Dalla Russia, il "padre" di tutte le bombe

Il Giornale Online

14/09/2007

Forse parlare della minaccia di una nuova Guerra fredda è prematuro e non invoglia a dormire sonni tranquilli. Ma il nuovo ordigno messo a punto dalla Russia si preannuncia come un’arma di distruzione senza precedenti. Già dal nome che gli è stato provvisoriamente assegnato, in attesa del “battesimo” ufficiale: “Padre di tutte le bombe”.

Secondo quanto annunciato dai notiziari russi, la nuova arma è stata così definita per sottolinearne la maggiore potenza rispetto alla “madre di tutte le bombe”, la GBU-43, ovvero la bomba a vuoto sperimentata dagli Stati Uniti che è stata per 4 anni la più distruttiva al mondo. Peccato che la superficie colpita dalla GBU-43 sia di soli 150 metri quadrati, contro i 300 della “creazione sovietica”.

La nuova bomba convenzionale “più potente del mondo”, è stata testata con successo nella Russia di Putin. L'esplosione sprigionata è pari a quella prodotta da un ordigno nucleare, con una differenza fondamentale: non ci sono radiazioni.

“Dopo l’esplosione il terreno dell’epicentro assomigliava a quello lunare – ha dichiarato dopo il test il vice capo di Stato Maggiore, Alexander Rukshin – ma non c’è alcun tipo di inquinamento”.

Il vice capo Stato Maggiore ha spiegato che sotto il profilo della “potenza e dell'efficacia” la nuova arma sperimentata dalle forze russe è del tutto comparabile ad una bomba atomica, da cui si differenzia per il mancato impatto radioattivo sull'ambiente. Il ministero della Difesa ha tenuto a precisare che la bomba non viola i trattati internazionali e, pertanto, non intende innescare una nuova corsa al riarmo.

L’ordigno appartiene alla categoria delle vacuum bomb (bombe a vuoto). A comporlo due serbatoi con all’interno altrettante sostanze: quando il primo serbatoio esplode, il suo contenuto si mescola all’ossigeno presente nell’atmosfera, formando una nuvola che esplode alla detonazione del secondo serbatoio. La violentissima esplosione finale crea il vuoto disintegrando per implosione gli edifici.

fonte: notizie.alice.it

[youtube=425,335]6ePpEoDAGGieYkXzY

Dalla Russia, il "padre" di tutte le bombe ultima modifica: 2007-09-14T12:33:13+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)