David Wilcock - La Scienza dell'Uno, capitolo 6: gravità, magnetismo e rotazione - il collegamento mancante

Il Giornale Online
6.1 I giroscopi vincono la gravità

Nello scorso capitolo, il Dr. BruceDePalma ci ha mostrato che la semplice rotazione di un magnete, sistemato come un giroscopio, possa generare elettricità. E' anche interessante sottolineare che gli effetti gravitazionali si possono produrre anche col lavoro di DePalma e i magneti rotanti.
Prima di discuterne, se torniamo al suo esperimento originario della Spinning Ball, descritto nel capitolo quattro, possiamo vedere questi effetti anti-gravitazionali, osservati nella differenza tra la caduta di una palla di acciaio rotante e una non rotante.

Dobbiamo ricordarci che a un giroscopio non "piace" essere mosso fuori posizione, possiede molta inerzia. Puoi sentirlo facendolo girare nelle tue mani mentre si muove, resisterà ai tuoi sforzi.
Puoi anche bilanciare l'asse inferiore del giroscopio sul tuo dito e sorprendere i tuoi amici quando salta di 90° senza cadere. Sono questi semplici principi dei giroscopi, che permettono ai nostri aerei di restare stabili in volo, il giroscopio sente ogni movimento e resiste, cosa che causa la rilevazione da parte degli strumenti attorno al giroscopio, dei cambiamenti che vengono segnalati agli stabilizzatori sulle ali, per mantenere il livello in volo.

Senza questo, sarebbe molto difficile per il pilota tenere in linea l'aereo.

Abbiamo affermato che la gravità è la tendenza di tutte le parti della Creatura Definitiva per cercare l'Unità, per cercare il Centro. Quando vediamo questo fenomeno sui pianeti, vediamo la forza dell'etere che scende nel gigante corpo planetario e crea la forza.
La superficie della Terra è come uno "schermo" che in cui non possiamo passare, ma può farlo l'etere, quindi noi siamo "catturati" nel "vento eterico" e spinti continuamente in basso da esso. L'etere fluisce in tutta la materia, inclusi noi stessi, quindi è possibile per altri flussi più deboli dell'etere con diversa direzione, essere implementati in natura.

Questi "altri flussi" con differenti direzioni, hanno le stesse proprietà matematiche della gravità secondo il Principio di Equivalenza di Einstein e ricordiamo che queste forze sono chiamate inerzia. Inoltre, un giroscopio in rotazione può imbrigliare e "lanciare fuori" l'energia della forza eterica dell'inerzia, allo stesso modo in cui "lancia fuori" energia elettrica libera quando viene magnetizzato.
In rotazione, il normale flusso eterico con direzione verso il basso della gravità, viene quindi ridirezionato e irradiato verso i lati del giroscopio, diminuendo il peso degli oggetti.

Come perfetto esempio scientifico di questo fenomeno, possiamo citare parte di un articolo pubblicato sul "The Electronic Telegraph", Domenica 21 settembre 1997:

Scienziati "vincono la gravità" usando un giroscopio
Di Robert Matthews, Corrispondente Scientifico

Un team di scienziati appoggiati da una compagnia multinazionale Giapponese, affermano di aver trovato il modo di generare "anti-gravità" usando non più di un giroscopio rotante. Comunque l'effetto segnalato è estremamente debole, ammonta ad una perdita di peso di una parte su 7000 e il team insiste che non lo si può spiegare come errore sperimentale.

Tali affermazioni sono circolate per almeno un decennio e sono sempre state circondate da controversie. Secono la fisica convenzionale, è impossibile per qualsiasi oggetto generare anti-gravità.
Ora viene aggiunta benzina alla controversia sull'antigravità da Hideo Hayasaka e dai suoi colleghi della Facoltà di Ingegneria alla Tohoku University, Giappone, assieme a Matsushita, la multinazionale Giapponese. Il team ha condotto nuovi esperimenti, per rilevare l'anti-gravità generata da un piccolo giroscopio. Leggi tutto ...


da Richard lun 30 giu 2008, 01:08 Stampa veloce LAN_NEWS_24