C'E' TRAFFICO, E IL CERVELLO VA IN TILT

Il Giornale Online

ROMA – Il traffico inquina anche il cervello determinandone un'alterazione dell'attività già dopo mezz'ora di esposizione agli scarichi diesel, alterazione che aumenta al crescere del tempo trascorso in mezzo al traffico. E' quanto scoperto da Paul Borm dell'università olandese di Zuyd, monitorando l'attività cerebrale di un gruppo di volontari con l'elettroencefalogramma (EEG), mentre questi venivano esposti a livelli di inquinamento atmosferico simili a quelli respirabili normalmente nel traffico cittadino delle ore di punta di un grosso centro metropolitano. Secondo quanto riferito sulla rivista Particle and Fibre Toxicology, il cervello reagisce all'inquinamento come in risposta allo stress e gli effetti perdurano anche nelle ore successive all'esposizione.

Sugli effetti deleteri dell'inquinamento atmosferico per la nostra salute si va via via accumulando una serie di dati incontrovertibili: dal cuore ai polmoni, niente sembra al riparo dai gas di scarico delle vetture, cervello compreso, anche se finora le ricerche si erano limitate a constatare che le nanoparticelle come quelle prodotte dai gas di scappamento potessero penetrare nel cervello, senza conoscere le conseguenze di ciò. Lo hanno visto per la prima volta gli esperti olandesi analizzando il cervello di individui esposti ad inquinamento da traffico: hanno osservato un gruppo di persone poste in una stanza con aria pulita e poi in una in cui era stato ricreato un livello di inquinamento pari a quello di una zona cittadina trafficata nelle ore di punta.

Con l'EEG i neurologi si sono resi conto che già dopo la prima mezz'ora di esposizione l'attività cerebrale registrata risulta alterata; poi è un crescendo e l'alterazione perdura anche un'ora dopo che i volontari hanno lasciato la stanza 'trafficata'. “Crediamo questi effetti siano in gran parte determinati dalle particelle fuligginose che rappresentano una parte consistente delle emissioni dei motori diesel”, hanno concluso gli autori del lavoro. Un'esposizione cronica all'inquinamento da traffico come quella cui è esposto chi abiti in grandi centri urbani, potrebbe dunque pesare sulla salute del cervello anche a lungo termine, non a caso più volte si è chiamato in causa anche l'inquinamento per spiegare l'aumento delle malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer.

FONTE: ansa.it
Inviata da Nebula

C'E' TRAFFICO, E IL CERVELLO VA IN TILT ultima modifica: 2008-03-11T08:39:35+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)