Forum


ALTRO GIORNALE :: Forum :: Extra Terra
<< Discussione precedente | Discussione successiva >>   

Conquista dello Spazio.

Vai a pagina   <<      
Autore Messaggio
farfalla5
01:04 27 lug 2012
AG-STAFF COLLABORATORE
Utenti Registrati #180
Registrato il: 17:21 16 gen 2008
messaggi: 13206
Secret Space 1 Gli Illuminati Alla Conquista Dello Spazio 1-8


http://www.youtube.com/watch?v=96JSdJsQycs&feature=em-uploademail





Torna ad inizio pagina
                                                
prixi
15:01 26 set 2012
AG-STAFF COLLABORATORE
Utenti Registrati #1374
Registrato il: 23:03 27 ago 2010
messaggi: 5763
Una base spaziale sulla Luna? La Nasa dice sì



O meglio, non proprio sulla Luna ma "vicino", a 38.000 miglia di distanza, molto più lontano, quindi, dell'attuale posizione della Stazione Spaziale Internazionale, che sta orbitando a 200 miglia sopra la Terra.

La base ospiterebbe un piccolo equipaggio di astronauti e fungerebbe da ambientazione per future missioni sulla Luna e su Marte. La sua posizione, a 277.000 miglia dalla Terra e 38.000 dalla Luna, viene definita "Lagrange Point 2", un punto nel quale le forze di gravità combinate di Terra e Luna raggiungono l'equilibrio, consentendo di impiantare una base con un consumo energetico minimo.

Satelliti e stazioni spazialiLe potenziali missioni comprendono lo studio degli asteroidi vicini e l'invio di droni robotizzati che avrebbero il compito di raccogliere frammenti di rocce lunari. La base servirebbe anche come punto di partenza per eventuali missioni su Marte e le sue lune, dislocati a circa 140 milioni di miglia di distanza.

L'approvazione è ancora incerta, però. Gli ostacoli maggiori sono due. Il primo è dato dalla sicurezza degli astronauti: per raggiungere la base ci vorrebbero giorni, e in quel lasso di tempo la NASA dovrebbe proteggere adeguatamente gli astronauti, in special modo dalle radiazioni, salvandoli se qualcosa va storto. Il secondo, tanto per cambiare, sarebbero i costi, nell'ordine di qualche miliardo di dollari.

In tempi di crisi come questi, Obama o il suo successore saranno disposti ad aprire i cordoni della borsa?


25 settembre 2012







Torna ad inizio pagina
                                                
Richard
17:00 26 set 2012
Redattore

Registrato il: 16:57 06 giu 2007
messaggi: 19658
ei miei scritti parlo di CIVILTA' GRAVITAZIONALE in grado di portare di diritto l'uomo fra gli altri popoli della Galassia. Forse essi sono già fra di noi, forse nell'AREA 51 i militari americani stanno copiando le loro astronavi e le loro armi. Forse la irreparabile crisi finanziaria globale dipende dalla sottrazione delle ricchezze del pianeta per preparare le guerre stellari. Sacrificio inutile, temo, contro una civiltà aliena gravitazionale non abbiamo alcuna difesa: un campo magnetico di un paio di Weber uniformemente diffuso, bloccherebbe per saturazione magnetica tutte le nostre macchine elettromagnetiche (generatori, motori e trasformatori) e tutte le comunicazioni. Disturbi gravitazionali/inerziali comprometterebbero il funzionamento dei satelliti, dei missili e delle maree. Potrebbero perfino provocare terremoti e maremoti devastanti. Anche i simboli più significativi della potenza militare: i sommergibili e le portaerei nucleari potrebbero precipitare istantaneamente in fondo all'oceano facendo aprire la massa liquida che li fa galleggiare. Per una civiltà gravitazionale tutto ciò é uno scherzo. Altrettanto facile applicare ad un asteroide un piccolo motore gravitazionale e programmarne la rotta su qualsiai punto della superficie terrestre.






Torna ad inizio pagina
                                                
Richard
13:50 04 dic 2012
Redattore

Registrato il: 16:57 06 giu 2007
messaggi: 19658
Secondo la nuova equazione, Maccone ha stabilito che potrebbero esistere da 0 (escludendo la nostra) a 15.785 civiltà extraterrestri tecnologicamente avanzate all'interno della Via Lattea, con una media approssimata di circa 4.590 civiltà aliene; un numero superiore di circa 1.000 unità rispetto alla tradizionale equazione di Drake, e che colloca ognuna di queste ipotetiche civiltà ad una distanza media di quasi 29.000 anni-luce. Anche se tutte queste civiltà riuscissero a lanciare messaggi nello spazio, resta comunque altamente probabile che la comunicazione interstellare sia fuori dalla portata di queste ipotetiche comunità.






Torna ad inizio pagina
                                                
Richard
14:14 19 mar 2013
Redattore

Registrato il: 16:57 06 giu 2007
messaggi: 19658
«La Voce della Russia»
L’Agenzia Spaziale Federale Roskosmos sta elaborando congiuntamente con l’Accademia Russa delle Scienze un programma che aiuterà a scoprire di pià dei pericoli provenienti dallo spazio, come comunicato venerdì da Jurij Makarov, capo del Centro di direzione strategica per la pianificazione dei programmi a scopo determinato del Roskosmos.

Inoltre, secondo quanto afferma, in Russia sono già iniziati dei lavori nell’ambito dei programmi spaziali a scopo determinato della Federazione per la creazione di sistemi di monitoraggio da minacce di carattere tecnogeno e spaziale dello spazio attorno alla Terra.

Makarov ha anche evidenziato che non sarebbe stato possibile esercitare influenza sul meteorite caduto oggi.






Torna ad inizio pagina
                                                
Vai a pagina   <<      
Moderatori: pasgal, Richard, Quantico, Vincenzo Pinelli

Salta:     Torna ad inizio pagina