Citizen Hearing on Disclosure (PRG): Aggiornamento del 3 ottobre 2013

Il Giornale Online
Nel luglio 1996 mi sono registrato come lobbista con Camera e Senato, per spingerne i componenti sulla problematica extraterrestre e l'embargo della verità. Il movimento per la Disclosure era nascente (il termine non era ancora usato), la poco conosciuta iniziativa Rockefeller mirata sull'amministrazione Clinton era agli sgoccioli, Art Bell stava per prendere la critica decisione di permettere discussioni politiche sulla problematica ET/UFO nel suo show (odiava la politica in generale) e il governo stava per lanciare una contro-offensiva per fermare il movimento.

L'approvazione congressuale dal popolo americano era attorno al 40%, non grande ma nemmeno deprimente. L'economia era eccellente e crescente. Tutto bene. Tuttavia la volontà dei membri del Congresso di affrontare pubblicamente e privatamente la problematica ET/UFO era quasi a zero. L'unico esempio attorno al 1996 di una tale attività è stato lo sforzo coraggioso del solo Steven Schiff del New Mexico. Non è andata bene a Schiff, che morì ancora in carica, dopo aver parlato pubblicamente delle sue preoccupazioni sulla gestione governativa dei registri di Roswell e degli eventi di Roswell in generale.

Rapportarsi al Congresso in quegli anni era efficace quanto giocare a ping pong contro un muro di mattoni. Per questa ragione ho ridirezionato gli sforzi del PRG verso i media politici, che hanno sempre avuto il potere di metter fine all'embargo sulla questione ET, facendo semplicemente il loro lavoro. Dal 1996 gli sforzi privati e pubblici per portare il Congresso sulla problematica tramite udienze sono falliti. Il Congresso è rimasto un muro di mattoni. Perchè allora il PRG è tornato a Capitol Hill per ottenere una prima udienza congressuale sull'evidenza extraterrestre dal 1968? Le ragioni chiave sono due. In seguito agli eventi dell'11 settembre 2001, l'approvazione congressuale è arrivata all'84% nel momento di maggior caduta dello stato congressuale nella storia. In circa dodici anni l'approvazione è scesa a 10%. Questo non ha precedenti. Come mostrano i dati Gallup, il Congresso ha avuto i suoi minimi, ma mai un tale collasso nell'approvazione.


Se siete membri del Congresso con una approvazione dell'84%, non avete motivazione per fare qualcosa che metta a rischio il vostro status. La vita va bene, non serve coraggio, si può solo scendere. Quando siete membri dell'attuale Congresso potete invece solo salire. Questa disfunzionale istituzione americana necessita disperatamente di una questione sia profondamente importante che essenzialmente non di parte. Mettere fine all'embargo sulla verità lo è.
Cosa che solleva il secondo fattore chiave. Come ottenere l'attenzione del Congresso? Il movimento per la verità non ha mai avuto un'apertura come la Citizen Hearing on Disclosure. Membri del Congresso in attività possono vedere ex-colleghi reagire davanti a 30 ore di testimonianze in cinque giorni, fornite da ricercatori e testimoni in una situazione che riproduce una udienza congressuale. La CHD è la chiave per la porta. Combinata con il livello di consapevolezza del pubblico sulla questione ET del 2013, può essere la chiave per la Disclosure.

Stephen Bassett
PRG executive director

Paradigm Research Group
4938 Hampden Lane, #161, Bethesda, MD 20814
PRG@paradigmresearchgroup.org 202-215-8344
www.paradigmresearchgroup.org

Citizen Hearing on Disclosure (PRG): Aggiornamento del 3 ottobre 2013 ultima modifica: 2013-10-27T10:26:48+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)