Dal Sole Potenti Radiazioni Emesse Verso La Terra


Segnalata da superza

Una potente eruzione solare, avvenuta il 17 gennaio 2012, pochi giorni dopo la più grande espulsione di massa coronale (CME) osservata in quasi un decennio, ha inviato una potente radiazione fino al campo magnetico terrestre, nonostante la distanza da esso. Secondo gli scienziati della University of New Hampshire, attualmente allo studio sui vari aspetti della radiazione solare, ciò è stato dovuto sia alla popolazione esistente di particelle energetiche lanciate dalla prima CME, sia da una potente connessione magnetica che ha innescato l'invio delle particelle verso la Terra dalla regione di esplosione del Sole, che era posta ad un angolo obliquo.

“Le particelle energetiche possono entrare di nascosto come il 17 gennaio, quando sono state espulse dal bordo del Sole”, dice l'astrofisico Harlan Spence, direttore dell'Istituto UNH per lo studio della Terra, gli oceani e lo spazio (EOS) e ricercatore principale per il telescopio Cosmic Ray Telescope for the Effects of Radiation (CRaTER) a bordo del NASA Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO). CRaTER è stato progettato per misurare e caratterizzare gli aspetti ambientali delle profonde radiazioni spaziali. Gli eventi meteorologici spaziali possono disturbare le reti elettriche terrestri, i satelliti che operano sui sistemi di posizionamento globale e di altri dispositivi e potrebbero portare a qualche dirottamento dei voli sopra le regioni polari, costituendo anche un grave rischio per gli astronauti oltre la bassa l'orbita terrestre.

La prima esplosione, avvenuta Lunedi 23 gennaio 2012, è stata classificata come un X-class flare (il tipo più potente di tempesta solare). Quando è avvenuta, dalla stessa regione ricca di macchie solari che è stata fonte del flare della precedente settimana, la regione era posta in direzione opposta alla Terra. Tuttavia, i protoni ad alta energia che viaggiano ancora più velocemente del vento solare verso la Terra possono influenzare pericolosamente la “meteorologia spaziale”, influenzandola, anche quando il pianeta non è nel percorso diretto.

“Le linee di campo magnetico su cui le particelle energetiche viaggiano, curvano dal Sole alla Terra, a differenza delle EMC, che viaggiano in linea retta. Nel caso del flare, le particelle energetiche sono state magneticamente connesse alla Terra, anche se la seconda CME da questa regione attiva ci ha mancati del tutto”, spiega Madhulika Guhathakurta, ricercatore del programma principale di Living NASA. Fa notare Spence: “la situazione era peggiorata dal punto di vista delle radiazioni, perché c'era una pre-esistente popolazione di particelle energetiche emesse dalla prima CME, quando poi è arrivato il secondo”.

L'obiettivo primario di CRaTER è stato quello di caratterizzare l'ambiente globale e la radiazione lunare con le sue conseguenze biologiche. Lo strumento ha misurato la radiazione galattica e solare con una plastica molto simile al “tessuto umano”. Durante i due anni e mezzo della missione LRO, le misurazioni degli ultimi eventi solari, sono più significative rispetto alla radiazione in arrivo. “Ora abbiamo le stime sugli effetti biologici che si sono verificati nello spazio profondo per gli astronauti”, dice Michael Wargo, capo scienziato lunare della NASA. Entrambi gli eventi, mentre le forme forti di clima spaziale, non erano potenti come le tempeste di Halloween del 2003, che erano state le più intense degli ultimi 23 anni di ciclo solare. Ma mentre il Sole si avvia verso il massimo solare nel 2013, avverranno tempeste sempre più potenti e sempre più violente.

Le misurazioni di CRaTER e le previsioni del Module Radiation Environment UNH (EMMREM), il cui Principal Investigator è l'astrofisico Nathan Schwadron dello Space EOS Science Center, descrivono l'esposizione alle radiazioni nello spazio, sulla Luna, e in ambienti planetari. La comprensione dei rischi conseguenti alla radiazione spaziale diventa sempre più critica per prevedere gli effetti di queste potenti esplosioni solari. Dice Guhathakurta, “L'uso di EMMREM per caratterizzare gli eventi attivi mette in evidenza le nostre capacità in rapido progresso di comprensione, caratterizzazione e persino previsione della radiazione proveniente dal nostro Sole, sempre più attivo”.

Traduzione a cura di Arthur McPaul

Foto in Alto
Radiazione inviata alla Terra il 23, gennaio 2012 dal flare solare attraverso le linee curve dei campi magnetici (in blu) prima dell'espulsione di massa coronale (massa arancione dal Sole) e la sua onda d'urto. (Crediti: Nathan Schwadron, UNH-EOS.)

Fonte: http://nemsisprojectresearch.blogspot.com/2012/02/dal-sole-potenti-radiazioni-emesse.html http://unh.edu/news/campusjournal/2012/Feb/01radiation.cfm
Vedi: http://daltonsminima.altervista.org/?p=18567

Dal Sole Potenti Radiazioni Emesse Verso La Terra ultima modifica: 2012-02-09T15:50:35+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)