Come canalizzare nella nuova energia

Il Giornale Online
Da Steve:

Vorrei raccontarvi come ho iniziato a fare channeling e soprattutto come ho imparato a fidarmi delle informazioni che ricevevo dal Gruppo e di ciò che sentivo dentro il mio cuore. Iniziare a divulgare tali informazioni tramite Internet è stato facile, ma meno facile fu insegnare la loro applicazione pratica in seminari di due giorni.

Questo avvenne quando iniziai a canalizzare dal vivo. Poiché le informazioni trasmessemi dal Gruppo riguardano la crescita dell'essere umano, essi vollero che nei miei seminari insegnassi anche channeling. Così oggi io e la mia compagna Barbara viaggiamo in tutto il mondo per diffondere queste informazioni (presentate anche in un seminario alle Nazioni Unite a Vienna, Austria).

Mi vengono rivolte molte domande su come ascoltare le proprie Guide, gli Angeli o il proprio Sè Superiore. Il problema più grande con questo tipo di domande è che esse implicano che noi esseri umani siamo separati da queste cose mentre in effetti siamo una sola cosa. Mentre l'umanità rapidamente si muove verso la consapevolezza dell'Unità, noi incominciamo a comprendere che è necessario praticare l'arte di ascoltare.

Qui di seguito c'è un'introduzione al nostro lavoro che si prefigge di aiutare gli altri a collegarsi alla propria energia. Ecco come presentiamo queste informazioni nel corso dei nostri seminari, che sono, per ovvie ragioni, più completi e dettagliati. Barbara ed io siamo stati molto fortunati a tenere una classe anche alle Nazioni Unite a Vienna, Austria. Il nostro lavoro? Aiutare la gente a scoprire il loro potere e a trovare le loro risposte.

La domanda fatta più frequentemente è: “Come posso sentire la mia guida chiaramente?” Le Entità del Gruppo sono molto contente quando viene fatta questa domanda perché ciò dimostra che la persona che la pone è seriamente intenzionata a lavorare su sé stessa.

Il Gruppo dice che ci sono due modi, spesso mal interpretati, per imparare questa forma di comunicazione.

Il primo è attraverso la capacità acquisita in una vita precedente e mantenuta nell'attuale esistenza. Ogni volta che acquisiamo delle capacità abbiamo la facoltà di portarle con noi nelle vite future. Nella canalizzazione, questi sono coloro che improvvisamente incominciano a “ricevere” molto chiaramente, persone come Ruth Montgomery, Lee Carroll and Edgar Cayce, che un giorno si sentirono toccare sulla spalla ed iniziarono a canalizzare.

Queste persone hanno acquisito tale diritto grazie alla padronanza di questa forma di comunicazione in una vita precedente. In molti casi un evento traumatico costringe a riappropriarsi di questa abilità ma tutti noi possiamo imparare l'arte di ascoltare lo Spirito nella vita attuale. Il Gruppo dice che non è una cosa misteriosa come pensiamo. Noi tutti canalizziamo quando ci apriamo ad una qualsiasi forma di creatività.

Per illustrare il loro punto di vista, il Gruppo mi ha messo davanti ad un pianoforte. Quando mi siedo al pianoforte, sento una dolcissima musica risuonare nella mia testa. Il problema è che non so suonare il piano e perciò non sono in grado di esprimere l'ispirazione attraverso i tasti. Infatti, la maggior parte del tempo non sono neppure consapevole della musica dentro di me.

Così come tutti noi possiamo imparare a suonare il pianoforte e a far fluire la naturale armonia della musica dentro di noi, allo stesso modo possiamo imparare ad ascoltare la nostra guida interiore a cui tutti noi abbiamo accesso. Inizialmente prendiamo consapevolezza delle nostre sensazioni ed in un secondo tempo impariamo ad interpretare ciò che riceviamo. Quando incominciamo lo studio del pianoforte, all'inizio sbagliamo e suoniamo alcune note stonate ed allo stesso modo, quando iniziamo a canalizzare, spesso mal interpretiamo quest' energia.

Sfortunatamente, quando riceviamo qualcosa che riteniamo “sbagliato”, di solito ci scoraggiamo e lasciamo perdere. Nelle lezioni di pianoforte, ci aspettiamo di fare errori mentre impariamo, ma nella canalizzazione non ci concediamo questa possibilità . La parte più interessante di questa analogia è che è molto più facile imparare l'arte della canalizzazione che imparare a suonare il pianoforte.

Quando il Gruppo mi chiese di insegnare channeling, io feci molte domande. La prima fu: “Qual è la differenza tra l'informazione canalizzata, la mia immaginazione ed il pensiero volitivo?”

Ecco la loro risposta: “Quello che tu chiami pensiero volitivo coinvolge il tuo ego. Mentre l'informazione entra, il tuo ego ha l'opportunità di ampliarla per renderla più importante di quello che doveva essere. Ha anche l'opportunità di sminuirla per riflettere le tue paure. Se tuttavia, rimuovi il tuo ego dall'equazione, tutte e tre sono esattamente la stessa cosa”.

Il Gruppo spiega che a questo punto della nostra evoluzione sempre più esseri umani incominciano a canalizzare, mentre ci riappropriamo del nostro potere. Questo è un processo naturale di comunicazione e ci porterà ad una connessione completa con i nostri Sé Superiori. Questa connessione aperta ricollegherà ciò che noi vediamo come separato. Questa separazione è un'illusione della polarità ed aumentare la comunicazione con i nostri Sé Superiori ci porterà alla consapevolezza dell'unità.

Il Gruppo dice che tutti noi possiamo canalizzare se soltanto impariamo ad ascoltare. Ecco i nove punti offerti dal Gruppo per aiutarci a ricordare questa forma di ascolto.

1. Identificate la vostra prima forma di canalizzazione
2. Imparate ad interpretare l'energia
3. Aprite nuove sinapsi
4. Fidatevi dell'informazione e stabilizzate l'energia
5. Lasciate andare le vecchie credenze che vi frenano
6. Vincete la paura del ridicolo
7. Imparate a parlare la lingua dello Spirito
8. Rimuovete il mister
9. Fate pratica


1. Identificate la vostra prima forma di comunicazione

Ognuno di noi ha accesso alla fonte di tutta l'ispirazione. E' il nostro collegamento al nostro Sé Superiore. Nel corso dei miei seminari, io chiamo questa connessione la Mente Subconscia Universale. Quando mi collego ad essa, trovo il Gruppo. Quando Beethoven si collegava a questa fonte, nasceva la Quinta Sinfonia. Possiamo insegnarvi ad usare la mano sinistra, se non siete mancini, ma è importante sapere che avete maggiori abilità naturali usando la mano destra.

Allo stesso modo possiamo insegnarvi ad essere sensitivi ma è possibile che la vostra principale forma di canalizzazione sia la musica. Se invece siete scrittori, allora la psicometria non fa per voi. Scoprire la vostra principale forma di canalizzazione è una parte importante per facilitare questo processo. Recentemente un artista molto noto in una sessione privata mi chiese come poteva imparare a canalizzare. Gli diedi alcune delle informazioni riportate qui di seguito ma gli dissi anche che egli era già un ottimo canale.


2. Imparate ad interpretare l'energia

Suonerete alcune note stonate quando inizierete, perciò concedetevi un po' di spazio per crescere. Se persisterete, imparerete presto ad interpretare quelle gentili sollecitazioni da parte dello Spirito. Purtroppo tutti noi siamo portati a pensare che, se ciò che si riceve non è perfetto, allora non proviene dalla Spirito, mentre in effetti nella maggior parte dei casi stiamo soltanto interpretando l'energia in modo scorretto.

Mentre le immagini si formano nella vostra mente, dipende da voi metterle in parole. Se all'inizio l'informazione non è accurata significa semplicemente che non state interpretando l'immagine in modo corretto. Lo Spirito raramente ci parla in termini definiti. Il più delle volte, le idee sono nebulose o, come dice il Gruppo, sono soltanto leggeri “colpetti”. Imparare ad ascoltare questi dolci colpetti e a credere in ciò che arriva… ecco l'essenza della comunicazione spirituale.

3. Aprite nuove sinapsi

Ci sono esercizi che potete fare per facilitare la formazione di nuove sinapsi nel vostro cervello. Il Gruppo suggerisce di compiere semplici azioni come lavarsi i denti con la mano non dominante o andare al lavoro cambiando ogni giorno strada. Fare le cose in modo diverso costringe il vostro cervello a formare nuove sinapsi tra l'emisfero destro e quello sinistro. Ci sono molti esercizi che aiutano a fare ciò, esercizi fisici che costringono entrambi gli emisferi a lavorare.

Ci sono inoltre programmi di studio chiamati Ginnastica del Cervello che insegnano esercizi appropriati ed anche semplici tecniche di respirazione possono essere un valido aiuto. Equilibrare entrambi gli emisferi cerebrali apre la porta alla comunicazione con lo Spirito.


4. Fidatevi dell' informazione e stabilizzate l'energia

Per illustrare il flusso di energia proveniente dallo Spirito, il Gruppo ci ha presentato l'analogia di un grande pallone con due aperture. Lo Spirito immette l'energia e l'ispirazione nel vostro pallone, ma deve smettere quando il pallone è gonfio. Per mantenere il flusso costante è necessario fare un'apertura dalla vostra parte del pallone per permettere all'energia di fluire. Dipingete quadri, suonate musica, scrivete libri ed ancorate l'informazione.

Ecco ciò che il gruppo intende per “appoggiarsi” all'informazione. Se voi ricevete un messaggio ma non lo diffondete, allora la prossima volta che arriverà non sarà così forte. Abituatevi a connettervi spesso e a fidarvi dell'informazione. Fate spazio al flusso dell'energia ed essa fluirà con più facilità. Stabilizzatela e le informazioni arriveranno.


5. Lasciate andare le vecchie credenze che vi frenano

Non avete bisogno di praticare tecniche di meditazione per parlare con lo Spirito. La maggior parte delle persone parla con lo Spirito mentre va al lavoro o lava i piatti. In uno dei nostri seminari noi insegniamo una tecnica che io chiamo “Meditazione in Ascensore”, che è studiata per permettere la connessione con lo Spirito anche in mezzo al caos.

Adesso che siamo nella nuova energia le cose sono molto più dirette. Non è più necessario raggiungere stati alterati di coscienza per parlare con lo Spirito, che è pronto quando NOI siamo pronti.

6. Non abbiate paura di apparire ridicoli

Il più grande blocco al collegamento con questa tremenda energia è la paura di apparire ridicoli. Superatela. Recentemente a Barcellona, Spagna, sono entrato in una sala dove si trovavano quaranta ingegneri per un seminario aziendale. La prima cosa che dissi fu che ero un canale e che questa informazione veniva dall'altra parte del velo.

Nessuno rise e, più importante di tutto, nessuno se ne andò. Un giorno terremo un seminario sull'arte di apparire ridicoli. Liberarsi della paura di ciò che gli altri pensano di voi apre il canale che permette il fluire della energia pura.


7. Imparate a parlare il linguaggio dello Spirito

Non aspettatevi che lo Spirito parli la vostra lingua. Se lo facesse, probabilmente non gli credereste. Essi parlano la loro lingua che passa attraverso i vostri pensieri ed assomiglia molto alla vostra immaginazione. Le proprietà del velo ci inducono a pensare che se le informazioni provengono da noi allora non possono essere attendibili. Prendete in considerazione l'informazione, non importa da dove essa proviene.

Usate lo strumento del discernimento e valutate ogni informazione in base al contenuto e non in base ad un'etichetta posta su di essa. In realtà, che differenza fa da dove proviene l'informazione se essa è colma d'amore ed utilità? Del resto, da dove pensate provengano le grandi idee?

8. Rimuovete il mistero

Al Gruppo non importa il termine “channeling”, anche se a me piace usarlo. Essi dicono che questa parola racchiude fin troppo mistero, considerando che serve a descrivere una forma di comunicazione di base che noi tutti abbiamo. Il mistero può esistere soltanto dove c'è mancanza di conoscenza. A tutti noi piace un po' di mistero, ma quando esso diventa il fulcro della nostra vita la nostra energia viene mal incanalata.

Se non concedete troppo spazio al mistero, allora vi appropriate del vostro vero potere. E' soltanto quando date potere al mistero che potete perdere il controllo della situazione. Se permettete alle entità con basse vibrazioni energetiche di entrare, allora esse entreranno. Conservate il vostro potere e guidate la conversazione esattamente come fareste conversando con un essere umano. Voi avete più potere di quanto pensiate.

Cedere il nostro potere al misticismo è come lottare al buio. Godetevi il misticismo, ma rendetevi conto che il vero potere è dentro di voi.

9. Fate pratica

Mozart suonava il pianoforte all'età di due anni senza alcuna preparazione perché aveva già praticato quest'arte in una vita precedente e l'aveva portata con sé. Noi tutti invece dobbiamo fare pratica. Come nello studio del piano, non potete pretendere di imparare senza fare pratica. Non succede spesso che spegniamo la TV e diciamo “Amore, perché non facciamo una seduta di channeling questa sera?” Unitevi a persone con la vostra stessa vibrazione e fate pratica.

Molte canalizzazioni avvengono mentre state parlando con qualcuno e scoprite di aver detto la frase perfetta, senza sapere da dove essa provenga. Fate spazio affinché ciò accada ed accadrà.

Quando il Gruppo si presentò a me per la prima volta sentii una meravigliosa, tenera risata. Ricordate che stiamo partecipando ad un Gioco meraviglioso, perciò, se lo Spirito si accorge che stiamo diventando troppo seri, ci farà il solletico per ricordarci che in fondo si tratta soltanto di un gioco.

Buon divertimento

Steve Rother e il Gruppo

Fonte: lightworker.it

Come canalizzare nella nuova energia ultima modifica: 2007-07-14T12:38:28+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico