Astronomi tengono lezioni sugli UFO in Canada

Il Giornale Online
di [link=http://ufoedintorni.wordpress.com/]Antonio De Comite[/link]

Gli astronomi del David Dunlop Observatory di Richmond Hill, Ontario (Canada) affermano che gli UFO sono reali, almeno in riferimento agli oggetti volanti non identificati che sono stati visti nei cieli. Tuttavia, la loro serie di corso di lezioni si è concentrata sul “se esista o meno la vita su altri pianeti“. Questa è una domanda che credono sia ancora senza risposta. Dal 24 gennaio 2014 al 14 febbraio 2014 al David Dunlap Observatory Defenders (DDOD) si sono tenute una serie di conferenze sugli UFO e la vita extraterrestre da un punto di vista scientifico. I docenti sono stati gli astronomi Dr. Ian Shelton (immagine di apertura articolo) e la Dr. Tuba Koktay, una squadra composta da marito e moglie, che hanno lavorato entrambi in passato presso l’osservatorio. Koktay ora è una ricercatrice e Shelton insegna astronomia presso l’Università di Toronto.

Alla prima lezione, che come detto pocanzi è iniziata il 24 gennaio 2014, hanno invitato il pubblico a portare la loro migliore evidenza in tema UFO, tra cui video e testimonianze. Shelton ha dichiarato: “cerchiamo di essere onesti e con la mente aperta, non ci limitiamo a scartare, perché noi [gli scienziati] non sappiamo tutto“. Shelton inoltre afferma che anche se possiamo spiegare la maggioranza degli avvistamenti UFO, ciò non significa che non possano esistere gli extraterrestri. E dichiara che “stiamo imparando cose nuove ogni giorno“. Egli fa notare che 15 anni fa non si era ancora sicuri se i pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare esistessero. Ora, oltre 1.000, ne sono stati trovati.

Shleton sottolinea anche che ci sono molti misteri là fuori che la scienza deve ancora spiegare. Egli afferma: “Ad oggi, un fenomeno difficile da spiegare è l’apparizione di una luce incandescente sopra l’oceano nelle Provincie Marittime (ndr. zona orientale del Canada) “. Shelton si riferisce ad un video girato lo scorso agosto 2013 alle Hopewell Rocks nel Nuovo Brunswick. Un interprete del parco ha realizzato un video time-lapse del cielo notturno durante la pioggia meteorica delle Perseidi ed ha catturato uno strano bagliore verde. Il video è stato spedito agli scienziati che lavorano con la NASA per trovare una spiegazione.

Shelton in conclusione afferma che: “ci sono un sacco di domande, se solo prestiamo attenzione al mondo. La vita è piena di meraviglie, con tutte le tipologie di cose che non abbiamo nemmeno immaginato“.

ECCO L’ELENCO COMPLETO DELLE LEZIONI

Lezione I (24 gennaio 2014): Being Open Minded About UFOs. (Essere di mentalità aperta sugli UFO). Verifica di alcune delle migliori prove sull’esistenza degli alieni e se abbiano visitato la Terra (viaggiando sugli UFO – “Unidentified Flying Objects” ).

Lezione II (31 gennaio 2014): Necessities and a Universal Definition For Life. (Necessità e una definizione universale per la vita). La scoperta degli Estremofili e un nuovo completo dominio (l’Archaea) nell’Albero della Vita sulla Terra ci impone di ripensare a come la vita si sia sviluppata sulla Terra e dove dovremmo cercarla altrove nell’Universo.

Lezione III (7 febbraio 2014): Other Planetary Systems (Altri sistemi planetari). Nel 1995, l’Umanità ha ottenuto la sua prima prova certa che esistono in realtà altri sistemi planetari. Da allora, il numero dei confermati “esopianeti” è salito a oltre un migliaio. Uno di questi pianeti è come la Terra? Possiamo affermare che ci sia vita sulla sua superficie?

Lezione IV (14 febbraio 2014): Travelling among the Stars (Viaggiando tra le Stelle). Quanto sarà difficile viaggiare per le stelle? Quando l’uomo finalmente visiterà altri sistemi planetari? Un uomo può effettuare ciò nel corso della durata di una vita? Discussioni su tali questoni e come si relazionano al Paradosso di Fermi.

Fonte: http://ufoedintorni.wordpress.com/2014/02/08/astronomi-tengono-lezioni-sugli-ufo-in-canada/

Astronomi tengono lezioni sugli UFO in Canada ultima modifica: 2014-02-17T13:48:29+00:00 da Richard
< Previous Article
Là dove osa Voyager 1
Next Article >
Neri per caso
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)