Cattivi maestri e facili inganni

phishing odioIeri Magdi Cristiano Allam ha pubblicato sulla sua pagina Facebook sei fotografie dello sventurato pilota giordano arso vivo.

di Piero Cammerinesi
(Corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine, Altrogiornale e Altrainformazione)

Il post a commento delle immagini recitava testualmente:
“Basta con questi mostri! Dobbiamo combattere e sconfiggere i terroristi islamici e sradicare l’ideologia dell’odio, della violenza e della morte insita nell’islam, prescritta da Allah nel Corano e messa in atto da Maometto. Oggi è stato un giovane pilota giordano musulmano ad essere arso vivo rinchiuso in una gabbia. Sempre oggi gli stessi terroristi islamici dell’Isis hanno ucciso un omosessuale, lanciandolo dal settimo piano legato a una sedia e poi lapidato dalla folla fino alla morte. Ebbene questa guerra del terrorismo islamico globalizzato riguarda tutti noi. È ora di dire basta!”

magdi-allam2_307534aIl nostro mefitico Magdi – che di ‘cristiano’ non ha che il nome, peraltro, autoattribuito – nelle intenzioni si propone di “sradicare l’ideologia dell’odio, della violenza e della morte” dell’Islam, ma di fatto, purtroppo, diviene facile strumento per una ondata di odio e violenza – per ora fortunatamente solo verbale – senza pari. Leggetevi, delle migliaia di commenti presenti sulla sua pagina Facebook, solo questi riportati qui sotto (non ho inserito quelli pieni di insulti e turpiloqui vari) per comprendere quale sia il disegno di chi vuole creare ad arte ed alimentare odio e guerra.

Nessuno degli autori di questi deliri si domanda il senso di notizie come queste – meglio sarebbe dire di show come questi – il perché, ad esempio, questa vicenda dello sventurato pilota giordano sia così ben studiata mediaticamente, mentre non circolano immagini delle migliaia di morti bruciati vivi dalle bombe ‘intelligenti’ delle nostre ‘guerre umanitarie’.

Nessuno degli autori di questi deliri si avvede di essere uno sciocco pappagallo che ripete a menadito quello che i veri artefici di atrocità come questa vogliono conseguire:

il dilagare dell’odio e la realizzazione di quello “scontro di civiltà” così perfettamente funzionale al disegno mondialista.

L’efferatezza dell’atto e la sceneggiatura perfetta – evidentemente le decapitazioni erano diventate troppo comuni e non facevano abbastanza ’notizia’ – indicano come si voglia alzare ancor di più il livello dello scontro, portandolo all’interno del nostro tessuto sociale. Notate, infatti, quanti di questi soggetti – la cosa che colpisce di più è il gran numero di donne che invocano vendette innominabili – incitino alla violenza diretta contro gli immigrati o le persone di religione islamica, senza rendersi conto che non vi è alcun nesso – salvo alcuni sporadici casi che non sono regola – tra la religione o l’essere scappati dal proprio Paese e il terrorismo.

Il sostenere ciò equivarrebbe a considerare il cristianesimo – che tra crociate, pogrom e Inquisizione ha sterminato milioni di persone nei modi più atroci – la più grande bestialità della storia.

Ma l’ignoranza e l’istinto dei burattini fanno da perfetta cassa di risonanza per quello che i burattinai vogliono: infettare il tessuto sociale di ogni popolo con il germe dell’odio e della violenza più bieca.

Cerchiamo di mantenere deste le nostre coscienze!

Buona lettura.


Screen_Shot_2015-02-04Pierluigi *** E’ giunta l’ora di una bomba ” H “. Basta !!

Caterina *** pienamente daccordo, mi pare che sia anche tardi!

Vin*** è meglio il napalm, costa meno ed è più gestibile…..

Luca *** Bisogna sterminarli tutti, sono una razza infetta

Carlo *** con i maiali non si dialoga vanno macellati,con tutto il rispetto dei poveri suini

Massimo *** solo una parola per questi barbari, sterminiamoli, non meritano di vivere, l’occidente ha i mezzi tecnici per farlo, occorre agire, napalm o quant’altro, vanno eliminati tutti!

Daniele *** Volete sapere qual’è un bel gioco contro di loro ??? Cominciamo a non permettere a tutti i musulmani che incontriamo ogni giorno di comprare anche una semplice boccetta acqua … cominciano a fargli vedere che le popolazioni se la prendono con la loro popolazione ….. qualcosa cambia … a me rode profondamebte il culo vedere tutti sti musulmani nella mia terra … terra dove mio nonno a combattuto .. anzi i nostri nonni anno affrontato le vere guerre … e ora gliele stiamo regalando a ste popolazioni di merda ….. musulmani .. negri .. zingari ..rumeni …. tutti fuori dall’Italia

Massimo *** Una serie di bombe atomiche e ci siamo tolti il pensiero, per gli altri che non sanno vivere in occidente e in democrazia, rastrellamento e tutti rispediti nei loro paesi di origine senza neanche pensarci due volte.Pugno duro e braccio di acciaio. Occhio per occhio.

Laura *** Una bella bomba atomica e via, così ci togliamo il pensiero

Silvana *** quì ci vuole la sterminazione in qualsiasi maniera e qualsiasi mezzo che si usa è lecito.Il popolo civile ringrazierà se si fanno scomparire questi pazzi demoni dalla faccia della terra.

Mario *** Sterminare la razza in tutta la terra e in ogni buco dove si annidano!!

Ignazio *** Basta si organizzi una crociata per abbattere lo stato islamico

Sara *** Marini sono demoni con sembianze umane.

Daniele Monti Apriamo le docce!!!!!!!!!!!!!!! Per questa gente dobbiamo assolutamente ripristinarle …!!!! Ma non quelle per lavarsi……….!!!!!

Luigi *** La soluzione esiste, si chiama NUCLEARE.

Jc *** Iniziamo a rimandare a casa quelli che sono qui. Tutti potenzialmente kamikaze

Victoria *** Devono tutti morire quei bastardi bruciati vivi loro.ma tutti.o una bomba facciamo prima.animali schifosi.neanche le bestie fanno quelle cose

Paolo *** 10 atomiche così li estinguiamo …. l’ estinto è estinto ed il problema è finito

Marco *** E’ ora di rispondere con la legge del taglione. Per uno non islamico decapitato o bruciato , dieci islamici crocifissi lungo la via Appia!!

Max *** Iniziamo a bruciare tutte le moschee in Italia

Sabrina *** E poi c’è chi sostiene che dobbiamo dialogare con sto figli di puttana! Camere a gas!!!! Poi dialoghiamo

Gian Luca *** Massacriamoli tutti questi bastardi. Basterebbe così poco per sterminarli

Mattia *** Bombardamenti giorno e notte per 40 giorni e 40 notti ad esaurimento di tutte le bombe razzi missili ecc !!! Poi aspettare che i parenti vadano a cercare i dispersi e bombardare nuovamente fino ad estirparli tutti

Gabriele *** Tutti nei forni !!!!!

Nino *** Allora : bombardarli al tal punto che anche i loro animali domestici sono morti ( le pecore ).Lasciare migliaia di vedove in lacrime senza dargli nessun aiuto Se fra 10 anni ricominciano , si ripete il tutto .Ma si dovrebbe cominciare dal Iran , Hamas è così via ….

Anna *** Sparare in testa a tutti

Gian Piero *** perchè non cancellare dalla faccia della terra questi individui assieme alla loro nazione e chi è in loro favore?

Giuseppe *** ripeto ammaziamoli tutti uomini donne vecchi e banbini sicuramente il mondo sara’ migliore

Milena Miccoli Anche io non condivido la diffusione di queste immagini per rispetto alla vittima…..sarei per la sterminazione di certi esseri bestiali perchè non possono definirsi umani…..a loro riserverei le torture più assurde prima di morire….

Luce *** orrore non meritano nessuna pieta tutti buttati in vasche di acido

Max *** Carissimo Cristiano que serve il nucleare….bisogna sterilizzare quelle terre…gli innocenti che periranno sarà un prezzo da pagare ma ora è necessario fatlo al più presto.

Danilo *** uccidiamo almeno 100 musulmani per ogni vittima che fanno sti bastardi…


Ora proviamo, solo per un momento, a mettere a confronto queste reazioni con la risposta che una giovane donna ebbe – settanta anni fa – a dare ad un altro terribile evento storico: la deportazione ed il massacro degli ebrei.

etty_hillesum“Quando siamo arrivati alla frase: basta che esista una sola persona degna di esser chiamata tale per poter credere negli uomini, nell’umanità, m’è venuto spontaneo di buttargli le braccia al collo. È un problema attuale: il grande odio per i tedeschi che ci avvelena l’animo. Espressioni come: “che anneghino tutti, canaglie, che muoiano col gas”, fanno ormai parte della nostra conversazione quotidiana; a volte fanno sì che uno non se la senta più di vivere, di questi tempi. Ed ecco che improvvisamente, qualche settimana fa, è spuntato il pensiero liberatore, simile a un esitante e giovanissimo stelo in un deserto d’erbacce: se anche non rimanesse che un solo tedesco decente, quest’unico tedesco meriterebbe di essere difeso contro quella banda di barbari, e grazie a lui non si avrebbe il diritto di riversare il proprio odio su un popolo intero.

Una pace futura potrà esser veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso – se ogni uomo si sarà liberato dall’odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo.

È l’unica soluzione possibile. E così potrei continuare per pagine e pagine.

Quel pezzetto d’eternità che ci portiamo dentro può esser espresso in una parola come in dieci volumoni.

Sono una persona felice e lodo questa vita, la lodo proprio, nell’anno del Signore 1942, l’ennesimo anno di guerra”.

Quella donna era Etty Hillesum, morta lei stessa nel campo di concentramento di Westerbork appena un anno dopo aver scritto queste righe, lei, mai paga di cantare Dio e la vita.

Prendiamo ispirazione da lei per contrastare con consapevole calma le onde d’odio che ancora una volta si spargono per il mondo.

pierocammPiero Cammerinesi: Sono un giornalista e ricercatore italiano indipendente che vive e lavora da anni negli Stati Uniti.
Già editore e pubblicista in Italia per tre decenni, ho studiato e lavorato in Italia, Germania e USA.
Ho frequentato la Scuola Orientale di Roma, approfondendo un percorso di studio del pensiero filosofico orientale antico, per laurearmi poi in Filosofia moderna, proseguendo gli studi in Germania, dove ho vissuto e insegnato.
Da sempre molto legato all’esoterismo ed alla cultura orientale ho seguito dapprima le lezioni e conferenze di Krishnamurti e gli insegnamenti di alcuni Yogin, fino all’incontro con Massimo Scaligero, che mi ha introdotto all’esoterismo occidentale. Per otto anni ho avuto lo straordinario privilegio di avere incontri settimanali personali con lui, fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1980.
Autore di articoli e saggi, ho tradotto dal tedesco libri di Rudolf Steiner, Gustav Meyrink e, più recentemente, di Judith von Halle.

Cattivi maestri e facili inganni ultima modifica: 2015-02-04T18:01:19+00:00 da prixi
About the Author
prixi