Anche la marina russa ha declassificato i files sugli UFO

Il Giornale Online27-Aug-2009

di Piero Pecoraro

Grosseto: I dati catalogati risalgono al periodo dell'Unione Sovietica e sono state realizzate da una sezione speciale della Marina Russa. fra i molteplici casi ve ne sono anche alcuni che riguardano segnalazioni di incidenti inspiegabili rilasciati da comandanti di sommergibili e navi militari.

Il team era comandato da Nikolay Smirnov, Ammiraglio della Marina. Sono numerosi i documenti che parlano di casi di possibili incontri con gli UFO.

Come riportato dal sito Svobodnaya, l'ex ufficiale di marina e studioso del fenomeno UFO, Vladimir Azhazha afferma che i files declassificati sono davvero notevoli e di grande rilevanza scientifica. Dall’analisi di questi casi si evince che il 50% di incontri con gli UFO si è verificato in mare, mentre il 15% presso laghi.

In uno di questi casi si racconta che una volta un sottomarino a propulsione nucleare, che era in missione segreta in simulazione di combattimento nell’Oceano Pacifico, scoprì sei oggetti sconosciuti. Gli oggetti si misero ad inseguire il sommergibile, che tentò diverse manovre evasive per disimpegnarsi. Visto che non riusciva nell’intento, il comandate Oden decise di emergere. Gli oggetti dopo aver seguito il sommergibile in superficie si sollevarono in volo accelerando verso il cielo.

Come ricorda l’ammiraglio in pensione Yury Beketov moltissimi di questi avvistamenti si ebbero nella regione del Triangolo Bermuda,. Si verificarono diversi malfunzionamenti ai sistemi di bordo e tutto ciò senza motivo apparente. Ma quello che più preoccupò i militari furono le forti interferenze di natura magnetica ai sistemi radar e missilistici.
L'ex ufficiale di marina ha esplicitamente sostenuto che tutto ciò potrebbe essere stato causato da UFO.

Nei rapporti si legge che gli strumenti in dotazione registravano dati che provenivano sicuramente da oggetti materiali in rapidissimo movimento che sviluppavano una velocità incredibile. I calcoli hanno evidenziato una velocità di circa 230 nodi, cioè 425,5 km/h. E’ questo è davvero notevole. Infatti, accelerazioni così elevate sono incredibili nell’atmosfera, ma nell’acqua lo diventano ancora di più. La resistenza in acqua è molto più elevata. Questi oggetti sembravano sfidare le leggi della fisica. Secondo Bekelov c'è solo una spiegazione: “le creature che hanno costruito questi mezzi (gli UFO), sono tecnologicamente superiori a noi “.

Si parla anche di un caso avvenuto nel 1982 nel Lago Baikal, altro luogo sede di incredibili avvistamenti. Il lago in questione come sappiamo è il più profondo lago d’acqua dolce del mondo e sede di avvistamenti di UFO. I pescatori parlano di potenti luci che escono o sorvolano la sua superficie.

In questo file si parla di un’unità speciale di sommozzatori in addestramento che si imbattè in un gruppo di creature umanoidi che indossavano tute d'argento. L'incontro avvenne a una profondità di 50 metri. I militari cercarono di catturare uno di quegli individui. Nel tentativo tre dei sette uomini sono stati uccisi, mentre altri quattro rimasero gravemente feriti.
Intanto si continua a parlare sempre più di ufo…….

Fonte: http://www.maremmanews.tv/it1012/index.php?option=com_content&task=view&id=15589&Itemid=53

Anche la marina russa ha declassificato i files sugli UFO ultima modifica: 2009-08-28T20:01:25+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico