Divine Cosmos: La Bibbia e l' Apocalisse

Il Giornale Online
Il piu' grande libro dell' estate parla della fine del mondo. E' anche segno dei nostri tempi difficili.

di Nancy Gibbs

Cosa cercate quando leggete le notizie ? Segni che gli interessi salgono, che quindi sia tempo di finanziamenti. Segni sul riscaldamento globale e quindi che si debba fare a meno di un nuovo SUV. Segni di nuove azioni terroristiche, quindi che ci si debba pensare due volte a volare verso Chicago.

O segni che il mondo stia giungendo alla fine e che l' ultima battaglia tra bene e male stia per svolgersi ?

Per i Cristiani con interesse sulle profezie, i titoli vengono seguiti da asterischi che riportano alle note in fondo. Questo è il modo in cui Todd Strandberg legge le sue carte. Ogni giorno, fissa i piani nella Base Aeronautica Offutt a Bellevue. Mentre nel suo tempo libero è webmaster del sito raptureready.com e l' inventore del Rapture Index, che lui chiama il "Dow Jones Industrial Average of End Time activity". Invece che stock, segue le profezie: terremoti, allagamenti, epidemie, crimini, falsi profeti e previsioni economiche come sulla disoccupazione che porta instabilità e agitazione civile, quindi un metodo semplice per l' Anticristo.

In altre parole, quanto siamo vicini alla fine del mondo ? L' indice ha raggiunto un record di 182 il 24 settembre ( ndr. del 2002 ), mentre i visitatori toccavano quota 8 milioni. Non è la fine del mondo, le nostre madri lo hanno sempre detto. Questo aiuta ad introdurci ad un punto di riferimento di base per gli umani. Sembriamo nati con un' istintiva sensazione che la fine sia la fuori da qualche parte. Abbiamo un impulso culturale ad immaginarla. Tutte le culture hanno una propria storia sulla creazione e la propria visione della fine, dalla Bibbia alle storie millenarie dei Maya.

Di solito le fiabe insistono nel retro della mente o per nulla, finchè le nostre vite non vengono condizionate a pensare che qualcosa di brutto stia arrivando, ma non sappiamo cosa. Ci sono momenti nella storia umana in cui l' istinto, il fato, il mito e gli eventi reali coincidono, creando una perfetta tempesta di preoccupazioni. Visioni di un punto di fine si annidano nelle menti di persone in tanti forum, passando da intrattenimento a superstizioni. Ora sembra essere una fra queste cose.

L' esperienza dell' ultima caduta; gli attacchi terroristici, le morti per antrace, non affondano solo negli interessi dei Cristiani per il linguaggio dell' Armageddon e dell' Apocalisse. Si allargano oltre, verso un pubblico che non ha mai dato molta attenzione alle predizioni dei profeti come Nostradamus, o non si sono mai preoccupati su una battaglia epica per marchia la fine dei tempi e non hanno mai letto il Libro della Rivelazione. Dall' undici settembre, la gente dagli angoli caldi della Cristianità ha iniziato a fare domande su cio' che la Bibbia ha da dire in merito alla fine del mondo e i predicatori hanno risposto con sermoni che non avrebbero mai immaginato di dare qualche anno fa. Fra gli americani laici, qualcuno ha visto qualcosa nel fumo delle torri infiammate, pensando che avesse piu' a che fare con le loro letture da spiaggia che con i loro studi sulla Bibbia.

Questo perchè tra i libri di fiction piu' venduti nei nostri tempi, c' è una serie sulla Fine dei Tempi, scritta da Tim F. LaHaye e Jerry B.Jenkins, basata sul Libro della Rivelazione. Questa parte della Bibbia ha sempre mantenuto un mistero, ma per milioni di persone il codice è stato decifrato nel 1995, quando LaHaye e Jenkins hanno pubblicato Left Behind: Un Romanzo sugli Ultimi giorni della Terra. Chi non ha letto il libro e il suo seguito, spesso non ne ha mai sentito parlare, finchè il suo successo non ha fornito nuove prove sul fatto che la Fine dei Tempi non sia solo un fenomeno marginale. Solo circa la metà dei lettori di Left Behind sono Evangelici e questo indica che sia un interesse di un largo pubblico.

Un sondaggio di TIME/CNN indica che piu' di 1/3 degli Americani pone attenzione su quanto le news siano relazionate con la fine del mondo e discute su quanto la Bibbia abbia da dire in merito. Il 59% pensa che gli eventi nella Rivelazione stiano per avverarsi e circa 1/4 pensa che nella Bibbia fosse profetizzato l' attacco dell' undici settembre.

Parte di questo interesse è colmo di fede, altra parte ne è di paure, di immaginazione, tutte e tre le parti sono alimentate dalla serie Left Behind. Il libro offre ai lettori una descrizione vivida, violenta e molto dettagliata su cio' che accade a coloro lasciati sulla Terra a combattere l' Anticristo dopo l' estasi di Gesu, la sua ascensione al paradiso. All' inizio del primo libro, su un 747 che vola verso Chicago, gli assistenti di volo trovano d' improvviso circa metà dei posti vuoti, a parte vestiti e fedi nuziali e dentiere dei credenti portati improvvisamente su nel paradiso.

Giu' a terra, le auto sono distrutte, i mariti si svegliano trovando solo una veste da notte nel letto vicino a loro e tutti i bambini sotto i 12 anni sono spariti. I seguenti 9 libri sono la cronaca delle sofferenze passate da coloro rimasti e dei loro sforzi per essere salvati.
La serie ha venduto circa 32 milioni di copie, 50 milioni se contate i romanzi grafici e le versioni per bambini, poi le vendite sono balzate del 60% dopo l' undici settembre.

Il nono libro, pubblicato in ottobre, è stato il romanzo piu' venduto del 2001. I pastori evangelici hanno promosso il libro come lettura per i devoti, i principali pastori li hanno letti per discuterne alle riunioni, come hanno fatto politici, scolari e le persone che per lavoro devono conoscere quali paure e speranze si trovino nelle menti della gente in un tempo di profonda incertezza.
Leggi tutto ...


da Richard gio 01 nov 2007, 19:00 Stampa veloce LAN_NEWS_24