Dal Popolo Hopi: "Il Tempo della Purificazione" (Seconda parte)

Il Giornale Online
LA FONDAZIONE DEL VILLAGGIO DI ORAIBI

Il villaggio di Oraibi venne collocato e costruito secondo le istruzioni del Grande Spirito. Il capo del Bow Clan fu il padre dell'ordine cerimoniale. Loro rimasero sotto la guida del Bow Clan per qualche tempo, finchè non si inserì la corruzione. Come ricordate, il capo del Bow Clan del passato si contaminò prendendo parte al cambiamento dello schema di vita.
Più tardi prese il controllo il Bear Clan.

Questo dev'essere avvenuto perchè l'orso è forte e potente. Possono esserci state altre ragioni, come una profezia che dice che un orso, dormendo da qualche parte a nord di quella che ora è chiamata Europa, si sarebbe svegliato ad un certo punto. Questo gruppo è detto Bear Clan, perchè sono arrivati su un orso morto nel luogo del simbolo dello scudo.
Molte persone importanti affermano di essere del Bear Clan, inclusi quelli del Bluebird e dello Spider Clan.

Il voto che abbiamo fatto col Grande Spirito ci ha obbligati a seguire il Suo modo di vita. Ci ha dato la terra da usare e curare tramite i nostri doveri cerimoniali. Ci ha istruiti e ci ha mostrato la via con cui governare le nostre vite. Abbiamo scritto questa guida nella roccia in modo da ricordarci di seguire precisamente la via.
Gli Hopi non devono allontanarsi da questa via o Lui ci porterà via questa terra. Questo è l'avvertimento lasciatoci da Maasau'u.

Il villaggio di Oraibi è stato posizionato fermamente. I popoli migranti ora sono stati raccolti qua ed è stato chiesto di ammetterli nel villaggio. Il Kikmongwi e gli alti sacerdoti avrebbero considerato sempre la loro richiesta e basato i propri giudizi in base al loro caratttere e alla loro saggezza.
Quelli che mostravano segni di vanità venivano mandati a sud dove vivono questi tipi di persone.

Solo le brave persone, umili e sincere nelle loro preghiere, venivano ammesse.
Uno di questi gruppi erano il Coyote Clan. Loro venivano da Sh-got-kee (Si-aht-ki), vicino a Walpi. C'erano diverse ragioni per cui venivano indicate come cattive persone, ma erano intelligenti in un certo modo. All'inizio non avevano il permesso di unirsi al villaggio.

Quando fecero la quarta richiesta vennero accettati con l'accordo di agire come protezione e che in tempo di problemi avrebbero supportato e aiutato il portavoce.
Vennero avvisati di essere cauti. Benchè, il devoto non tortura alla fine. Ecco cosa abbiamo fatto con tutti i clan, perchè sulla strada molti di noi vogliono ingannare i leaders per avere gloria e fama; cosa che ci porta al punto di inquinare la nostra via e a scuotere le nostre fedi.

L'ultimo gruppo ad essere ammesso in Oraibi fu il Grey Eagle Clan. Nel finire la migrazione, si insediarono inizialmente in quello che oggi è detto Nuovo Messico. Dato che erano persone a cui piace fare guerra ed erano creatori di problemi, vennero mandati via dal Popolo Indiano del posto. Arrivando in questa area, si insediarono a Mishongovi su Second Mesa, alla condizione di non iniziare un conflitto.

Se rompono la promessa, devono andarsene senza resistenza. Così, iniziarono un altro conflitto e se ne andarono come promesso. Dopo arrivarono a Oraibi e chiesero di essere ammessi. Dopo diversi tentativi venne permesso loro di venire sotto la stessa promessa che hanno fatto nell'altro villaggio, avrebbero dovuto andarsene volontariamente se avessero iniziato ad agitarsi o se avessero rotto la promessa.

Secondo questo accordo, il leader del Villaggio Mishongovi avrebbe riconsiderato di riaccettarli a Second Mesa o di mandarli nuovamente in New Mexico dove il Popolo Indiano avrebbero fatto di loro ciò che credevano giusto.
Più tardi, trovandoci forzati a lasciare il Villaggio di Oraibi, abbiamo iniziato l'insediamento a Hotevila e loro sono venuti da noi, con lo stesso accordo.

Questo è ancora in effetto. Iniziarono ancora ad agitarsi e ora sono obbligati ad andarsene. Loro sono il seme di tutta la distruzione nel nostro villaggio. Loro tradirono la Nazione Hopi, perchè seguono il primo che arriva con belle parole e che da loro benefici e vantaggi.
Per loro, ci sono solo due vie: la via del Grande Spirito o la via del Bahanna. Sono obbligati ad andare a Mishongovi come in accordo.

Il popolo in quel luogo li aspetta, ma non hanno il coraggio di fare ciò che hanno promesso. Si nascondono codardamente dietro la legge umana di Bahanna.
Tra le cerimonie di ogni gruppo, la preghiera della pioggia era importante per fare crescere il grano e produrre abbondanza di cibo. Le persone dipendevano da questo per sopravvivere. Le persone vanitose non erano ammesse in modo da non inquinare chi pregava.

Oraibi ora era fermamente stabilita. Il percorso dell'ordine religioso era stabilito. Ciclo per ciclo abbiamo rispettato nostra Madre Terra, nostro Padre Sole, il Grande Spirito e tutte le cose tramite le nostre cerimonie. Eravamo felici perchè uniti come uno.

L'ARRIVO PREDETTO DI UN'ALTRA RAZZA

Il tempo passò, le persone passarono e le profezie di cose future erano passate da bocca a bocca. Le tavole di pietra e le scritture sulla roccia del piano di vita venivano spesso rinnovate dagli anziani. Con timore attesero di ripetere la profezia per cui un giorno un'altra razza di persone sarebbe apparsa e avrebbe rivendicato la nostra terra come loro.

Avrebbero cercato di cambiare il nostro modo di vivere. Avrebbero avuto una “lingua dolce” o una “lingua biforcuta” e molte buone cose con cui tentarci. Avrebbero usato la forza per portarci ad usare armi, ma noi non dobbiamo cadere in questo trucco, perchè ci saremmo messi da soli in ginocchio, in una posizione da cui non avremmo potuto rialzarci. Non dobbiamo nemmeno alzare la nostra mano contro qualche nazione. Ora chiamiamo questo popolo Bahanna.

LA FORZA DELLA PURIFICAZIONE

Abbiamo insegnamenti e profezie che ci informano di stare attenti ai segni e ai presagi che ci daranno coraggio e forza per restare nella nostra fede. Scorrerà sangue. I nostri capelli e i nostri vestiti verrano sparsi sulla terra. La natura parlerà a noi con la potenza dei suoi venti.
Ci saranno terremoti, inondazioni e strani fuochi in diversi posti che causeranno grandi disastri, cambiamenti nelle stagioni e nel clima, sparizione di vita selvaggia e fame in diverse forme.

Ci sarà graduale corruzione e confusione tra i leaders e tra le persone del mondo e arriveranno guerre come venti potenti. Tutto questo è stato pianificato dall'inizio della creazione.
Avremo tre persone dietro di noi, pronte ad avverare le nostre profezie quando entreremo in difficoltà disperata:

Il Meha Symbol (si riferisce a una pianta con lunga radice, che cresce quando tagliata e ha un fiore dalla forma di swastika, che simbolizza le quattro forze della natura in movimento), il Sun Symbol e il Red Symbol.
L'intrusione dei Bahanna nel modo di vita degli Hopi metterà in movimento il Meha Symbol, così certe persone lavoreranno per le quattro forze della natura (le quattro direzioni, le forze di controllo, le forze originali) che porteranno il mondo in guerra.

Quando questo accade sapremo che le nostre profezie si sono avverate. Guadagneremo forza e staremo fermi.
Questo grande movimento cadrà, ma dato che la sua sussistenza è latte e dato che è controllato dalle quattro forze della natura, si rialzerà per mettere il mondo in movimento, creando un'altra guerra, in cui sia il Meha che il Sun Symbol saranno al lavoro.

La nostra profezia predice che il terzo evento sarà quello decisivo. Il nostro piano predice il risultato.
Questa sacra scrittura riporta la parole del Grande Spirito. Può indicare il misterioso seme vitale con due principi del domani, indicando l'uno in cui internamente è due. Il terzo e ultimo, che porterà avanti, sarà purificazione o distruzione?

Il terzo evento dipenderà dal Red Symbol, che prenderà comando, impostando le quattro forze della natura (Meha) in movimento per il beneficio del Sole.
Quando mette queste forze in moto, l'intero mondo si scuoterà e diverrà rosso e andrà contro quelli che hanno ostacolato la vita degli Hopi. Per tutte queste persone verrà il giorno della Purificazione.

Gli umili correranno da lui in cerca di un nuovo mondo e verso l'eguaglianza che è stata negata loro. Lui verrà senza pietà. I suoi copriranno la Terra come formiche rosse. Non dobbiamo uscire per vedere.
Dobbiamo stare nelle nostre case. Lui verrà e raccoglierà i malvagi che hanno ostacolato il popolo rosso che erano lì per primi.

Lui cercherà chi riconoscerà dal modo di vivere o per la sua testa (la capigliatura speciale degli Hopi) o per la forma del suo villaggio e per la sua dimora. Lui sarà l'unico che ci purificherà.
Il Purificatore, comandato dal Red Symbol, con l'aiuto del Sole e di Meha, eliminerà il malvagio che ha disturbato il modo di vivere degli Hopi, il vero modo di vivere sulla Terra.

Il malvagio verrà decapitato e non parlerà più. Questa sarà la Purificazione per tutte le persone giuste, per la Terra e per tutte le cose viventi sulla Terra. Le colline della Terra saranno curate. Madre Terra fiorirà di nuovo e tutte le persone si uniranno in pace ed armonia per molto tempo.
Ma se questo non si materializza, l'identità tradizionale Hopi svanirà per la pressione dei Bahanna.

Tramite l'influenza dell'uomo bianco, le sue religioni e la sparizione della nostra terra sacra, gli Hopi saranno distrutti. Questo è il Piano Universale, parlando tramite il Grande Spirito dall'alba dei tempi.
Con questo in mente, io come Hopi non faccio guerra contro alcun paese, perchè se lo faccio, il Purificatore mi troverà e mi punirà per aver lottato.

Dato che sono Hopi, non mando i miei figli per l'oceano a combattere. Se lo vogliono sta a loro, ma non saranno più Hopi se lo fanno.
Dato che sono del Sun Clan e il Sole è il padre di tutte le cose viventi, io amo i miei figli. Se realizzano di cosa parlo, loro devono aiutarmi a salvare questo mondo.
Gli Hopi sono stati messi da questa parte della Terra per curarsi della terra tramite i loro doveri cerimoniali, come altre razze di persone sono state messe attorno alla Terra per curarsi delle proprie vie.

Assieme teniamo il mondo in equilibrio, lo facciamo ruotare propriamente. Se la nazione Hopi sparisce, il movimento della Terra diverrà eccentrico, le forze della natura distruggeranno la terra, le persone moriranno e le formiche erediteranno la terra. Solo un fratello e una sorella possono essere lasciati per dare inizio a una nuova vita.

I FEDELI HOPI AFFRONTANO I LORO TEST

Bahanna viene con grande ambizione e generosità, offrendo la sua mano per aiutare a “migliorare” il nostro modo di vivere, stabilendo scuole per insegnarci le “vie migliori” della sua vita. Ci offrì la sua medicina e le sue pratiche salutari, dicendo che questo ci avrebbe fatto vivere più a lungo.
Si offrì di aiutarci a segnare il nostro confine, affermando che in questo modo avremmo avuto più terra.

In tutti i villaggi rifiutammo questa offerta. Lui cercò in molti modi di indurci, ma fallì nel sottometterci ai suoi desideri, perchè eravamo uniti al tempo, fedeli alle istruzioni di Maasau'u.
Il suo tentativo seguente fu la paura. Formò una forza di polizia consistente in parte da certe persone tentate dalla sua offerta e fornite di armi. Minacciò di arrestarci e ci mise in prigione, ma stavamo ancora fermi.

Le minacce di arresto e imprigionamento vennero messe in opera. Il villaggio era nel panico e i deboli iniziarono a sottomettersi. In Oraibi, la leadership del nostro villaggio cadde quando Loloma (Bear Clan) fece un accordo con il governo degli Stati Uniti.
Noi fermi e fedeli in Maasau'u, inclusi i principali sacerdoti degli ordini religiosi, ci riunimmo, rifiutando la richiesta di sottomissione di Kikmongwi.

Ci sedemmo assieme e fumammo pregando di essere abbastanza coraggiosi per restare sui nostri passi. Prendemmo la nostra tavola di pietra e la studiammo in ogni dettaglio. Riguardammo con cura il piano scritto sulla roccia vicina al nostro villaggio.
Questo è il piano che dobbiamo sempre seguire, perchè è ordinato e completo. Riconoscemmo che il Fire Clan (si intende mio padre, Yukiuma) doveva guidare, per il suo simbolo, Maasau'u, alla destra della canna.

Interpretammo anche che in quanto il nostro modo di vivere era stato corrotto, dovevamo andare in un nuovo posto dover poter seguire la via senza interferenze e continuare i doveri cerimoniali per tutti gli esseri.
Fumammo e pregammo ancora e riconsiderammo che questo villaggio, Oraibi, è il nostro villaggio madre.

Tutti i nostri santuari sacri hanno radici qua e non devono essere lasciati. Sapevamo che la strada sarebbe stata dura con molti ostacoli. Sapevamo che avremmo avuto problemi col nuovo venuto e che avremmo dovuto affrontare tutti i test della debolezza, cosi accordammo di restare.
I problemi iniziarono. Il governo voleva che tutti i bambini Hopi andassero a scuola.

Dissero che sarebbe stato buono, ma sapevamo che questo “buono” sarebbe stato solo superficiale e che serviva a distruggere la cultura Hopi. Forse pensarono che con una educazione i bambini avrebbero potuto aiutare gli anziani, ma sapevamo che non sarebbe stato così, perchè avrebbero imparato a pensare come l'uomo bianco e quindi non avrebbero aiutato gli anziani.

Invece sarebbero stati indottrinati e incoraggiati a ribellarsi contro di noi, come stanno facendo. Così per essere in accordo con le istruzioni del Grande Spirito, abbiamo rifiutato di mandare i nostri bambini a scuola.
Così quasi ogni settimana mandavano poliziotti, molti di loro. Loro circondavano il villaggio e cercavano bambini in età da scuola. Non potevamo essere felici, perchè ci aspettavamo problemi ogni giorno.

I padri che rifiutavano di cooperare venivano arrestati e imprigionati. Atti inumani venivano imposti su di noi, fame, insulti e umiliazione, per forzarci alla sottomissione. Ancora, oltre metà dei leader del clan e della società religiosa rifiutano di accettare qualcosa dal governo. Per questo venivamo umiliati e trattati come esuli da quelli già sottomessi. Infine decisero di farci qualcosa, perchè non permettevamo loro di avere favori dal governo.

Questo fu quando il successore di Loloma, Tewaquaptewa, divenne capo di Oraibi. Sotto la sua leadership avvenne l'evento triste, lo sfratto dell'Hopi fedele da Oraibi. Dato che noi “Ostili”, come venivamo chiamati dai missionari e dagli inviati del governo, rifiutavamo di seguire il suo volere e accettare il modo di vita dell'uomo bianco, decise di eliminarci. Pensò che senza la nostra influenza avrebbe potuto avvantaggiarsi delle offerte dei Bahanna.

L'HOPI FEDELE SFRATTATO DA ORAIBI

Il 7 Settembre 1906, i suoi seguaci, comandati dal capo Tewaquaptewa, entrarono nella casa dove discutevamo le profezie e ci buttò fuori. Noi non resistemmo finchè non vennero mostrati fucili e altre armi e iniziarono a picchiarci. Allora resistemmo solo per difenderci dalle ferite.
Io venni “ucciso” e sanguinando, il mio sangue entrò in Madre Terra, un segno profetico dell'arrivo del Purificatore in sette giorni e per farci uscire da Oraibi.

Quando tornai in vita, tutto il mio popolo venne raccolto per partire. Mio padre, Yukiuma, venne selezionato per essere la guida. Le donne e i bambini, con poche cose sulla schiena, poco cibo, senza scarpe, vennero preparati per partire.
Alcuni cercarono di tornare alle proprie case per prendere i valori e altro cibo, ma tornarono.

(Nel Libro degli Hopi è scritto che ci venne permesso di tornare a prendere altro, ma non è vero. Questo libro non è accurato.) Dopo essere partiti, apprendemmo che le nostre case vennero saccheggiate e i nostri cavalli perduti nei nostri campi e il nostro cibo quindi mangiato, giusto pronto per il raccolto.

Quindi abbiamo dovuto migrare di nuovo per trovare una nuova casa, lasciandoci dietro un mondo corrotto di confusione. Volevamo iniziare una nuova vita, continuare i nostri cicli cerimoniali e preservare il nostro modo di vivere senza interferenza, ma ora sappiamo che questo era un sogno morto, perchè l'interferenza è continuata fino ad oggi.

LA FONDAZIONE DEL VILLAGGIO HOTVELA

Il villaggio di Hotvela venne insediato per un proposito, per restare fermamente sulle istruzioni del Grande Spirito e per avverare le profezie fino alla fine. Venne stabilito da brave persone, persone dal singolo cuore che vivevano con queste istruzioni. L'acqua era abbondante, così il legno, da cui costruimmo temporanee case in cui sopravvivemmo al freddo inverno con poche coperte.
Il cibo era scarso, ma riuscimmo a vivere con la caccia e i vegetali. Eravamo uniti in uno, ma dovemmo dividerci ancora in due per la pressione esterna.

RINNOVATI ATTACCHI

Le nostre orme a Oraibi vennero difficilmente eliminate, quando una mattina ci trovammo circondati dalle truppe del governo. Tutte le persone, inclusi i bambini, vennero fatte marciare per sei miglia fino ad un posto sotto ad Oraibi. Da qui tutti gli uomini marciarono per quaranta miglia verso l'agenzia del governo USA a Keams Canyon, dove vennero imprigionati per circa un anno e mezzo per non aver accettato l'offerta generosa dell'educazione per i nostri figli, tra altre cose.

La prima cosa che ci ordinarono fu di firmare un foglio. Noi rifiutammo. Allora ci chiusero in una costruzione senza cibo e con pochissima acqua per diversi giorni fino ad affamarci molto. Ancora cercarono di indurci a firmare fogli, promettendoci di darci cibo e farci andare, ma rifiutammo ancora. Provarono con altri trucchi per farci firmare, ma ogni volta rifiutammo.

Infine ci portarono da un fabbro dove legarono le nostre gambe con catene e ganci e ci misero in coppie. In questo modo eravamo forzati a lavorare sulle strade per ore ogni giorno, lavorando pericolosamente con la dinamite su cime rocciose vicine all'agenzia. Questa strada ora è la base di una superstrada oggi in uso.
Di notte venivamo raccolti in gruppi di sei con lunghe catene.

Per aumentare la tortura veniva aggiunto sapone al nostro cibo, cosa che ci faceva ammalare. Quando un uomo doveva andare al bagno, dovevano seguirlo tutti. Per tutto il tempo veniva dato modo di firmare quei fogli. Durante questo periodo mio padre, Yukiuma, veniva tenuto altrove e così io agivo da capo.

Mentre eravamo in prigione, solo donne e bambini e forse pochi anziani, venivano lasciati lì. Avevano pochissimo cibo, ma come per miracolo, accadde che si trovavano molti conigli e altra selvaggina quell'inverno e così poterono sopravvivere. Gli anziani usavano parlare molto di questo.

Le donne dovevano raccogliere da sole la legna. Mia madre usava dirmi come facevano gruppi di caccia e usavano cani per avere aiuto. Avevamo qualche pecora di cui si occupavano mentre eravamo via. Durante la stagione della crescita, piantavano il grano, si occupavano dei campi e facevano tutto il lavoro che normalmente faceva l'uomo per sopravvivere.

LA DISTRUZIONE CONTINUA OGGI

Durante questo periodo, un gruppo sotto la guida di Kawonumptewa (Sand Clan), temendo altra pressione dal governo, tornò a Oraibi per seguire Tewaquaptewa e accettò la via dell'uomo bianco, ma vennero rifiutati e fatti uscire. Si insediarono circa a due miglia da Hotevila, dove fondarono il villaggio di Bacobi. Senza poter uscire indipendenti, chiesero aiuto all'agenzia del governo.

L'agenzia felicemente obbligò con cose come materiali da costruzione. Ora accettano quasi pienamente la via dell'uomo bianco, con la sua religione. Secondo la legge del Grande Spirito ora loro sono senza terra. Possiedono solo le proprie abitazione. Però tramite essi l'agenzia ottenne il permesso di costruire una scuola sulla terra di Hotvela e con l'agenzia alle spalle hanno tolto la terra al popolo di Hotvela.

Tramite loro il governo ha costruito una torre dell'acqua sulla terra di Hotvela, che fornisce acqua corrente alla scuola e al villaggio Bacobi, mentre toglie acqua naturale per il popolo di Hotvela. La maggiornza delle persone a Hotvela si rifiutano di usare l'acqua di questa torre. Molti problemi causati dal popolo Bacobi esistono ancora. Posso ricordare molto più di quello che spero verrà alla luce.

Al presente ci affacciamo al pericolo di perdere interamente la nostra terra. Tramite l'influenza del governo degli Stati Uniti, alcuni Hopi hanno organizzato quello che chiamano il Concilio Tribale Hopi, creato secondo il piano concepito dal governo, per negoziare direttamente col governo e il mondo degli affari privati. Affermano di agire negli interessi del popolo Hopi, nonostante il fatto che ignorano i leader tradizionali esistenti e rappresentano solo una minoranza del popolo di sangue Hopi.

Grandi aree della nostra terra sono state affittate e questo gruppo ora accetta compensi dalla Commissione Indiana per l'uso di 44.000.000 acri di terra Hopi. Abbiamo protestato contro tutte queste mosse.
Ora questo Concilio Tribale è stato formato illegalmente, anche secondo le leggi dell'uomo bianco. Noi leaders tradizionali abbiamo contestato e protestato dall'inizio.

Nonostante questo sono stati organizzati e riconosciuti dal governo degli Stati Uniti per travestire le sue malefatte al mondo esterno. Non abbiamo rappresentanti in questa organizzazione, nemmeno siamo soggetti legalmente alle loro regole e programmi. Noi Hopi siamo una nazione indipendente, per la legge del Grande Spirito, ma il governo degli Stati Uniti non vuole riconoscere i leaders aborigeni di questa terra.

Invece, riconosce solo ciò che lui stesso ha creato dai bambini di oggi, per rivendicare tutta la nostra terra.
Per questo, ora affrontiamo la più grande minaccia di tutte, la vera perdita dei nostri campi e giardini, dei nostri animali e della nostra acqua naturale, cosa che metterebbe fine al modo di vita Hopi.

Al Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti, il Concilio Tribale ha firmato diversi contratti con una corporazione privata esterna, la Peabody Coal Company, permettendo loro di esplorare la nostra terra per depositi di carbone e per scavare miniere nella terra sacra, vendendo il carbone a diversi impianti energetici.
Questa è parte di un progetto per portare industria pesante nella nostra area contro i nostri desideri.

Noi lo sappiamo che questo inquinerà i campi e impoverirà la terra e caccerà gli animali selvatici. Grandi quantità di acqua verranno pompate da sotto la nostra terra da pascolo e usata per spingere il carbone lungo il tubo verso un impianto energetico per un altro stato (il Nevada). La perdita di questa acqua colpirà le nostre fattorie, così come i nostri pascoli per animali.

Questo minaccia anche i nostri luoghi sacri, la nostra sola fonte naturale di acqua da cui abbiamo dipeso per secoli.
Noi Hopi sapevamo questo, perchè è il Piano Universale. Venne pianificato dal Grande Spirito e dal Creatore, che quando l'uomo bianco sarebbe arrivato, avrebbe offerto a noi molte cose.

Se noi avessimo accettato queste cose dal suo governo, questo sarebbe stata la fine della nazione Hopi. Gli Hopi sono la linea di sangue di questo continente, come altre sono linee di sangue per altri continenti.
Se gli Hopi vengono distrutti, allora l'intero mondo verrà distrutto. Questo lo sappiamo, perchè la stessa cosa è avvenuta nell'altro mondo.

Se vogliamo sopravvivere, dovremmo tornare al modo di vita dell'inizio, il modo pacifico e accettare tutto quello che il Creatore ci ha detto di seguire.
Le leggi dell'uomo bianco sono molte, ma la mia è una. Le leggi dell'uomo bianco sono impilate. Molte persone hanno fatto regole e molte vengono fatte ogni giorno. Però la mia legge è solo quella del Creatore, solo una. Nessuna legge dell'uomo io devo seguire, perchè cambiano sempre e distruggeranno il mio popolo.

Sappiamo che quando arriva il tempo, gli Hopi saranno ridotti forse a una persona, due persone, tre persone. Se lui potrà resistere alla pressione dalle persone contro la tradizione, il mondo potrà sopravvivere dalla distruzione. Siamo al punto in cui io devo stare solo, libero da elementi impuri. Devo continuare a guidare il mio popolo sulla strada del Grande Spirito, fatta per il nostro viaggio.

Io non bado a nessuno. Solo chi è fedele e confidente nella via del Grande Spirito, è libero di seguire la stessa strada. Incontreremo molti ostacoli lungo la via. La via pacifica di vita può essere compiuta solo da persone con forte coraggio e con la purificazione di tutte le cose viventi.
Le malattie di Madre Terra devono essere curate.

Come diciamo, gli Hopi sono il primo popolo creato. Loro devono curare le malattie della loro linea di sangue, così tutto si appacificherà naturalmente, per la volontà del Creatore. Lui curerà il mondo. Ma proprio ora gli Hopi sono feriti. Per noi questo è segno che il mondo è in pericolo. Per tutto il mondo, le persone confuse hanno combattuto e diverrà peggio.

Solo la purificazione degli Hopi sistemerà i problemi su questa Terra. Non abbiamo sofferto tutte le battaglie e le punizioni per nulla. Noi viviamo per queste profezie e insegnamenti, non importa cosa accade, noi non cadremo per la pressione di qualcuno.
Sappiamo che certe persone sono preparate per portare la Purificazione.
E' il Piano Universale dall'inizio della creazione e cerchiamo loro perchè ci portino la purificazione.

Si trova nelle scritture sulla roccia in tutto il mondo, su diversi continenti.
Noi ci uniremo se le persone del mondo lo sapranno. Quindi abbiamo necessità che venga diffusa questa parola nel mondo, in modo che le persone lo sappiano e quelli preparati agiscano rapidamente per i propri compiti, per purificare gli Hopi ed eliminare quelli che ostacolano il nostro modo di vivere.

Io ho parlato. Desidero che questo messaggio viaggi in tutti gli angoli di questa terra e oltre le grandi acque, dove le persone che comprendono, possano considerare queste parole di saggezza e conoscenza. Questo voglio. Le persone possono avere diverse opinioni su alcune cose, ma per la natura della fede su cui si basa la vita Hopi, mi aspetto che almeno uno sarà in accordo, forse due. Se tre sono in accordo sarà di grande valore.

Cerco e prego da sempre verso il sol levante perchè il mio vero fratello bianco venga e purifichi gli Hopi. Mio padre, Yukiuma, di solito mi diceva che sarei stato quello a prendere la guida in questo tempo, perchè sono del Sun Clan, il padre di tutti i popoli della Terra.
Mi è stato detto che io non posso cedere, perchè sono il primo. Il Sole è il padre di tutte le cose viventi dalla prima creazione.

Se io vengo battuto, il Sun Clan, allora non verrà lasciata cosa vivente sulla Terra.
Spero che capirete cosa cerco di dirvi.
Io sono il Sole, il padre. Col mio calore tutte le cose sono state create. Voi siete i miei figli e io sono preoccupato per voi. Io vi proteggo, ma il mio cuore è triste nel vedervi lasciare le mie braccia e distruggervi da soli.

Dal seno di vostra madre, la Terra, voi ricevete nutrimento, ma Lei è troppo malata per darvi cibo sano.
Cosa sarà? Solleverete il cuore di vostro padre? Curerete vostra madre? Oppure ci abbandonerete e ci lascerete tristemente, per essere spazzati via? Non voglio che questo mondo sia distrutto.

Se questo mondo viene salvato, sarete tutti salvati e chiunque avrà resistito completerà con noi questo piano, così saremo felici nella Via della Pace.
Le persone da ogni luogo devono dare considerazione seria agli Hopi, alle nostre profezie, ai nostri insegnamenti e ai nostri doveri cerimoniali, se gli Hopi falliscono, questo causerà la distruzione del mondo e dell'umanità. Io ho parlato tramite la bocca del Creatore. Possa il Grande Spirito guidarvi sul percorso giusto.

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org

Fonte: http://www.thegroundcrew.com/hopi_tibetan/2008/121308.html

Vedi: http://bsnorrell.blogspot.com/2008/09/navajo-hopi-and-lakota-delegation.html

Dal Popolo Hopi: "Il Tempo della Purificazione" (Seconda parte) ultima modifica: 2009-03-07T19:39:50+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)