Antico bronzo rivela i capricci del campo magnetico terrestre

Il Giornale Online
I residui di lavorazione derivanti dalla fusione del bronzo mostrano come il campo magnetico terrestre sia mutato negli ultimi 3000 anni, con un comportamento molto più imprevedibile di quanto si pensasse in precedenza.
Il campo magnetico terrestre è in continuo mutamento. Gli studiosi dell'evoluzione del magnetismo terrestre nel corso della storia del nostro pianeta hanno sempre ritenuto che i cambiamenti nell'intensità del campo magnetico fossero lenti e di piccola entità, fluttuando di circa il 16% nello spazio di un secolo.

Ma l'analisi del magnetismo di alcuni redisui di lavorazione del metallo scoperti in alcune miniere di rame in Israele ha mostrato come il campo magnetico terrestre possa raddoppiare di intensità e diminuire velocemente nel corso di 20 anni.
“Sono risultati molto importanti” dice Luis Silva, dell'Università di Leeds. “E' completamente fuori da tutto ciò che abbiamo pensato potesse accadere nel nucleo terrestre”.
“Il campo magnetico ha raggiunto un'intensità molto superiore di quanto avessimo mai pensato in precedenza, due volte e mezza il campo magnetico attuale” dice Ron Shaar, autore dello studio e ricercatore della Hebrew University of Jerusalem. “E si possono avere cambiamenti imponenti nell'intensità del campo in un periodo inferiore alla decade”.

Per misurare la forza del campo magnetico, Sharr ha analizzato i residui della lavorazione del metallo di una antica miniera di rame egiziana. Quando il ferro fuso si raffredda rapidamente, mantiene una traccia del campo magnetico terrestre. Secondo gli attuali modelli di paleomagnetismo, si stima che il campo magnetico terrestre abbia raggiunto il massimo circa 3000 anni fa, durante l'Età del Ferro.
Le rocce dell'antica miniera di Timna in Israele sono state datate anche grazie alla presenza di capelli umani e altro materiale organico, che hanno permesso la datazione al carbonio. Il team ha fuso e raffreddato nuovamente i residui metallici in presenza di campi magnetici di intensità prestabilita, in modo tale da poter intrappolare nel metallo una forza magnetica artificialmente impressa.

Dal confronto tra i campioni della miniera e quelli artificialmente magnetizzati è emerso che il campo magnetico terrestre è improvvisamente aumentato due volte nel corso di 180 anni, una volta 2.990 anni fa, la seconda circa 2.900 anni fa. In tutti e due i casi, il magnetismo è aumentato e diminuito in soli 20 anni del 40%.
“Questi picchi geomagnetici sono molto diversi da ciò che vediamo ora o abbiamo visto in precedenza” dice Shaar. “Il campo magnetico cambia da 5 a 10 volte più velocemente di quanto abbiamo visto finora” aggiunge Cathy Constable dello Scripps Institute of Oceanography. Secondo Constable, i picchi sembrano verificarsi solo in Medio Oriente, e in nessun altro posto sul pianeta. Questo suggerirebbe che i picchi possano essere dovuti a “sacche” di ferro fuso particolarmente magnetizzato che si muovono all'interno del nucleo, e che si trovavano sotto Israele.

Fonte: http://www.ditadifulmine.com/2010/12/antico-bronzo-rivela-i-capricci-del.html

Antico bronzo rivela i capricci del campo magnetico terrestre ultima modifica: 2010-12-19T19:22:45+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)