Acceleratore Lhc, lavori in corso

Il Giornale Online

Alla sua inaugurazione, lo scorso mese di settembre, l'LHC, ossia il Large Hadron Collider, aveva fatto parlare di sé tutto il mondo. E questo per due motivi. Il primo, più veritiero e scientifico, era legato al fatto che all'interno dell'LHC particelle atomiche e subatomiche si sarebbero dovute scontrare a velocità prossime a quelle delle luce per ricreare le condizioni avutesi subito dopo il Big Bang. Il fine primo della ricerca, infatti, è quello di trovare l'origine della “massa” (ossia la misura dell'inerzia offerta dai corpi al cambiamento del proprio stato di moto), che dovrebbe risiedere in una particolare particella, il Bosone di Higgs.

Le immagini: http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/scienzaetecnologia/lhc-riparazione/1.html

Ma attraverso l'LHC, un gigantesca ciambella con un diametro di 27 km, si cercheranno anche i segreti della materia e dell'energia oscura, elementi che compongono il 76% dell'Universo in cui viviamo e di cui non si conosce quasi nulla, si cercheranno anche prove dell'esistenza di altre dimensioni e del perché nell'Universo esiste così poca antimateria che, secondo le teorie più accreditate, se ne formò, all'inizio dei tempi, tanto quanto la materia.
Il secondo motivo per cui l'inaugurazione dell'LHC fece tanto parlare fu legata al fatto che qualche ricercatore ipotizzò che durante gli scontri delle particelle si sarebbero potuti formare dei buchi neri che avrebbero inghiottito la macchina e poi la Terra nel suo insieme. Ipotesi negate a gran voce dai ricercatori del Cern, ma che hanno continuato a farsi strada fino al giorno dell'inaugurazione.

di LUIGI BIGNAMI
Fonte http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/scienze/lhc/lhc/lhc.html?ref=hpspr3

Acceleratore Lhc, lavori in corso ultima modifica: 2008-12-16T11:46:01+00:00 da deg
About the Author