Aspettando Venere

Il Giornale Online
L’ultima occasione del secolo per assistere al transito di Venere si avvicina, e gli astronomi si stanno già preparando per sfruttare al meglio l’opportunità anche da un punto di vista scientifico: dall’analisi dell'atmosfera del pianeta all’affinamento delle tecniche per lo studio dei pianeti extrasolari.

L’appuntamento con il transito di Venere davanti al Sole è per il 5 e 6 giugno del 2012. Tre mesi esatti da ora. E l’Italia, purtroppo, è condannata in partenza ad arrivarci in ritardo: già, perché quando il fenomeno inizierà da noi sarà notte, e con il sopraggiungere dell’alba del 6 giugno riusciremo a intravederne solo gli istanti finali. Peccato, perché la prossima occasione si presenterà solo nel 2117. Ma nessun timore: la tecnologia e un’organizzatissima rete globale di telescopi – fra i quali quelli del progetto Gloria, di cui già abbiamo parlato qui su Media INAF – ci offriranno ampie possibilità di seguire l’evento, in diretta e non, in ogni suo aspetto.

Nell’attesa, anche fra i professionisti del cielo – molti dei quali riuniti http://www.europlanet-eu.org/outreach/index.php?option=com_content&task=view&id=367 proprio oggi, per l’occasione, all’Observatoire de Paris – fervono i preparativi. Perché se lo spettacolo è irripetibile, almeno per le nostre generazioni, altrettanto lo è la possibilità offerta dal transito di Venere sul Sole per approfondire alcuni aspetti strettamente scientifici dell’astronomia. «Questo transito di Venere sarà l’ultimo nell’arco della nostra vita, e ci offrirà un’opportunità unica di osservare da vicino un pianeta simile alla Terra mentre passa davanti a una stella simile al Sole», spiega Thomas Widemann, fra gli organizzatori del workshop odierno all’Observatoire de Paris.

Due in particolare le opportunità che esso offrirà agli scienziati. La prima è quella di sfruttare Venere come esempio, in generale, di transito d’un pianeta sulla propria stella. Dunque, per mettere alla prova e approfondire le tecniche recentemente sviluppate per analizzare la composizione, la struttura e la dinamica delle atmosfere dei pianeti extrasolari. In secondo luogo, gli astronomi ne approfitteranno per effettuare osservazioni dell’atmosfera di Venere in contemporanea da Terra e dallo spazio, e in particolare con la sonda Venus Express dell’ESA. Un doppio sguardo che consentirà loro di avere accesso a una prospettiva inedita sullo strato intermedio dell’atmosfera di Venere, elemento chiave per comprendere meglio la climatologia del nostro pianeta gemello.

(INAF)
Fonte: http://www.media.inaf.it/2012/03/05/aspettando-venere/

Aspettando Venere ultima modifica: 2012-03-06T08:11:42+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)