GNOSI, La Conoscenza Perduta

Il Giornale OnlineIl senso trascendente dell' Esistenza

TUTTA LA CONOSCENZA È DENTRO DI TE; "Conosci te stesso e conoscerai l'Universo"

La Gnosi nel XXº Secolo

" Gnosi" è un vocabolo proveniente dal greco "gnosis", conoscenza (dal dizionario: scienza per eccellenza, suprema sapienza). Non si tratta, dunque, di una conoscenza intellettuale —quella, cioè, che si ottiene attraverso i cinque sensi fisici—, bensì di una conoscenza diretta, intuitiva, quella che si consegue attraverso il "sesto senso", senso latente in ogni essere umano e suscettibile di sviluppo.

"La Gnosi si vive nei fatti, marcisce nelle astrazioni ed è difficile da trovare anche nei pensieri più profondi "

Pur non avendo i mezzi d’oggi, le antiche civiltà —alle loro origini— potevano conversare fra di loro, vedersi, spostarsi lontano nello spazio e nel tempo, grazie a questo senso, oggi perduto per via dello sviluppo dell’egocentrismo e per la mancanza d’energia in ogni singolo individuo.

Generazione dopo generazione, l’energia interna si spreca e decresce, mentre l’egoismo cresce, travolgendoci e costringendoci ad ubbidirgli, diventando vittime di noi stessi e cercando immancabilmente "fuori" i colpevoli: nel governo, nel sistema, nella società… insomma negli altri. L’ignoranza di tutto ciò sta alla base delle giustificazioni ad agire per i propri interessi a discapito del bene comune.

Diventiamo perciò creature meccaniche, prigionieri di noi stessi, anelando all’eterna "libertà" mai conosciuta, confondendola con il "fare ciò che ci pare e piace", ignari di "quelli" che all’interno di noi —e da noi stessi creati— muovono i fili a loro piacimento, facendoci pensare, sentire ed agire da marionette e, soprattutto, forzandoci a raccogliere ciò che abbiamo seminato: critiche, dolore, insuccessi, nemici, malattie… La fiducia, l’amicizia e l’amore sono valori in via di estinzione. Non è normale! Solo —per nostra esclusiva causa— abituale.

Un secolo d’industrializzazione non ci ha portato nel benessere, anzi, siamo diventati vittime della stessa tecnologia. Esigiamo apparecchiature veloci per avere più tempo a disposizione… tempo che utilizziamo per riempirci di ulteriori impegni, con tanto di mezzi sofisticatissimi... per avere sempre più tempo; che paradosso! La tecnologia potrebbe almeno essere utilizzata per risolvere ogni problema materiale, ma nemmeno in questo siamo riusciti, perché chi comanda è sempre la molteplicità dell’ego di ogni individuo.

La conoscenza di sé (autognosi) ci permette di scoprire all’interno i fattori psicologici (ego o "aggregati psichici"), da noi creati nell’arco della vita, che ci condizionano e ci obbligano ad agire contro noi stessi. Gli antichi dicevano: "Ognuno ha quel che si merita". Capire il profondo significato di ciò è possibile, ma è soprattutto possibile uscire dalla "tenaglia del destino" che ciascuno ha costruito per sé; nessuno ha mai detto, però, che questo sia facile!

La missione dello Gnosticismo in quest’epoca è quella di fornire il metodo e gli strumenti di lavoro per la realizzazione in ognuno di noi dell’Essere interiore. Il divorzio tra la scienza e l’arte, tra la filosofia e la mistica, ha provocato l’indebolimento di questa generazione. Non apprezziamo più la poesia della natura, l’armonia che tutto l’universo emana e, pertanto, le relazioni umane sono divenute fredde, superficiali; il nostro cuore non si commuove dinanzi al dolore umano.

L’insegnamento gnostico si basa sulla comunione tra scienza, arte, filosofia e mistica; cerca di riscattare i più elevati valori individuali della vita; considera che la vita è futile se non persegue la trascendenza, la realizzazione dell’Essere. Ciò non sarà possibile senza lo sviluppo dell’emozione superiore, quella che umanizza la scienza, sublima l’arte e la filosofia, cristallizza il misticismo. La Gnosi è la poesia della conoscenza, la rosa della filosofia, la luce della scienza, l’eterna primavera mistica. Leggi tutto ...


da Omega gio 27 set 2007, 08:54 Stampa veloce LAN_NEWS_24



gnosi   Omega