Conteggio dei voli notturni: un'altra prova schiacciante delle scie chimiche (articolo di Corrado Penna)

Come notare e dimostrare il programma notturno di spargimento delle scie chimiche: un esempio di come sia possibile compiere due semplici controlli sugli orari dell'aeroporto più vicino e mostrare ai propri conoscenti la realtà del fenomeno.

Quando invito la gente scettica ad osservare l'esagerato numero di voli aerei nel cielo notturno, visibilmente bassi (come si può capire dalle luci di navigazione ed anticollisione e dal forte rombo dei motori; un semplice calcolo logaritmico descrive questi aspetti come indizi del sorvolo a bassa quota) che io ovviamente addebito ai velivoli mentre diffondono clandestinamente scie chimiche (cercando di farsi notare il meno possibile, nascondendosi nell'oscurità, almeno fin quando non c'è la luna piena a smascherarli), mi sento prontamente rispondere che si tratta degli “aerei in fase di atterraggio verso Orio al Serio”, ovvero l'aeroporto più vicino.

La cosa notevole è che la stessa risposta proviene sia dalle persone che “non credono” alle scie chimiche sia da quelle che “ci credono”, ma che lo stesso non vogliono accettare che la notte ci sia un'attività di irrorazione così massiccia. In effetti, gli aerei che vedevamo dal nostro punto di osservazione, sembravano volare quasi tutti nella stessa direzione per cui poteva anche essere sensato, in teoria, che fossero tutti aerei che atterravano ad Orio (e non che decollavano) però …

In queste calde sere d'agosto, nelle quali non si poteva evitare di uscire la sera per prendere un po' di fresco, quei voli si notavano bene ed erano circa uno ogni due minuti. Mi ricordo in particolare due domeniche successive in cui ho potuto notare (e far notare) questo traffico ed in cui ho rilevato che non possono essere aerei civili in fase di atterraggio ad Orio. Basta, infatti, guardare gli orari e controllare che non ci sono poi tanti velivoli che atterrano ad Orio. Per altro, non si può pensare che, dal nostro punto di osservazione, siamo in grado di scorgere tutti gli aerei che atterrano nello scalo suddetto: ad essere generosi, se ne potrà vedere un terzo (ovvero quelli che provengono da rotte comprese entro un angolo di 120°).

In effetti,i dalle 21:00 alle 22:00, orario in cui tutti (credenti e miscredenti) notavamo questi voli così frequenti una trentina nel giro di un'ora) ecco quali erano gli aerei che atterravano ad Orio al Serio la domenica (indicata con D negli orari). Faccio riferimento agli orari rilevati ad agosto sul sito di Orio al Serio e che ho registrato, inserendoli on line anche a questo indirizzo.

Bari (BRI) – RYANAIR – FR 04705 – Arrivo 21:55 – D
validità dal 29/03/2009 al 24/10/2009

Hannover (HAJ) – TUIFLY.COM – X3 03498 – Arrivo 21:15 – D
validità dal 24/05/2009 al 18/10/2009

Liverpool (LPL) – RYANAIR – FR 04538 – Arrivo 21:30 – D
validità dal 29/03/2009 24/10/2009

Londra Stansted (STN) – RYANAIR – FR 04198 – Arrivo 21:40 – L – Mar – Mer – G – V – D
Validità dal 20/04/2009 24/10/2009

Madrid (MAD) – RYANAIR – FR 05995 – Arrivo – 21:25 – D
Validità dal 12/04/2009 24/10/2009

Pescara (PSR) – RYANAIR – FR 04016 – Arrivo 21:35 – Mer – D
Validità dal 02/09/2009 al 24/10/2009

Roma Ciampino (CIA) – RYANAIR – FR 09465 – Arrivo 21:20 – S -D
Validità dal 26/07/2009 24/10/2009

Il numero totale dei voli in atterraggio è quindi pari a 7 (e non certo 30!) e di questi voli quanti credete che possano essere visti dal mio paese? Se scorgiamo l'aereo che atterra da Roma, potremo mai vedere quello che atterra da Hannover, Londra, Liverpool?

O forse vogliamo inventarci qualche improponibile giustificazione del tipo che gli aerei che vediamo sono tutti vettori aidibiti al trasporto merci che, per chissà quale strana motivazione, adesso incrociano tutti concentrati nelle ore serali e notturne, con la conseguenza che gli orari di lavoro degli addetti alla catena di distribuzione delle merci sarebbero adesso per lo più serali e notturni? Per carità …

Sopra il mio paese so per certo che passano in decollo o in atterraggio gli aerei sulla rotta Orio-Catania (perché ci sono salito su alcune volte), ma questo porta ad escludere che lo stesso succeda per aerei che volano da e per il nord Europa. Possiamo quindi supporre, largheggiando, che di questi 7 voli, 3 possano essere visibili dal nostro punto d'osservazione. Ma fra 30 e 3 c'è una differenza abissale, un rapporto di 10 a 1!

Se vogliamo, poi, fingere di non avere potuto ben osservare le direzioni degli aerei notturni, se vogliamo mettere in conto anche quelli che potrebbero decollare da Orio, potremmo passare da 3 a 6 voli notturni (percepibili dal nostro punto di osservazione), e resterebbero sempre 24 (trenta meno sei) voli notturni a bassa quota, la cui presenza sarebbe inspiegabile, se non si tenesse conto del programma di diffusione clandestina delle scie chimche, che spesso all'alba lasciano il cielo pesantemente striato.

Che cosa pensare infine degli aerei il cui rombo si ode nottetempo, a volte anche all'una, le due, le tre? Aerei che atterrano o decollano da Orio? Nell'orario estivo da me consultato non figura alcun volo notturno in atterraggio in nessun giorno dellla settimana dalla mezzanotte e cinque minuti fino alle 4.30. Tutto ciò conferma il fatto che gli aerei civili di norma evitano di volare in piena notte per meri motivi di mercato.

I voli per la precisione sono i seguenti:

Santander [Spagna] (SDR) – RYANAIR FR – 04793 – Arrivo 00:05 – G
Validità dal 16/04/2009 24/10/2009

Casablanca (CMN) – AIR ARABIA MAROC – 3O 00517 – Arrivo 04:30 – Mar – G
18/08/2009 20/08/2009

Casablanca (CMN) – AIR ARABIA MAROC – 3O 00517 – Arrivo 04:30 – L – Mer – V
Validità dal 21/08/2009 12/09/2009

… e non obiettate, dicendo che l'Italia è piena di ricconi che amano pilotare il proprio aereo personale nel cuore della notte.

www.tankerenemy.com

Conteggio dei voli notturni: un'altra prova schiacciante delle scie chimiche (articolo di Corrado Penna) ultima modifica: 2009-09-26T14:06:31+00:00 da zret
About the Author