Forum


ALTRO GIORNALE :: Forum :: Salute
<< Discussione precedente | Discussione successiva >>   

Avete fiducia nella medicina moderna?

Vai a pagina       >>  
Autore Messaggio
Quantico
13:37 05 set 2007
Redattore

Registrato il: 15:34 13 giu 2007
messaggi: 2433
Avete fiducia nella medicina moderna?

Dove la medicina moderna ha peccato
di presunzione e dove può migliorarsi?

Le terapie alternative funzionano?

In oriente come curano il paziente?

[ Modificato 16:00 09 set 2007 ]
Torna ad inizio pagina
Sito Web
altair
16:25 05 set 2007
Utenti Registrati #38
Registrato il: 23:48 05 ago 2007
messaggi: 2692
Quantico ha scritto ...

Avete fiducia nella medicina moderna?

Dove la medicina moderna a peccato
di presunzione e dove può migliorarsi?

Le terapie alternative funzionano?

In oriente come curano il paziente?


Ciao Quantico,
proponi un topic non da poco.
Mi riprometto di intervenire ma ci vorrà un po' di tempo.
Occorre riordinare bene le idee ed eventualmente documentarsi prima di affrontare i temi da te proposti (a meno che non si sia esperti del settore, medici allopatici, omeopatici, terapeuti alternativi, curanderos o sciamani).
Il grosso rischio che corre chi non è un esperto è di apparire superficiale e confuso.
Io personalmente cercherò di affrontare i primi due temi.
Il terzo e quarto tema, a mio avviso, richiedono conoscenze specifiche per essere affrontati e non li ritengo alla mia portata.






Torna ad inizio pagina
                                                
Quantico
00:17 06 set 2007
Redattore

Registrato il: 15:34 13 giu 2007
messaggi: 2433
Ciao Quantico,
proponi un topic non da poco.
Mi riprometto di intervenire ma ci vorrà un po' di tempo.
Occorre riordinare bene le idee ed eventualmente documentarsi prima di affrontare i temi da te proposti (a meno che non si sia esperti del settore, medici allopatici, omeopatici, terapeuti alternativi, curanderos o sciamani).
Il grosso rischio che corre chi non è un esperto è di apparire superficiale e confuso.
Io personalmente cercherò di affrontare i primi due temi.
Il terzo e quarto tema, a mio avviso, richiedono conoscenze specifiche per essere affrontati e non li ritengo alla mia portata.


ciao altair
si le domande richiedono grande attenzione nelle risposte,
altrimenti si finisce di cadere nel superficiale e nel ridicolo
Negli ultimi anni, si è assistito ad un crescendo di interesse nei confronti della medicina naturale e delle terapie cosiddette "alternative", che cioè si contrappongono alla medicina "allopatica" o tradizionale occidentale.
La differenza fondamentale tra la medicina tradizionale occidentale e quella definita "olistica" o naturale, sta nel fatto che nella prima, la cura della malattia avviene prevalentemente attraverso l'uso di farmaci, e nella seconda si tenta di rimuovere le cause di ciascun disturbo passando da una profonda analisi del corpo e della psiche del paziente.
Benché nessuna intenda negare l'enorme contributo della medicina moderna o il suo ruolo fondamentale nei casi di emergenza, si avverte sempre più l'esigenza di cercare vie alternative, per comprendere le origini di un disturbo non si ripresenti. La medicina naturale si propone in questo senso anche come la medicina preventiva per eccellenza




[ Modificato 00:32 06 set 2007 ]





Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
altair
02:12 06 set 2007
Utenti Registrati #38
Registrato il: 23:48 05 ago 2007
messaggi: 2692
Una premessa è necessaria.
Il tema della fiducia è una questione complessa in ogni caso. Ritengo si possa accordare fiducia in due modi. D'istinto, lasciandoci guidare da ciò che percepiamo al momento. Oppure riflettendo, soppesando i pro e i contro e basandoci sull'esperienza e sulle conoscenze acquisite.
In ambedue i casi, tuttavia, nulla ci è garantito. La fiducia accordata può essere tradita. Nel momento in cui si pone la questione della fiducia si è nell'incertezza, e ci si affida o all'istinto oppure a ragionamenti che non ci soddisfano appieno.
Se, attraverso il ragionamento, raggiungessimo la certezza il problema della fiducia non si porrebbe.

Fatta questa premessa, faccio un'affermazione.

La medicina non è una scienza esatta.

Di qualunque natura essa sia.

Ne consegue che, in qualunque medicina si creda, occorre sempre avere fiducia, poichè nessuna medicina ci offre certezze.

Dire non mi fido della medicina moderna, quindi mi affido a quella (...scegliete voi) non ci garantisce nulla.

Tuttavia alcune affermazioni certe, riguardo la medicina moderna (cioè la medicina allopatica nata in occidente, è bene precisarlo) si possono fare.

La medicina moderna è sicuramente la migliore medicina in alcuni casi specifici.

La chirurgia d'urgenza.
Far fronte, tempestivamente, attraverso la chirurgia d'urgenza, in caso di gravi traumi, o ferite da arma da fuoco, esplosiva o da taglio è senz'altro compito della medicina moderna. E' un campo nel quale proporre alternative semplicemente non ha senso.

La chirurgia plastica e ricostruttiva.
Questa specialità non si occupa soltanto di rimodellare seni, spianare rughe e raddrizzare nasi, ma interviene in caso di incidenti che abbiano provocato gravi ustioni

La chirurgia ortopedica.
Fino a pochi decenni fa, chi subiva la mutilazione di un arto doveva rassegnarsi. Oggi, questa branca della chirurgia, è in grado di riattaccare arti e restituirgli buona parte delle funzionalità.

Abbiamo stabilito un primo punto.

Il primato della medicina moderna nel campo della chirurgia.

Se, il più acerrimo nemico della medicina moderna, subisse una mutilazione, avrebbe solo due scelte.
Accettare di rimanere mutilato, oppure rivolgersi alla medicina moderna per farsi riattaccare l'arto.

Aver dato questo avvio alla discusione non è un caso.

L'Occidente materialista, con la sua medicina, eccelle negli aspetti pratici e concreti della scienza medica.
Ma la medicina non è solo pratica e concretezza.
E' molto di più.

Posto queste prime riflessioni e conto di svilupparle, ma il tema è estremamente complesso. Conto su vostri spunti che possano correttamente indirizzare il discorso.

Si possono senz'altro avere intuizioni brillanti, ma postare di getto su questi temi, forse è sconsigliabile.









Torna ad inizio pagina
                                                
pasgal
09:29 06 set 2007
Editore

Registrato il: 12:38 20 mar 2007
messaggi: 10620
altair le tue riflessioni in merito sono anche le mie.

Altri esempi sarebbero superfli, soprattutto per quanto riguarda la parte riguardante la chirurgia.
Aggiungo un'esperienza vissuta con mio figlio.

Quando aveva 2 mesi, prese l'influenza, la febbre era bassa, quasi assente, ma continuava ad avere muchi e raffreddore.

Iniziamo la cura omeopatica, avevamo deciso di provare a baipassare ("quanto possibile", gia' questa precisazione la dice lunga) la farmacologia relativa alla medicina tradizionale.

Dopo 1 mese e svariati cambi di preparazioni omeopatiche, mio figlio Mattia aveva un raffreddore cronico, gola arrossata ed un principio di bronchiolite.

A quel punto passammo alla medicina tradizionale con il classico cortisone leggero per neonati e una corretta somministrazione di antibiotico. Lo stesso medico omepatico che seguiva mio figlio, ci disse che forse era meglio passare ad un cura piu' incisiva.

Dopo 4 giorni, mio figlio guari'.

2 sono le riflessioni in merito che, mia moglie ed io, abbiamo fatto.

  • Questo mese di raffreddore e' servito per mio figlio, per creare molti anticorpi ed ora e' piu' forte, ad oggi non ha piu' avuto un raffreddore ed ha 10 mesi. Nessun vaccino somministrato.

  • Chissa' se era sul punto di guarire gia' e la cura medica a base di cortisone e antibiotico e' stata solo la spinta finale, un'accellerata che si poteva evitare.


Oggi non so cosa pensare o cosa fare se mio figlio si riammalasse, sono confuso su questo.

L'esperienza che riporto non e' riferito alle medicine orientali (lo so), non avrei saputo che rimedio adottare per curare un'influenza. Pero' pone a favore, in questo caso, per la medicina tradizionale ed e', sempre in questo caso, a sfavore delle alternative omeopatiche.





Torna ad inizio pagina
                                                
iniziato
12:33 06 set 2007
Utenti Registrati #32
Registrato il: 11:53 26 lug 2007
messaggi: 1673

Avete fiducia nella medicina moderna?
Assolutamente No, zero totale.

Dove la medicina moderna a peccato
di presunzione e dove può migliorarsi?

tolti i punti segnati da altair riguardanti la chirurgia di urgenza che anchessi comunque andrebbero rivisti sotto una luce diversa, direi che la medicina moderna è completamente da ristrutturare.


Le terapie alternative funzionano?

certo e inoltre concordano con i dettami di ippocrate
Primum non nuocere , a differenza delle terapie moderne.







Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
iniziato
12:42 06 set 2007
Utenti Registrati #32
Registrato il: 11:53 26 lug 2007
messaggi: 1673
cortisone leggero...
antibiotici...
chemioterapia...

questa non è medicina. Questo non è guarire.

Ho un tumore ad un organo, la medicina ufficiale lo taglia!! , questa è macelleria.

La medicina ufficiale moderna non ha mai guarito nessuno.

Guarire è capire di aver commesso degli errori e cambiare.






Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
Quantico
14:26 06 set 2007
Redattore

Registrato il: 15:34 13 giu 2007
messaggi: 2433
iniziato ha scritto ...

cortisone leggero...
antibiotici...
chemioterapia...

questa non è medicina. Questo non è guarire.

Ho un tumore ad un organo, la medicina ufficiale lo taglia!! , questa è macelleria.

La medicina ufficiale moderna non ha mai guarito nessuno.

Guarire è capire di aver commesso degli errori e cambiare.





io ho visto morire 2 parenti

sotto la chemio





Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
marklokash
18:08 07 set 2007
Utenti Registrati #23
Registrato il: 19:53 20 lug 2007
messaggi: 11
Consiglio un libro che tutti conoscerete gia':
Come impedire al vostro medico di nuocervi-Guida al paziente consapevole di Vernon Coleman.
Ed.Macro Gold





Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
sakamopo
14:50 09 set 2007
Utenti Registrati #67
Registrato il: 14:36 09 set 2007
messaggi: 7
Sono appena iscritto e trovo sto posto interessantisimo per dibattere.
Sono un medico di 46 anni, senza specializzazioni, ho fatto una seconda laurea in Biologia molecolare e sto inziziando fisica. Amo studiare e mettere in critica quello che faccio. Mi occupo di omeopatia e di biofisica e ritengo questa la via piu bella (per ora) per il nostro corpo, anche se immagino il medico a 360 gradi sia nello studio che nella applicazione, integrando tutto quello di cui è a conioscenza per il bene dell'uomo.
Se posso aiutare lo faccio, senza discriminazioni.






Torna ad inizio pagina
                                                
pasgal
16:01 09 set 2007
Editore

Registrato il: 12:38 20 mar 2007
messaggi: 10620
sakamopo ha scritto ...

Sono appena iscritto e trovo sto posto interessantisimo per dibattere.
Sono un medico di 46 anni, senza specializzazioni, ho fatto una seconda laurea in Biologia molecolare e sto inziziando fisica. Amo studiare e mettere in critica quello che faccio. Mi occupo di omeopatia e di biofisica e ritengo questa la via piu bella (per ora) per il nostro corpo, anche se immagino il medico a 360 gradi sia nello studio che nella applicazione, integrando tutto quello di cui è a conioscenza per il bene dell'uomo.
Se posso aiutare lo faccio, senza discriminazioni.



Il mio piu' caloroso: benvenuto!

Entrando in merito al topic, cosa ne pensi della medicina tradizionale?






Torna ad inizio pagina
                                                
iniziato
19:54 09 set 2007
Utenti Registrati #32
Registrato il: 11:53 26 lug 2007
messaggi: 1673
ciao sakamoto benvenuto!
Ho una domanda, come si fa a far conciliare la propria umanità, la propria sensibiltà, in un ambiente , quello dei medici, dove giornalmente vengono prescritti veleni e tossici in cambio di denaro, silenzio in cambio di informazione, separazione (camice bianco) invece di unione.

Come fa un medico a vedere un tornaconto economico in un essere uguale a lui che soffre?

Tu da medico aperto come conduci la tua vita , le tue giornate, sapendo che una parte di te conosce sempre la verità delle cose e invece i tuoi occhi e tutti i toi sensi registrano fatti di ordinaria follia , istituzionalizzati , timbrati , incamiciati?

Lavori in uno studio o in un ospedale? se lavori in un ospedale quante doccie fai al giorno?

qualcuno disse:

La medicina è la sola professione che lotta incessantemente per distrugger la ragione della propria esistenza.
James Bryce

In medicina non è necessario – e forse è dannoso – essere troppo inteliggenti.
Robert Hutchison

Un medico che curi se stesso ha un matto per paziente.
William Osler

Colui che pecca contro il proprio Creatore sarà lasciato nelle mani dei medici.
Ecclesiastico 38, 15


La salute è una pianta rara di cui i medici non sono ancora arrivati a distruggere la specie.
Pierre Veron

La medicina consiste nell'introdurre droghe che non si conoscono in un corpo che si conosce ancor meno.
Voltaire






Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
sakamopo
19:57 09 set 2007
Utenti Registrati #67
Registrato il: 14:36 09 set 2007
messaggi: 7
per pasqal:
nella tradizionale ci sno dentro per forza, pero spero di avere quella obbeittività che mi consenta di aiutare al meglio i miei pazienti senza mai perdere di vista la persona prima di tutto.
Medicina integrata: ecco la formula. Ognuno dia ciò che puo', ma alla persona , non alla malattia o al sintomo.
La medicina complemenetare ne è la prova e funziona, però per questo non eliminerei la tradizionale, solo ne farei un uso piu corretto e piu umano.






Torna ad inizio pagina
                                                
iniziato
20:44 09 set 2007
Utenti Registrati #32
Registrato il: 11:53 26 lug 2007
messaggi: 1673
buon giorno sagamato ho visto che hai risposto al buon pasgal ma non a me ?
Intendi rispondere in futuro? o io e gli altri amici del forum dobbiamo pensare ad un tuo rifiuto di dare delle risposte alle domende che ti si sono poste?

Per tutti



qui trovate una delirante definizione di medicina complementare termine , mia ignoranza, sentito da sagamoto per la prima volta nel post qui sopra.

Sagamatta è corretto qullo che è postato sul sito di sopra riguardo la medicina complementare ? se no puoi darci una fonte presso la quale possiamo informarci?

sul sito leggo

Quante volte capita che un medico si senta comunque in dovere di prescrivere farmaci che sa non faranno granché nei confronti della patologia? Spesso è il paziente stesso che lo spinge a questo grossolano errore (illudere un paziente è sempre un grave errore), ma a volte la causa è una motivazione psicologica personale.

Il delirio di onnipotenza è la pretesa da parte del terapeuta (usiamo questo termine per non riferirci ai soli medici convenzionali) di essere in grado di guarire ogni patologia. Si manifesta in due modi classici:

*

esteso; il terapeuta si ritiene in grado di guarire un gran numero di patologie, spesso si sente in grado di curare ogni patologia.
*

Ristretto; pur sapendo che le cause di una patologia sono molte e diverse, a volte sconosciute, il terapeuta pensa di essere in grado di guarire ogni forma della patologia in questione.


ragazzi mi dovreste vedere , sto strippando!! , a quest'ora leggere queste cose ... penso che questa notte non dormirò


bene rispondo a quanto sopra con una nuova citazione visto che ne sono in vena

“Se vi è qualcuno che creda che l’arte medica possa compiere più di quanto natura permetta, egli non soffre tanto di ignoranza quanto, piuttosto, di demenza”.

questa volta detta dal grande, magnifico Leonardo da Vinci

SakkoMolto attendiamo risposte grazie!





Torna ad inizio pagina
Sito Web                                                 
Vai a pagina       >>  
Moderatori: pasgal, Richard, Quantico, Vincenzo Pinelli

Salta:     Torna ad inizio pagina