Buzz Aldrin: l'America sta sbagliando sullo spazio


Adriano Muzzi
3 dicembre 2009

L'astronauta dell'Apollo 11 dice la sua sul nuovo programma di sviluppo spaziale americano. Si apre l'epoca post Shuttle, ma non è una buona notizia, almeno a sentire lui.

Di seguito la traduzione parziale dell’articolo scritto da Buzz Aldrin il 25 novembre sul giornale [link=http://www.huffingtonpost.com/]Huffingtonpost[/link].

“Immaginate questo scenario: siete un turista proveniente da una vacanza speciale. O forse siete un ricercatore capo che ritorna a casa da un incarico in un laboratorio nazionale. Ma invece di un dolce atterraggio in un aeroporto, vi immergete nelle acque fredde dell'Oceano Atlantico, vi dondolate, come un tappo di sughero in mezzo alle onde, su e giù. Invece di una piacevole passeggiata all’aeroporto, bisogna aspettare di essere ripescati dalla Marina degli Stati Uniti.

Suona seducente? Questo sarà il solo modo che avranno gli americani di tornare sulla Stazione Spaziale Internazionale, perché le capsule spaziali — molto simili alla piccola Gemini 12 e all’Apollo 11 dove io e i miei colleghi abbiamo volato oltre quarant'anni fa — sono state ritenute la giusta sostituzione per le imbarcazioni dopo la flotta degli Space Shuttle, che andranno in pensione l'anno prossimo.

Capsule spaziali? Ok, invece di sostituire le navette Shuttles con qualcosa di valido — cosa che potrebbe garantire la leadership spaziale americana — stiamo andando dietro a Cina, India e Russia in una gara per costruire una navicella spaziale limitata e sgraziata che l'America aveva mandato in pensione una generazione fa. E indovinate? Ci vorranno altri sette anni prima che la capsula Orion della Nasa sia pronta per trasportare astronauti. E costerà ai contribuenti più di cinquanta miliardi di dollari. Washington, non decolliamo.

[…]Ci dimentichiamo che oggi il sistema Shuttle è il più avanzato di ogni altro esistente. Gli europei hanno Hermes. I russi Buran. Il Giappone sta progettando il piano spaziale Speranza. La Germania aveva un design davvero radicale che prende il nome dal pioniere dello spazio Eugen Sanger. Ma purtroppo ciò che tutti hanno scoperto è che un veicolo dotato di ali per il rientro è un progetto complesso, il cui sviluppo richiede un sacco di denaro e pazienza. Così solo l'America avrebbe avuto delle ‘ali’ nello spazio. Le navette shuttles sono servite per fare molte cose incredibili, tra le quali il salvataggio della stazione spaziale russa Mir, perché l'Orbiter poteva portare più acqua, cibo e forniture che una dozzina di navi di fornitura russa Progress. Hanno distribuito satelliti, ecc.

‘Fast forward’ fino ad oggi. Due incidenti Shuttle, combinati con un budget ristretto, hanno costretto la Nasa al pre-pensionamento della flotta. Comprensibile, credo. Ma con una mossa che davvero non ha senso, essi saranno sostituiti da… capsule spaziali. E per risparmiare ancora più soldi, queste ‘palle di cannone’, atterreranno ancora una volta in mare, non sulla terra ferma. Per recuperare le capsule Orion verrà richiesto l’impiego di navi nelle zone di atterraggio. Con quale costo? Gran parte delle Orion non saranno riutilizzabili, come lo scudo termico. Sembra che abbiamo deciso di buttare via la nostra esperienza Shuttle e addio “ritorno al futuro”.

I nostri partner dello spazio e i concorrenti stanno anche progettando capsule, perché, per loro, le capsule sono un passo avanti. Nessun altra nazione ha mai avuto la capacità logistica per realizzare un veicolo con ali per il trasporto di carichi, tranne noi. Con l'atterraggio su una pista, ritornando dallo spazio, si hanno molte opportunità di trovare un sito di atterraggio — un aeroporto o un aeroporto militare, per esempio. Quelle capsule, dal momento che non possono atterrare da nessuna parte, devono essere sempre perfettamente allineate al loro luogo di atterraggio previsto. Maltempo? Oh, devo rimanere in cielo un altro giorno. Esperimenti? Possono aspettare!

Ma io ho un'idea migliore. Perché non allungare i restanti voli Shuttle per cinque anni o giù di lì. Aprire un concorso per un veicolo commerciale, la logistica per la stazione che include un veicolo in grado di atterrare su una pista, sfruttando un patrimonio accumulato in trent'anni di esperienza sugli shuttle. Eventuali progressi raggiunti nei laboratori a bordo della Stazione Spaziale Internazionale non possono attendere per giorni. Se la Nasa non può farlo, lasciate che gli imprenditori privati lo facciano. Costruire e far volare un'astronave degna di questo nome e degna del patrimonio storico dell’esperienza americana. Tutte queste idee sono parte di quello che ho chiamato la mia Space Vision. Questo è il mio piano globale per il futuro dell'America nello spazio. Dobbiamo pensare a veicoli spaziali che siano degni eredi delle nostre navette Shuttle.”

Fonte: http://www.fantascienza.com/magazine/notizie/13103/buzz-aldrin-l-america-sta-sbagliando-sullo-spazio/

Buzz Aldrin: l'America sta sbagliando sullo spazio ultima modifica: 2009-12-03T07:02:51+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico