Le cellule gliali potenziano il cervello nei topi

cellule glialiI ricercatori dell’Università di Rochester a New York (USA), hanno creato topi con cervelli che sono al 50% umani. Come risultato, gli animali erano intelligenti rispetto alle loro controparti. L’idea della ricerca è stata quella di migliorare la nostra comprensione delle malattie del cervello umano, studiando cervelli interi, invece di cellule in laboratorio. I topi modificati avevano anche i neuroni di ratto, ma quasi tutte le cellule gliali nei loro cervelli, che supportano i neuroni, erano umani. Anche se questo può sembrare come un lavoro di fantascienza, non vi è alcuna possibilità che le cellule aggiunte trasformano in qualche modo i ratti in animali più umani. “Le cellule non forniscono funzionalità aggiuntive che gli animali potrebbero essere assegnati o percepiti come più specificamente umani,” ha affermato Steve Goldman, autore principale dello studio. “Al contrario, le cellule umane hanno semplicemente migliorato l’efficienza delle particolari reti neurali dei ratti.”

Ricerca

Nel giro di un anno dopo l’iniezione, le cellule gliali di ratto sono state completamente usurpate da cellule umane. 300.000 cellule umane che ogni animale ha ricevuto si sono moltiplicate fino a raggiungere i 12 milioni. “Abbiamo potuto vedere le cellule umane prendore tutto lo spazio fino al limite”, dice Goldman. Gli astrociti sono vitali per il pensiero cosciente perché aiutano a rafforzare le connessioni tra neuroni, chiamate sinapsi . I suoi tentacoli sono coinvolti nel coordinare la trasmissione di segnali elettrici attraverso le sinapsi. Gli astrociti umani sono 10 a 20 volte superiori a quelli di topi portatori e con 100 volte con più tentacoli. Questo significa che possono coordinare tutti i segnali neurali in una zona molto più grande degli astrociti dei topi. “E ‘come aumentare la potenza del computer”, dice Goldman.

I test di memoria e cognitivi sugli animali hanno dimostrato che i topi con astrociti umani erano molto più intelligenti rispetto ai loro coetanei. Ad esempio, in un test che misura la capacità di richiamare un suono associato con un lieve scossa elettrica, i topi umanizzato congelato quattro volte, cioè quattro volte in più hanno ricordato levento dei suoi colleghi. I ricercatori hanno concluso che erano statisticamente significativamente più intelligenti rispetto al gruppo di controllo di topi. Futuro:

In un esperimento parallelo, Goldman iniettato cellule gliali umane nei ratti neonati immaturi che non producono quantità di proteine ​​di mielina che protegge i nervi.

Una volta all’interno del cervello di animali, molte cellule gliali umane maturate in oligodendrociti, che sono specializzati nella produzione di materiale isolante. Questo suggerisce che la cellula in qualche modo rileva e compensa il difetto. Questo può essere utile per il trattamento di malattie in cui la mielina è danneggiata, come la sclerosi multipla. Il gruppo di ricerca ha già presentato domanda per il trattamento di pazienti umani affetti da sclerosi utilizzando cellule gliali progenitrici, e prevede di iniziare uno studio tra 12 a 15 mesi. [New Scientist]

Natasha Romanzotti

pianetablunews.wordpress.com

Le cellule gliali potenziano il cervello nei topi ultima modifica: 2014-12-05T12:36:34+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)