Buchi neri supermassicci – Ecco i getti che prosciugano le galassie

Buchi neri supermassicci

Buchi neri supermassicci

I buchi neri supermassicci generano enormi getti di idrogeno molecolare che portano all’espulsione di enormi quantità di materiale. Un gruppo internazionale di ricercatori ha scoperto come vengono accelerati questi deflussi

di Eleonora Ferroni

I buchi neri supermassicci sono i principali responsabili dei drammatici cambiamenti che avvengono al centro delle galassie. Da sempre affascinano i ricercatori soprattutto perché studiandoli sarà possibile in futuro conoscere sempre di più la nostra galassia, la Via Lattea. I buchi neri supermassicci generano enormi deflussi di idrogeno molecolare che portano all’espulsione di grandi quantità di materiale. Dal momento che il gas freddo è necessario per formare nuove stelle, questo influenza direttamente l’evoluzione delle galassie. I deflussi (così vengono chiamati in gergo tecnico) sono ormai un ingrediente chiave nei modelli teorici dell’evoluzione delle galassie, come vengono accelerati è stato a lungo un mistero.

Un passo in avanti nella soluzione dell’arcano è stato fatto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di fisica e astronomia dell’Università di Sheffield (nel Regno Unito), dell’Istituto olandese di Radioastronomia e del Centro di Astrofisica di Harvard. Gli esperti hanno scoperto che i deflussi molecolari sono accelerati da getti energetici di elettroni che si muovono a una velocità prossima a quella della luce (1 chilometro per ora). Tali getti sono azionati dai buchi neri supermassicci al centro di molte galassie, come IC5063 (nella foto sopra), osservata dal Very Large Telescope (VLB) in Cile e dal telescopio orbitante Hubble. Si tratta di una galassia di tipo Seyfert, uno dei due più grandi gruppi di galassie attive insieme ai quasar. I ricercatori hanno notato che i getti molecolari si muovono più velocemente quando incontrano zone della galassia dense di gas. La conseguenza è un’enorme e drammatica fuoriuscita di materiale che, nel corso di migliaia di anni, porterà all’estinzione o – nella migliore delle ipotesi – al ridimensionamento della galassia.

“L’idrogeno molecolare è fragile, nel senso che viene distrutto a basse energie”, ha detto Clive Tadhunter, che ha collaborato con ricercatori dell’Istituto olandese di Radioastronomia. “È straordinario che il gas molecolare possa sopravvivere ed essere accelerato dai getti di elettroni che si muovono a velocità prossime a quella della luce”. I risultati ottenuti dal gruppo internazionale di ricerca ci aiutano a comprendere ulteriormente l’eventuale destino della Via Lattea, che fra 5 miliardi di anni si scontrerà con la vicina galassia Andromeda. Cosa accadrà dopo la collisione? Il gas si concentrerà al centro alimentando il buco nero supermassiccio e ciò potrebbe portare alla formazione di getti che espelleranno il gas rimanente dalla galassia.

Per saperne di più:

I risultati dello studio sono stati pubblicati di recente sulla rivista Nature: C. Tadhunter, R. Morganti, M. Rose, J. B. R. Oonk, T. Oosterloo, “Jet acceleration of the fast molecular outflows in the Seyfert galaxy IC 5063

(INAF)

Immagine: La parte centrale della galassia IC5063 fotografata dal telescopio spaziale Hubble. La parte più luminosa mostra la regione dove i getti azionati dal buco nero supermassiccio stanno facendo espellere materiale fuori dalla galassia. Crediti: Hubble Space Telescope

Fonte: media.inaf.it

 

Buchi neri supermassicci – Ecco i getti che prosciugano le galassie ultima modifica: 2014-07-09T06:44:00+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)