Cronache dell’antisistema

antisistema

Davide Nebuloni

Cronache dell’antisistema – Intervista a Davide Nebuloni, blogger e autore di “Prospettiva Vita” a cura di Carlo Dorofatti

Davide, vorresti descriverti brevemente ed evidenziare un po’ il tuo Universo?

Volentieri. Mi chiamo Davide Nebuloni. Ho 44 anni. Sono un Perito Elettronico dimentico di tutte quelle nozioni in ‘bianco e nero’. Diciamo che nel Tempo, ossia in quella vera e propria entità vivente, sono molto cambiato, ma soprattutto a partire dal 2006 circa, quando ho iniziato ad essere pervaso da una sete di conoscenza di tipo diverso da quello che avevo esperimentato in precedenza.

Era paragonabile all’accensione di una fiamma al mio interno. Da quel momento non ho mai smesso di intendere secondo un libero flusso d’energia, alternativo a quello che scorre usualmente nelle 3d. Il mio Universo è fondamentalmente riassunto dall’espressione: Conosci Te Stesso. Tutto il ‘resto’ è una conseguenza del come ci poniamo nei confronti di una simile espressione. Oggi sono quello che si descriverebbe come un ‘libero ricercatore’, anche se questi termini sono alquanto pericolosi in quanto a consapevolezza energetica, dal momento in cui esprimono una sostanziale ‘mancanza’ di fondo e uno stato illusorio.

Di che cosa ti occupi attualmente?

Gestisco il Blog SacroProfanoSacro, ho scritto e pubblicato il romanzo spirituale ‘Prospettiva Vita’ e mi mantengo attraverso lo sviluppo di sistemi automatici di trading nell’ambito del movimento speculativo globale. È mia intenzione contribuire ad ‘invertire il giro del vapore’ anche in quell’ambiente tanto denso. Prima del mio ‘cambiamento’, ho lavorato per vent’anni in vari settori, quali l’informatica, la programmazione di macchine a controllo numerico, etc.

Cosa ci puoi dire a proposito di queste tue attività appena accennate?

‘Prospettiva Vita’ è un romanzo a lunghissima gestazione, che finalmente sono riuscito a completare circa un anno fa. Tratta della visione personale del modello Ascensionale che ho maturato. Il Mondo dipinto nelle pagine del libro è il nostro, ma personalizzato nei nomi dei luoghi. Tratta, attraverso la descrizione di un intreccio di vicende assolutamente ‘tridimensionali’, come l’amicizia e il viaggio, di una ricapitolazione del tutto, che prende per mano il lettore e lo veicola attraverso gli interstizi del Tempo, verso un punto d’energia nel quale si riassume l’intera visione. Un punto dal quale il tutto si srotola e dal quale è possibile svincolarsi per dare luogo ad un’altra manifestazione della Co Creazione.

SacroProfanoSacro è un’esperienza fantastica del Sé. Ogni giorno scrivo nel Blog, proprio come se dovessi ‘scaricare’ una parte di me. È un allenamento che rinforza la muscolatura dello Spirito. Progressivamente si sta manifestando una struttura a tutto tondo, capace di fornire le risposte ad ogni domanda aperta, che ha sempre incuriosito la capacità media di ‘senzienza’ dell’umanità.

Sto sviluppando, altresì, un nuovo concetto di ‘Sciamanesimo’ o nuovo ‘senso’, che deriva dall’intuizione frattale del Tutto, che ho chiamato ‘Analogia Frattale’; se volete, potete intuire a cosa mi riferisco citando la frase di Ermete Trismegisto ‘Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli della cosa una’.

La ‘frattalità’ a cui alludo non è solo quella relativa alle ‘forme geometriche’ che molto facilmente si evidenziano in Natura. Il concetto di ‘Analogia Frattale’ utilizza termini ‘vuoti’ che io intendo alla mia maniera. Per me il frattale è allo stesso tempo olografico, ossia contiene in Sé, ad ogni sua dimensione, la stessa valenza della ‘Sorgente’. Questo concetto è potenzialmente applicabile ad ogni ambito della Vita, la quale è stata programmata nelle 3d, in uno Scenario chiamato Terra 3d, polarizzato attraverso l’emissione di forme pensiero dettate dalle abitudini umane nel Tempo.

Questa polarizzazione è stata memorizzata magneticamente nel Pianeta che ci ospita, il quale è diventato un potente emettitore di questa frequenza mnemonica. L’effetto è stato quello di attirare sulla Terra 3d delle ‘Entità’, che io definisco ‘parassite’. Esse hanno fiutato l’occasione di approfittarsi delle ‘rinunce’ espresse dal genere umano, al fine di manipolarlo e utilizzarlo come fonte di sostentamento energetico.

SPS non rientra in nessuna classificazione attualmente esistente della cosiddetta ‘controinformazione’. Ritengo di canalizzare informazioni e che questi dati siano il mio riflesso per me. Nient’altro di più. Credo che non ci sia nessun Mondo da salvare e che tutto sia ‘perfetto’ già così. Viviamo in una scuola auto educativa i cui ‘docenti’ sono le ‘Entità’ stesse appena descritte. Si descrive un gioco di parti in una teatralità fortemente polarizzata dal passato. Io chiamo Antisistema lo Scenario 3d che ci ospita.

Non perché voglia dipingere il tutto come negativo, ma solo perché mi sembra corretto ‘dare a Cesare quel che è di Cesare’. Ossia, non riesco più a chiamare lo status quo con il termine di ‘Sistema’, perché questo Mondo è esattamente al contrario e non penso che debba fornire degli esempi per capire quello che intendo, no? È evidente… Ma al di sopra esiste un lucidissimo ‘Piano Divino’.

Qual è il tuo ‘sentire’ a proposito del raggiungimento del 21 dicembre 2012?

Credo che questa famosa data sia una sorta di spartiacque energetico della potenzialità. Credo che la scelta di esprimere un’alternativa a questo modello Antisistemico, sia configurata in ognuno di noi e che questo periodo sia proprio caratterizzato dal muoversi in una varietà energetica diversa da quella che ha contraddistinto il passato. L’umanità si muove in un tempo artificiale e tutto quello che conosce è filtrato da una struttura di Controllo altamente efficiente di cui, ad esempio, Castaneda delineava qualche contorno quando affermava che ‘la strategia più sottile è stata di averci dato la loro mente’.

La particella ‘loro’ è identificativa delle ‘Entità parassite’. Il 2012 e gli anni a seguire saranno caratterizzati proprio da questa più ampia possibilità di ‘ritrovare se stessi’ sulla via della propria conoscenza intima riflessa dal Tutto. Esistiamo solo noi, come singole individualità. Non esiste null’altro se non il nostro cammino. Gli ‘altri’ sono altre parti di noi riflesse e che riflettono. È tutto presente allo stesso tempo. Quale via sceglieremo di percorrere? Dipende da noi.

Queste ‘Entità’ a cui ti riferisci non sono troppo potenti per noi?

È come guarire da un raffreddore. Non c’è raffreddore troppo potente. Prima o poi passa. Diciamo che quando siamo pronti, avviciniamo nuova potenzialità e dunque nuova esperienza. Queste ‘Entità’ vanno ri-comprese nel Sé. Sono nostre parti ‘ignoranti’ ma non immemori. Ricordano più loro di noi, cosa eravamo e cosa siamo. ‘Tifano per noi’ intimamente. Pur non essendoci né allievi né docenti, essi sono più assimilabili al ruolo di docenti silenti. Il loro lato ‘allievo’ siamo noi: senza memoria ma col chiaro scopo di esprimere altro valore aggiunto al fine di equilibrare l’equazione del Creatore, che a sua volta è sulla via del ‘Conosci Te Stesso’.

Questa equazione, che fa sempre ‘100’, in realtà, dipende dalle dosi degli ingredienti, dalla loro combinazione alchemica. Il nuovo ‘100’ a cui dovremmo giungere è molto diverso dal sentirsi ‘Tutto e Soli’. È un nuovo punto prospettico da raggiungere, ad esempio espresso nel finale di ‘Prospettiva Vita’, dal quale poter continuare un ‘viaggio’ ancora più fantastico, che richiede una presenza sempre conscia della perfezione della quale ci ammantiamo in ogni occasione. Il bene e il male esistono come separati, se lo siamo noi principalmente.

Ognuno di noi sintetizza la polarità attraverso la co creazione di un terzo stato quantico riassumente la polarità in ottica biodiversa. Leggi Cosmiche e Planetarie si miscelano ‘omeopaticamente’ sul Pianeta, fornendo la possibilità di esperienziare la percezione di Vita 3d. In definitiva, io che sono partito ateo, miscredente, ‘distruttore’, mi sto accorgendo di intessere una trama che ha la giusta sensibilità per esimersi da ogni giudizio per assaporare e distillare la Verità, che viaggia in ogni ambito della vibrazione d’esistenza.

L’economia globale, in ‘pseudo crisi’, evidenzia proprio questa Verità che cerca di divenire sempre più manifesta: la crisi è necessaria giunti a questo punto. La ‘febbre’ è alta ma è portatrice di grande speranza. Se togliamo l’alimentazione a questo ‘modello’, lo possiamo cambiare, anche se non è questo il punto, perché secondo me è una evidenza che viene da sé.

Cambiando noi, cambia tutto. Una nota conclusiva; a mio modo di ‘sentire’, le 3d sono cicliche e hanno un senso ‘auto adempiente’, ossia servono ad uno scopo superiore, per cui anche la loro caratteristica di ciclicità ha in sé lo stesso scopo.


Davide Nebuloni informatico e ricercatore spirituale indipendente, scrittore (ha recentemente pubblicato il suo primo romanzo spirituale “Prospettiva Vita”). Segue la via del “Conosci Te Stesso”. Sviluppa il tema della dualità da cui ‘scorre’ il tema dell’eterno presente (terzo stato quantico), dell’analogia frattale e delle ‘cronache dell’Antisistema’. Appassionato di poesia si è avvicinato al mondo della dinamica mentale ed è interessato per vie spontanee ed intuitive ad interlacciare le informazioni che gravitano in maniera caotica attorno a noi.

È sua intenzione unire le due sfere del Sacro e del Profano, mediante l’integrazione della sua passione per il trading, di cui ha una buona esperienza, con la grande onda spirituale/evolutiva che lo alimenta. Si “muove” con la ferma proposizione di poter fornire una nuova prospettiva del paradigma in auge e un nuovo modello per raggiungere l’indipendenza economica e le vie per la prosperità, attraverso strategie di uscita e denutrizione dell’Antisistema.

E-mail: nebulls@libero.it
Blog: sacroprofanosacro.blogspot.com

Cronache dell’antisistema ultima modifica: 2012-04-04T15:52:02+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)