da questa crisi, economica e sociale, ma l'intelligenza del singolo non basta, serve un'intelligenza collettiva.
Il MoVimento si propone come canale attraverso il quale cittadini consapevoli mettono in rete le proprie energie, le proprie intelligenze, le proprie esperienze, culture, idee, proposte.
Nel MoVimento 5 Stelle non si entra, nel MoVimento 5 Stelle ci sei già dentro nel momento in cui decidi di non delegare più ai dirigenti dei partiti le scelte strategiche e amministrative.
Chiunque vuol dare il suo contributo dovrebbe come prima cosa informarsi capire quali sono gli assiomi che stanno alla base del MoVimento pensiero leggendo il NON STATUTO, la Carta di Firenze e il programma 2.0.
Non è sufficiente mandarci le vostre idee e proposte chiedendoci di metterle in atto, è necessario che ogni proposta o idea sia accompagnata dalla vostra disponibilità ad essere i primi ad attivarsi perché possa essere applicata.
I cittadini a 5 stelle insieme si informano in rete cercando di bypassare i media tradizionali, tradizionalmente asserviti al potere temporaneo, cercando la fonte delle notizie, formandosi un pensiero personale e approfondiscono, studiano, guardano alle esperienze positive di altre amministrazioni italiane e non solo.
I cittadini a 5 stelle attivano le proprie capacità intellettive e di analisi e le mettono in rete con altri cittadini.
Sembra difficile, ma in realtà è semplicissimo, basta essere "VIVI" nell'accezione più bella di questo aggettivo.
Quindi cercatori di poltrone, trombati che cercate di riposizionarvi, professionisti della politica, sappiate che non cerchiamo candidati, ma cittadini attivi, cittadini a 5 stelle, che vogliono riappropriarsi della facoltà di poter decidere del proprio futuro.
Il futuro è adesso... non restiamo a guardare.
Loro non avrebbero voluto mollare, ma loro malgrado lo stanno già facendo!

Di Vito Crimi

Se qualcuno non e' d'accordo con questi concetti , mi dispiace , ma il Movimento 5 Stelle non fa per voi . I Partiti vi aspettano a braccia aperte.





Torna ad inizio pagina
                                                
Pier72Mars
07:40 16 mag 2012
Utenti Registrati #1553
Registrato il: 15:42 01 feb 2011
messaggi: 2771


Calci a giudizio in Regione Piemonte


"I consiglieri regionali del Piemonte Massimiliano Motta (Pdl) e Nino Boeti (Pd) sono stati rinviati a giudizio. Dovranno rispondere davanti al giudice di pace di minacce e percosse ai danni di Davide Bono e Fabrizio Biolè del MoVimento 5 Stelle, aggrediti mentre chiedevano all'aula di tagliare gli stipendi dei consiglieri regionali." silvanetta* .





Torna ad inizio pagina
                                                
Pier72Mars
07:45 16 mag 2012
Utenti Registrati #1553
Registrato il: 15:42 01 feb 2011
messaggi: 2771


«E' iniziato il risveglio delle coscienze!»

DI FEDERICO PIZZAROTTI

Parma -
«Ancora non ci credono, fanno fatica ad accettarlo, fanno finta di non vedere, la partitocrazia non crede esistano persone che fanno politica senza soldi pubblici, ma con la sola energia delle proprie coscienze risvegliate», afferma Federico Pizzarotti candidato Sindaco. «A Parma, i nostri concorrenti sono semplicemente scioccati nel vedere cittadini normali, liberi da conflitti, liberi da SpA, impegnati in politica senza chiedere nulla in cambio, ancora non ci credono, per loro siamo alieni, quando in realtà si stanno confrontando, semplicemente, con cittadini informati, genuini che propongono soluzioni di buon senso ribaltando la piramide di potere che i nostri concorrenti hanno costruito nei decenni»

«I parmigiani hanno la straordinaria opportunità di cambiare il proprio destino ponendo l'etica e gli esseri umani al centro della comunità scegliendo un nuovo modello economico e sociale ben descritto nel programma del MoVimento 5 stelle Parma», aggiunge il candidato al Consiglio comunale Marco Bosi.

«Il debito e il fallimento di Parma sono il frutto di un'ideologia obsoleta e disumana che appartiene a tutti i partiti. Noi del Movimento 5 Stelle di Parma ci siamo candidati per mostrare una nuova visione del mondo e delle comunità perché siamo consci che possiamo iniziare a vivere da esseri umani, tutelando l'economia locale e ridando dignità a tutti i cittadini, possiamo farlo», conclude Marco Vagnozzi, candidato al Consiglio comunale.
Federico Pizzarotti





Torna ad inizio pagina
                                                
Richard
09:54 16 mag 2012
Redattore

Registrato il: 16:57 06 giu 2007
messaggi: 19657
Pier72Mars ha scritto ...



«E' iniziato il risveglio delle coscienze!»

DI FEDERICO PIZZAROTTI

Parma -
«Ancora non ci credono, fanno fatica ad accettarlo, fanno finta di non vedere, la partitocrazia non crede esistano persone che fanno politica senza soldi pubblici, ma con la sola energia delle proprie coscienze risvegliate», afferma Federico Pizzarotti candidato Sindaco. «A Parma, i nostri concorrenti sono semplicemente scioccati nel vedere cittadini normali, liberi da conflitti, liberi da SpA, impegnati in politica senza chiedere nulla in cambio, ancora non ci credono, per loro siamo alieni, quando in realtà si stanno confrontando, semplicemente, con cittadini informati, genuini che propongono soluzioni di buon senso ribaltando la piramide di potere che i nostri concorrenti hanno costruito nei decenni»

«I parmigiani hanno la straordinaria opportunità di cambiare il proprio destino ponendo l'etica e gli esseri umani al centro della comunità scegliendo un nuovo modello economico e sociale ben descritto nel programma del MoVimento 5 stelle Parma», aggiunge il candidato al Consiglio comunale Marco Bosi.

«Il debito e il fallimento di Parma sono il frutto di un'ideologia obsoleta e disumana che appartiene a tutti i partiti. Noi del Movimento 5 Stelle di Parma ci siamo candidati per mostrare una nuova visione del mondo e delle comunità perché siamo consci che possiamo iniziare a vivere da esseri umani, tutelando l'economia locale e ridando dignità a tutti i cittadini, possiamo farlo», conclude Marco Vagnozzi, candidato al Consiglio comunale.
Federico Pizzarotti

e speriamo che si espanda come un uragano!






Torna ad inizio pagina
                                                
Vai a pagina   <<        >>  
Moderatori: pasgal, Richard, Quantico, Vincenzo Pinelli

Salta:     Torna ad inizio pagina