Chandra svela il getto di Sgr A*

Il Giornale Online
È debole ma c'è. I dati dell'osservatorio orbitante della NASA e del VLA confermano che il getto di particelle ad alte energie al centro della nostra galassia esiste. Dopo decenni di ricerche e tentativi, gli studiosi avrebbero trovato delle prove. Sagittarius A* è poco attivo negli ultimi secoli e per questo anche il suo getto risulta poco visibile ai telescopi.

di Eleonora Ferroni

L’osservatorio orbitante a raggi X della NASA Chandra ci stupisce con una nuova scoperta. Un gruppo di ricercatori, utilizzando anche il radio telescopio Very Large Array (VLA), ha finalmente trovato prove quasi certe della presenza di un potente getto proveniente da Sagittarius A* (Sgr A*), il massiccio buco nero al centro della nostra Via Lattea (almeno 4 milioni di volte più massiccio del Sole). Le scrupolose ricerche sono andate avanti per decenni, usando anche altri strumenti, ma mai finora erano riuscite a confermare tale ipotesi. Come nascono questi getti? Gli scienziati ritengono che si formino quando del materiale galattico cade al centro del buco nero, che lo respinge all’esterno. Sgr A* è un buco nero che si trova a 26 mila anni luce dalla Terra e, almeno negli ultimi secoli, è poco attivo (vuol dire che ingloba poco materiale) ed è per questo che il getto non è molto visibile ed è debole. Lo studio è stato effettuato dal settembre 1999 al marzo del 2011, con un totale di 17 giorni di esposizione.

I getti di particelle ad alte energie sono stati studiati già in passato e si trovano in tutto l’Universo e sono prodotti da giovani stelle o da buchi neri anche migliaia di volte più grande della nostra galassia. A cosa servono? Trasportano grandi quantità di energia dal centro dell’oggetto e regolano così, in certo senso, la formazione delle nuove stelle in zone limitrofe. Dalle ultime osservazioni si nota che l’asse di rotazione di Sgr A* punta nello stesso verso dell’asse di rotazione della Via Lattera. Questo suggerisce agli studiosi che gas e polvere sono migrati costantemente nel buco nero negli ultimi 10 miliardi di anni.

Il getto produce raggi X rilevati da Chandra e le emissioni radio, invece, sono state catturate dal VLA. Le due prove maggiori dell’esistenza del getto sono una linea retta di raggi X che emette gas puntando verso Sgr A * e un’onda d’urto vista nei dati di VLA, dove il getto sembra scontrarsi col gas. Inoltre, lo spettro di Sgr A * assomiglia a quella dei getti provenienti da buchi neri supermassicci in altre galassie.

Per saperne di più:

Leggi lo studio su The Astrphysical Journal: “Evidence for A Parsec-scale Jet from The Galactic Center Black Hole: Interaction with Local Gas”, di Zhiyuan Li, Mark R. Morris e Frederick K. Baganoff http://arxiv.org/abs/1310.0146

(INAF)

Immagine: Crediti- X-ray: NASA/CXC/UCLA/Z. Li et al; Radio: NRAO/VLA
Fonte: http://www.media.inaf.it/2013/11/21/chandra-svela-il-getto-di-sgr-a/

Chandra svela il getto di Sgr A* ultima modifica: 2013-11-21T13:00:30+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)