David Wilcock – La Scienza dell’Uno – cap. 3

– Il Contesto Cosmico

David Wilcock

David Wilcock

3.1 L’Amore è Vibrazione

Considerando quello che abbiamo visto nello scorso capitolo, dobbiamo fare un’altra premessa filosofica. Se la coscienza e l’amore possono manipolare la materia, creare tutti i campi energetici conosciuti e sono infine un movimento vibrazionale di energia eterica, allora:

Il livello di amore, coscienza o intelligenza in una data area è direttamente misurato dalla velocità vibrazionale dell’etere in quella area. Quindi, se la “fabbrica” eterica di spazio e tempo include una data area in cui le velocità vibrazionali sono maggiori, allora in quell’area possono esistere livelli superiori di intelligenza e amore; per dirlo semplicemente è disponibile una maggiore energia in quell’area.

Questo spiega perchè le abilità telecinetiche di Nina Kulagina “funzionavano meglio in una atmosfera di fiducia reciproca”. Inoltre, tutti i processi consci possono muoversi più rapidamente e quindi esibire una maggiore intelligenza e amore, dove l’energia stessa si muove più rapidamente.

Chiaramente, studi come quello sull’effetto Maharishi ci mostrano che un gruppo di meditatori esperti sono stati in grado di far notevolmente decrementare la quantità di atti violenti commessi in una data città, infine hanno fatto muovere più rapidamente l’energia eterica in quell’area.

 Per metterlo in termini più famigliari, potremmo dire che assieme scegliamo costantemente se creare armonia o paura nelle nostre vite e questo influenza direttamente tutte le forme di vita sulla Terra nell’intero. Se siete parte di chi crede che la vita debba esistere da qualche altra parte oltre la Terra, allora dovreste sapere che il nostro amore influenza tutto l’Universo in qualche modo.

3.2 Energie Cosmiche e Coscienza

E’ facile scivolare indietro nell’abitudine del pensare che l’amore sia un tratto particolare umano, qualcosa di legato all’umanità e non di connesso direttamente ad energia universale. Nonostante questo rivediamo la nostra definizione di “amore” come indicazione di un livello maggiore di movimento vibrazionale nell’energia eterica in una data area, nè più nè meno.

Kulagina non poteva manifestare i suoi effetti Psicocinetici quando i ricercatori abbassavano la velocità di movimento vibrazionale nell’energia eterica che la circondava, tramite pensieri non amorevoli. Per capire veramente il “Gioco di Scacchi Cosmico” come lo definiamo ora, dobbiamo pensare in modi diversi da quelli a cui siamo abituati. Quindi ancora, tutto quello che conosciamo come “reale” viene creato momento per momento da correnti circolanti di energia eterica.

Il pensiero è una vibrazione circolante di energia attraverso i neuroni del cervello. Pensieri amorevoli rinforzano la vita e la salute e pensieri non amorevoli riducono la salute.

Alla fine, questa energia “amore” è semplicemente una vibrazione dell’energia eterica che crea tutto attorno a noi e questo non riduce assolutamente la sua importanza e sacralità. Se l’amore è semplicemente un movimento vibrazionale di energia eterica, allora dovrebbero esserci forze fuori dalla coscienza di gruppo umana che potrebbero modificare queste vibrazioni. Queste forze devono esistere, perchè tutto l’Universo è in costante movimento, tutti i movimenti incresperebbero il “mare” di energia eterica.

Un rapido esercizio mentale nella visualizzazione vi mostrerebbe facilmente che l’intero Sistema Solare deve essere immerso in una “piscina” gigante di energia eterica, dato che è comodo vedere l’etere come una sostanza energetica non fisica simile ad un fluido.

Basandoci sul nuovo modello di gravità, che sarà spiegato più precisamente in capitoli seguenti, questa energia si muoverebbe costantemente dentro e fuori da ogni pianeta, creandolo momento per momento. Quindi mentre ogni pianeta si muove attraverso questa energia, questo creerebbe un’onda nell’etere similmente ad un motore che disturba l’acqua mentre si sposta.

Quando un’onda si muove attraverso un medium, avete un maggior movimento vibrazionale nell’onda piuttosto che nel resto del medium. Infatti, la collettività dell’umanità non è isolata su un pianeta solitario, libero da altre influenze. Il paradigma eterico/ET suggerisce che: Il Sole, i pianeti e la galassia sono consci, in quanto sono formati da etere conscio in movimento vibrazionale e creano in modo naturale dei disturbi nell’etere mentre si spostano nello spazio.

Dobbiamo ricordare che questa “onda” vibrazionale nello spazio ha maggior movimento e quindi maggior amore e intelligenza e questo influenza direttamente l’umanità. L’evidenza scientifica ora disponibile, prova che questo movimento eterico indotto celestialmente, può superare la forza della “normale” coscienza collettiva in termini di capacità nella modifica dei nostri comportamenti. Inoltre, si può mostrare che questi movimenti planetari possono avere effetto diretto sui comportamenti energetici nel reame quantistico.

3.3 Le Energie Conscie Cosmiche Variano col Tempo

Il prossimo punto è che ovviamente, questi movimenti planetari cambieranno col tempo. Dato che il nostro pianeta è in movimento assieme agli altri, viaggeremo attraverso le varie “increspature” planetarie nell’etere del nostro Sistema Solare, in momenti predicibili e sequenziali di tempo.

Quindi, possiamo attenderci che una sequenza di vibrazioni energetiche verranno irradiate attraverso i nostri corpi, il nostro pianeta e tutta l’energia e la materia in esso, a seconda della posizione del nostro pianeta in relazione alle “onde” che sono state create dagli altri.

Un articolo nell’estate del 2000 su 21st Century Science and Technology Magazine intitolato Russian Discovery Challenges Existence of “Absolute Time” ha mostrato il corposo lavoro in corso del biofisico Russo Dr.Simon E.Shnoll al mondo Occidentale. Per dirlo brutalmente, i suoi risultati provano l’affermazione di sopra: i movimenti planetari stanno creando un disturbo nel medium generale dello spazio che influenza sia i processi viventi che non viventi sulla Terra in modo diretto.

Per gli ultimi trent’anni, Shnoll ha raccolto dati che hanno dimostrato come differenti processi biologici, chimici e atomici, incluso il decadimento radioattivo di molti differenti materiali, siano in qualche modo direttamente influenzati da movimenti celesti come il giorno, il mese e l’anno. A questo punto, eccone un piccolo estratto:

Due anni fa, quasi ignorato in Occidente, il biofisico Russo S.E.Shnoll ha pubblicato un lavoro nel prominente journal di fisica della Russia “Uspekhi Fisicheskikh Nauk” sommando i risultati di una investigazione durata più di tre decenni su regolarità statistiche anomale in una ampia gamma di processi fisici, chimici e biologici, dal decadimento radioattivo alle frequenze di reazioni biochimiche. L’evidenza indica chiaramente l’esistenza di una relazione prima sconosciuta, tra fluttuazioni dei processi radioattivi e altri in laboratorio, con i cicli astronomici maggiori, incluso il giorno, il mese e l’anno.

L’implicazione è che molti fenomeni finora ritenuti di carattere puramente statistico, come la distribuzione delle fluttuazioni nei valori momentanei di radioattività misurati in un campione, sono in qualche modo controllati o almeno fortemente influenzati da un fattore astrofisico che varia nel tempo nello stesso modo in tutti i punti sulla Terra.. Gli istogrammi, prodotti da più di due giorni a quattro serie successive di 12 ore di misurazioni, mostrano un altro fenomeno tipico scoperto da Shnoll: le forme degli istogrammi cambiano nel tempo.

shnoll2

(Nota: questi istogrammi non dovrebbero cambiare nel tempo se il decadimento radioattivo fosse veramente un processo casuale, come credono i fisici quantistici. Dovrebbero sembrare curve a campana senza questi bizzarri picchi che vediamo. Il Prof.Shnoll ci ha detto che quasi tutti gli scienziati definiscono questo “rumore nei dati” e lo ignorano, perchè non hanno ragione di pensare diversamente.)

Cosa più notevole, queste forme degli istogrammi per misurazioni indipendenti (e apparentemente non correlate) prese nello stesso periodo, tendono ad essere molto simili. Per esempio, misurazioni simultanee della frequenza di reazione dell’acido ascorbico, dichlorophenolindophenol (DCPIP) e dell’attività beta del carbonio-14 mostrano istogrammi di forma molto simile.

(Nota: in altre parole, c’è somiglianza nella frequenza di reazione dei composti biologici, chimici e del decadimento radioattivo, semplicemente perchè queste misurazioni sono state fatte nello stesso momento di tempo. Nel modello ufficiale, questo non dovrebbe esistere! Le onde strutturate negli istogrammi di sopra dovrebbero essere ipoteticamente solo “rumore nei dati”. Non dovremmo vedere identici “rumori” in processi totalmente scollegati! In qualche modo, tutta la materia fisica sulla Terra risponde allo stesso modo a movimenti esterni. Se vediamo solo “spazio vuoto” esistente tra i pianeti allora non possiamo trovare un modo per dimostrarlo.)

shnoll3Questi e moltissimi altri esperimenti fatti da Shnoll e i suoi collaboratori in molti anni, puntano in modo chiaro all’esistenza di un fattore universale che influenza le forme degli istogrammi e che varia nel tempo. Inoltre, i ricercatori Russi hanno scoperto periodi ben definiti in cui simili forme degl istogrammi tendono a ripetersi.

 Per riuscirci hanno preparato un algoritmo per misurare il grado relativo di somiglianza delle forme degli istogrammi e su questa base hanno fatto una anlisi computerizzata di centinaia di istogrammi presi in un lungo periodo.

Esaminando la distribuzione degli intervalli di tempo tra istrogrammi “simili”, hanno scoperto picchi maggiori a 0 ore (ovvero, istogrammi prodotti indipendentemente allo stesso tempo tendono ad essere simili), ad approssimativamente 24 ore, a 27.28 giorni (che corrisponde probabilmente alla rotazione sinodica del sole) e in tre intervalli vicini all’anno: 364.4, 365.2 e 366.6 giorni.

(Nota: la rotazione “sinodica” del sole che viene associata è ciò che avviene al suo equatore, misurata in 26 giorni di lunghezza, questo periodo lo hanno potuto associare al periodo di 27.28 giorni)

Dati più recenti, riportati all’autore, indicano che il periodo di “24 ore” è in realtà leggermente più breve e corrisponde quasi precisamente al giorno siderale! Questo suggerisce che almeno un fattore astronomico che influenza la forma dell’istogramma può originarsi all’esterno del sistema solare e si può associare con l’orientamento della stazione di misurazione rispetto alla galassia e non solo relativamente al Sole.

(Nota: il giorno siderale è correlato alla “precessione degli equinozi” della Terra, di cui abbiamo discusso approfonditamente in The Shift of the Ages e lo faremo nuovamente in questo libro. Questa precessione ora risulta chiaramente correlata alla nostra posizione nella Galassia, dato che è un ciclo temporale più lungo di molti altri che abbiamo osservato.)

Se quindi vogliamo accettare i duri fatti, le idee convenzionali della fisica subatomica sono nei guai. Il Dr.Shnoll ci dice chiaramente che i movimenti dei pianeti creano disturbi energetici precisi nello spazio e nel tempo che influenzano ogni singolo atomo, molecola o processo energetico nell’area circostante.

Se guardiamo bene gli istogrammi di sopra di questi vari processi, possiamo vedere che hanno “picchi” dove non sono attesi. Molti scienziati scartano questi dati, solo il Prof.Shnoll dopo oltre 30 anni di ricerca ha pensato a confrontare i diagrammi tra loro per trovare possibili connessioni.

Quindi ha visto che tutti i processi chimici e radioattivi mostrano gli stessi cambiamenti energetici negli istogrammi usati per misurarli in un dato “punto” nel tempo del movimento della Terra attraverso il sistema solare e la galassia.

Il lavoro di Shnoll indica chiaramente un “fattore universale…che varia nel tempo”. Il modello eterico come specificato sopra, spiega esattamente questo fattore universale. Deve esserci un medium nello spazio libero che viene disturbato dai movimenti celestiali e questo stesso medium deve anche essere responsabile per la creazione dei processi biologici, chimici e atomici momento per momento.

3.4 Movimento Eterico Strutturato nel Mercato Azionario

Nel caso di Shnoll esiste un corpo di ricerca preciso che mostra come si possano trovare semplici correlazioni e un “Fattore Universale” che lega i movimenti planetari con i processi fisici, chimici e biologici. Questi effetti non possono essere negati, i dati sono stati raccolti in un periodo di trent’anni e ora rilasciati al mondo in una grossa pubblicazione scientifica.

Da questa ricerca una sfida ha avuto risposta, il movimento planetario crea un effetto sui processi quantistici del nostro mondo fisico. Le implicazioni di tale scoperta sono tremende e se leggete solo rapidamente, potreste non fermarvi a pensare realmente quanto questo cambi il nostro modo di vedere l’Universo. Questo può essere il perchè la free energy e la “fusione fredda” negli esperimenti abbiano effetti variabili nel tempo, non “funzionano” sempre.

Se il nostro modello è corretto, queste influenze planetarie possono semplicemente non fermarsi nei processi fisici, devono influenzare la coscienza umana. Per determinare come questo possa essere possibile, ci servirebbe un semplice modo per misurare lo stato collettivo della coscienza umana, una forma di dati che è stata raccolta in modo costante, curato e chiaro, per molto tempo.

Questo lo possiamo trovare nel movimento dei mercati finanziari. La quantità di dati prodotta da tali transazioni ogni anno potrebbe riempire 24 CD-Rom, un volume di informazione per cui ogni scienziato pagherebbe qualsiasi cosa. Inoltre chiunque lavori nel Mercato Azionario vi dirà che tutto funziona su amore e paura. Quando le persone sono felici e sicure, si alza, quando le persone sono depresse e spaventate, si abbassa, da qui il termine “Grande Depressione”.

Il lavoro di Bradley Cowan, introdotto nel nostro precedente volume, ci mostra che:

Il movimento dei mercati finanziari e quindi il comportamento collettivo umano, può essere modellato precisamente, calcolando l’interazione geometrica di vari cicli planetari.

cowanchart1Come abbiamo mostrato nei precedenti volumi, questa immagine dal sito web “Cycle-Trader” è un grafico “composito”, che riassume tutte le diverse influenze dei pianeti in un singolo grafico. Questo grafico viene quindi confrontato ai movimenti di mercato reali. Persino quando i movimenti erano solo a metà del progresso quando il grafico è stato creato, hanno continuato a seguirlo precisamente. Se volete leggerne ancora potete andare a Cycle-Trader.

 Alcuni cicli planetari aumentano la velocità vibrazionale e quindi l’intensità dell’etere che circonda la Terra, mentre altri la diminuiscono. Combinando assieme questi cicli, Cowan ha potuto formare una mappa precisa del comportamento futuro dei mercati in ogni periodo. Questo modello planetario, visibile nella linea superiore del grafico, è stato creato nel Febbraio 1984, solo attraverso la comprensione delle strutture geometriche delle interazioni nel ciclo planetario. Il modello ha indicato come si sarebbero comportati i mercati nei seguenti cinque anni, basandosi sulle osservazioni esistenti. La linea più bassa del grafico ha rivelato come queste interazioni si sono mosse nel Dow Jones Industrial Average.

Lo scettico ignorerà tutto questo senza controllare ulteriormente e Cowan e altri membri di questo gruppo hanno continuato a fare precise predizioni, una delle quali è stata mostrata in anticipo sul sito web ascension2000.com. Ci aspettavamo un calo mondiale il 24 Ottobre e il 26 Ottobre 2000 ed è arrivato il 25 Ottobre. Inoltre il movimento del NASDAQ al tempo di questo scritto (Marzo 2001) può essere precisamente modellato con un grafico del DOW dal 1929, spostato semplicemente di 71.5 anni nel futuro e fatto avanzare sull’asso del tempo a velocità doppia rispetto al grafico originale, questo è stato pubblicato in uno dei nostri articoli online.

Quindi non siamo consapevoli delle forze titaniche che sagomano e muovono il nostro comportamento in questi modi, ma questo tempo può finire rapidamente. Una volta che riconosciamo cosa avviene, possiamo ripristinare la nostra abilità di fare scelte che supereranno queste influenze.
Sul sito web cycle trader del link indicato sopra, Cowan analizza ogni cambiamento successivo nel mercato osservato in questo grafico e come il suo modello lo abbia predetto, incluso il collasso enorme nel 1987. Parte dell’azione di questo grafico viene creata dall’azione rotativa di tre semplici forme geometriche tridimensionali, create da disturbi vibrazionali per il movimento dei pianeti e nei capitoli seguenti introdurremo l’informazione che associa geometria e vibrazione. Con questa potente conoscenza in mano, molto sport negli investimenti viene eliminato, dato che la tendenza del comportamento umano è già conoscibile in anticipo.

3.5 Ordine nel Chaos

La teoria ufficiale del “Chaos” e della “Complessità” si è scontrata su questo comportamento spazio-temporale, ma non hanno il modello per spiegarlo. Nella teoria del Chaos vediamo che persino le cose che sembrano casuali come le condizioni meteo, i valori del mercato azionario, le inondazioni storiche del Fiume Nilo, la presenza di disturbo nelle linee telefoniche, la fluttuazione delle popolazioni animali e le aritmie di un cuore malato sono organizzate armonicamente in modi misteriosi e questi stessi principi d’organizzazione stanno dietro alla formazione della vita organica e della materia inorganica.

image117Dato che la scienza tende a rifiutare l’esistenza di forze eteriche non osservate secondo i paradigmi esistenti, le scoperte suddette di Shnoll, Cowan, Mandelbrot e altri, rimangono un mistero. Con i modelli eterici in questo libro, ora abbiamo un modello energetico utilizzabile che può spiegare tutti questi misteri.

3.6 Non Dimentichiamo l’Astrologia, Locale e Galattica

Tornando quindi alle strutture geometriche nel tempo di Cowan e al loro effetto nel mercato azionario, se il movimento fondamentale dell’energia eterica che crea il vostro corpo, la vostra mente e il vostro spirito momento per momento, si alza e abbassa in modo prevedibile come determinato dal Prof.Shnoll, allora il vostro comportamento sarà simile. Abbiamo già stabilito la premessa per cui “amore” e “intelligenza” sono la tendenza dell’energia eterica ad adottare elevati stati di movimento vibrazionale. Questo effetto esterno sull’energia della coscienza dimostra anche perchè molte grandi menti nella storia hanno scoperto che la scienza dell’astrologia funziona con precisione incredibile. In effetti i movimenti planetari nel nostro Sistema Solare influenzano la crescita e la decrescita delle energie eteriche in modi specifici. Come ha dimostrato il lavoro del Prof.Shnoll

La nostra posizione relativa nella Galassia ha un effetto sui processi biologici, chimici e radioattivi.

3.7 Piani di Esistenza

Come abbiamo scritto in The Shift of the Ages, le religioni e mitologie antiche, le moderne “letture psichiche”, le formazioni nei campi, i messaggi ET e ora l’investigazione scientifica convergono sull’idea che il nostro movimento attraverso la Galassia sta causando effetti energetici similari sulla coscienza, solo ad un livello più pronunciato. I dati scientifici, messi nel contesto, ci mostrano che queste modifiche eteriche sono più drammatiche di quanto abbiamo visto nell’analisi dei mercati di Cowan o negli esperimenti chimici del Prof.Shnoll. Come abbiamo detto, un’area di maggior vibrazione è un’area di maggior amore, armonia e intelligenza.

Di conseguenza, quando l’evidenza è raccolta assieme, dovremmo considerare che tutta l’umanità si stia muovendo in un piano vibrazionale di maggior amore, armonia e intelligenza. Questo corrisponde letteralmente allo “spostamento dimensionale”. Per quanto riguarda il concetto di “piani di esistenza”, perchè abbia un significato per lo scettico o lo scienziato, dobbiamo presentare dati provenienti da istituzioni che supportano la nozione della loro esistenza. Benchè sempre più persone si sentano d’accordo con questi concetti, lo scettico chiederà sempre “Quali altri piani di esistenza? Ma dai. Non ci sono prove scientifiche dell’esistenza di altri piani di esistenza, superiori o inferiori o altro..” Negare che altri piani di realtà esistano significa ignorare chiaramente conoscenza disponibile e proveniente da professori credibili in vari campi.

3.7.1 Sogno Lucido

Per esempio, il Dr.Stephen LaBerge ha condotto una ricerca sul sogno allo Stamford University Sleep Center per molti anni e ha prodotto conclusioni sorprendenti, riportate nei suoi libri Lucid Dreaming e Exploring the World of Lucid Dreaming. Il sogno Lucido è definito come “l’abilità di essere svegli e consapevoli nei sogni.” Come commenta il Dr.Robert E.Ornstein autore di The Psychology of Consciousness.

Stephen LaBerge ha provato scientificamente che le persone possono essere pienamente conscie nei propri sogni mentre restano nel sonno e sognano allo stesso tempo. Semplicemente, le nostre correnti teorie su come funzioni il cervello direbbero che il sogno lucido è impossibile, il nostro stato di sogno è “subconscio” perchè l’attività delle onde cerebrali non possono supportare la coscienza sveglia per come la conosciamo.

Al meglio, molti ricercatori in questo campo direbbero che il sogno è uno stato di “pseudo-coscienza”, il risultato delle sinapsi che trasferiscono le informazioni più importanti del giorno in una memoria a lungo termine. Se lo stato del sogno non fosse un posto “reale” in qualche modo creato fuori dal cervello, allora dovrebbe essere impossibile l’esistenza della coscienza completamente sveglia in esso, tutti i nostri modelli esistenti di coscienza cadrebbero a pezzi. La ricerca del Dr.LaBerge mostra che:

In un sogno lucido, una persona manitene le proprietà di pensiero, analisi e ragionamento, mentre interagisce con un intero mondo di stimolo multisensoriale in continuo cambiamento.

Inoltre

Mentre il partecipante si muove in questo mondo multisensoriale, emerge naturalmente un immaginario simbolico che lo esporrà alle problematiche psicologiche più profonde che la persona affronta nella propria vita e offrirà soluzioni usando il linguaggio del simbolismo. Ora abbiamo un cervello che non esibisce i normali segni di coscienza per come la scienza la comprende, è “in-conscio”. Abbiamo un cervello che creerebbe un mondo di informazione intelligente simbolica e metaforica che il partecipante solitamente non comprenderebbe, ma comunque fornisce dati psico-spirituali di valore alla mente dell’Ego.

Abbiamo anche un cervello che supporterebbe i normali processi di pensiero conscio mentre interagisce con questo mondo intricato. Se i nostri cervelli sono in grado veramente di fare tutto questo, allora dove troviamo l’attività neurologica che lo dimostra? Non la troviamo. E mentre siamo qua, citiamo l’informazione del Lt.Col.Tom Bearden riguardante certi casi di “idroencefalia”. Questa è una condizione in cui molto del cervello di una persona manca e rimane solo acua al suo posto. Ci si aspetterebbe che queste persone, se vive, sarebbero totalmente morte cerebralmente. Benchè non saprete molto di questo dal mondo scientifico, esistono idroencefalici perfettamente attivi che camminano ora sulla Terra.

Un uomo ha persino ottenuto una laura in matematica dalla Cambridge University e le scansioni MRI della cavità del suo cranio hanno mostrato che esiste solo pochissimo tessuto nervoso sopra la sua spina dorsale alla base del cranio. Tutti i ricercatori scientifici concordando sul punto che ogni umano passa psicologicamente attraverso diversi stati R.E.M (rapid-eye movement) o stati del sogno ogni notte per sopravvivere, quindi anche il nostro matematico idroencefalico sarebbe incluso. In qualche modo, i veri processi di coscienza nell’essere umano sono fuori dal cervello per come lo conosciamo, il cervello può essere un posto perchè esista questa coscienza, ma infine tutta la coscienza è un movimento di etere. In qualche modo, l’acqua nella cavità del cervello fornisce a questo movimento la possibilità di registrare le sue variazioni nel corpo in modo riconoscibile.

Per questo, benchè questi sogni lucidi dimostrano effetti nel corpo fisico, si può provare che esistano fuori dal funzionamento neurologico tipico del cervello, alcune persone possono avere vite pienamente “normali” con null’altro che acqua nella propria cavità cranica. (E’ importante sottolineare che non tutti gli idrocencefalici sono così fortunati). Tutto questo ci dice che gli esseri umani sono fondamentalmente creature multi-dimensionali e che esistono altri “piani di esistenza” in cui possiamo muoverci senza l’uso del cervello fisico.

Ancora, cosa ci attenderemmo da “piani superiori di esistenza”? Ricordate che abbiamo detto che con l’aumento del movimento dell’energia eterica, aumentano amore e intelligenza. Infatti l’esperienza di un sogno lucido può essere così profonda da rivelare un intero nuovo piano di coscienza, letteralmente una vibrazione superiore che molti sentirebbero automaticamente come una forma di “paradiso”. Per chi non lo ha mai provato, la testimonianza di altri serve per spiegarlo propriamente. Considerate la seguente dal primo libro del Dr.LaBerge:

L’impatto risultante dall’emergenza della lucidità è probabilmente proporzionale alla chiarezza e completezza del cambio di coscienza del sognatore. Ci sono livelli di lucidità e l’esperienza comune del risveglio da un incubo dopo aver realizzato che fosse “solo un sogno” è tipica dei bassi livelli (o perchè scappare da quello che è “solo un sogno”?) ed è solitamente accompagnata da sensazioni non superiori di un sollievo relativo. Però il pieno sogno lucido, in cui il sognatore resta nel sogno per un periodo abbastanza esteso per permettere l’esperienza di meraviglia, può essere associato con una sensazione elettrificante di rinascita e la scoperta di un nuovo mondo di esperienza.

I sognatori lucidi alla prima esperienza spesso sono sopraffatti dalla realizzazione di non aver mai fatto esperienza dei propri sogni con tutto il proprio essere e ora si trovano pienamente svegli nei sogni! Ecco come un sognatore ha descritto il senso espanso di vitalità portato dal fulmine della lucidità: si è sentito impossessato da un senso di libertà “come mai prima”; il sogno possedeva una tale animazione vitale che “l’oscurità stessa sembrava viva”. A questo punto, un pensiero si è presentato con tale forza innegabile che è stato guidato a dichiarare: “Non sono mai stato sveglio prima”.

Wilcock ha usato personalmente la tecnica MILD (Mnemonic Induction of Lucid Dreaming) del Dr.La Berge per gli ultimi 11 anni, con successo. Nel sogno lucido o stato fuori dal corpo, potete fare letteralmente tutto, andare ovunque, volare, passare attraverso oggetti solidi, far levitare oggetti di ogni dimensione, creare qualsiasi cosa che il vostro cuore desideri e ottenere risposte a potenti domande spirituali in modo diretto. Se volete vedervi sul cruscotto di un ufo, vi arrivate, le possibilità sono senza fine. La tecnica MILD è semplice, una volta che trovate la costanza di ricordare ogni sogno la mattina.

Il Dr.La Berge ha dimostrato che ognuno può apprendere. Con sforzi costanti nello scrivere “cosa vi stava avvenendo” ogni mattina quando vi svegliate e rimanendo fermi dopo esservi svegliati mentre ricordate i dati, potete ottenere risultati consistenti. Ecco la tecnica MILD in quattro parti:

  • 1. Durante il primo mattino, quando vi svegliate spontaneamente da un sogno, ripassate il sogno finchè non lo avete memorizzato. 2. Quindi mentre state sdraiati nel letto e tornate a dormire, ditevi “La prossima volta che sognerò, voglio ricordare di riconoscere che sto sognando”.
  • 3. Visualizzatevi mentre state tornando nel sogno, solo che questa volta vedetevi mentre realizzate che in effetti state sognando.
  • 4. Ripetete il passo due e tre finchè non sentite che la vostra intenzione è chiaramente fissata o finchè non vi addormentate.

Ogni lettore o ricercatore che vuole verificare può farlo da sè. Lontano da “impulsi casuali fra le sinapsi” nel cervello, la ricerca del Dr. LaBerge suggerisce che il mondo del sogno è molto più “reale” di quanto pensassimo.

La prossima domanda logica dello scettico può essere, “Beh, tutto questo è bello e buono. Chiunque può dire di aver avuto un sogno lucido, ma si stanno deludendo. Non c’è modo di provare che qualcuno sia in stato di sogno lucido.”

Sbagliato ancora. Il Dr.LaBerge ha provato che il sogno lucido è un fenomeno genuino, che avviene in tempo reale con mondo fisico. Per fare queste scoperte è stato necessario trovare un modo col quale i suoi “oneironauti” o viaggiatori del sogno, potessero segnalargli che stavano sognando. Dopo averci pensato a lungo, ha realizzato che gli occhi sono la parte più mobile del corpo durante lo stato del sogno, lo stato si identifica con “rapid-eye movement”. Addestrando i suoi oneironauti a muovere gli occhi avanti e indietro orizzontalmente nel loro stato di sogno una volta ottenuta la lucidità, hanno potuto formare un movimento fisico.

Con semplice osservazione, questo movimento orizzontale ripetitivo ha segnalato al Dr.La Berge che si trovavano nello stato di sogno lucido. Usando questo effetto di segnalazione e altre procedure semplici, ha potuto fare le seguenti correlazioni:

I nostri studi a Stanford coprono un terreno considerevole, mostrando la relazione tra cambiamenti fisiologici nei corpi dei sognatori lucidi e una varietà di azioni eseguite dai loro corpi “del sogno” nei sogni.

 Le nostre investigazioni comprendono una gamma di relazioni: tra il tempo stimato di sogno e il tempo reale (l’intervallo di tempo che la persona ha segnalato con il movimento degli occhi di 10 secondi era uguale nello stato di veglia, un tempo medio di 13 secondi); tra l’azione nel sogno, inclusi movimenti degli occhi, parlato e respirazione e il corrispondente movimento muscolare; tra il cantare e il contare nel sogno e la relativa attivazione degli emisferi cereberali sinistro e destro (dato che contare e cantare attivano gli emisferi opposti) e tra l’attività sessuale sognata e i cambiamenti in una varietà di misure fisiologiche.

La prova è ora disponibile e indica che i sogni sono “realmente reali” e hanno realmente un effetto sul corpo fisico ed esistono fuori dalla normale funzione cerebrale per come la comprendiamo ora; siamo in “entrambi i posti allo stesso tempo”. Anche se la nostra coscienza viaggia altrove, i nostri corpi funzionano assieme a questi altri livelli. Questo è un modello più ricco di quello condotto dalla scienza fino ad ora, in molti studi pubblicati. Nello stato di sogno lucido esiste un intero nuovo reame da esplorare con sue proprietà distinte. Il grado di ricchezza e varietà di questo reame è molto più sofisticato di quanto il cervello potrebbe creare da sè e questo ci porta al prossimo punto, molto importante:

Altri sono in grado di entrare negli stessi reami fuori dal corpo e riportare indipendentemente le stesse esperienze dopo essersi svegliati, senza parlare con altri partecipante.

Wilcock ha scoperto questo da sè in modo drammatico. Nell’addormentarsi come ospire di un suo amico di scuola superiore, Jude, ha vissuto una esperienza in sogno in cui era inseguito da una persona sovrappeso con capelli lunghi e ovviamente una rappresentazione simbolica delle parti di sè stesso che non aveva pienamente accettato e integrato a quel tempo, in gioventù era in effetti sovrappeso e aveva i capelli lunghi.

Mentre correva, aveva una pistola nella cintura e sapeva che poteva usarla per sparare al suo inseguitore e salvarsi, ma non voleva fermare l’inseguimento. In modo simbolico il significato di “sparare” a questo ex-sè era l’idea di permettere ai tratti e alle influenze della personalità di quel tempo di morire, in modo da non influenzare più i suoi pensieri e comportamenti nel presente.

La difficoltà che ha sentito riguardo allo sparare era una rappresentazione di quanto fosse difficiel “lasciare andare” le vecchie attitudini e i vecchi schemi di comportamento, come la depressione, la mancanza di auto-stima, l’irresponsabilità e il desiderio di ribellione. Quindi, mentre Wilcock continuava questa esperienza, nel letto vicino a lui il suo amico Jude ha iniziato a tossire e girarsi. “Sparagli… sparagli. Due pallottole.” diceva Jude. Non serve dire che Wilcock ha avuto difficoltà a riprendere il sonno dopo questo!

3.7.2 L’O.B.E e l’Istituto Monroe

Questa esperienza parallela nei reami di esistenza superiori del “sogno” è una esperienza comune nella ricerca sulle O.B.E (ndt. esperienze di viaggio extracorporeo) di Robert Monroe e dell’Istituto Monroe, con numerosi MD e Ph.D nello staff e direttoria testimonianza della sua validità. La tecnica Monroe comprende la stimolazione del cervello tramite l’uso di frequenze sonore opposte, dove un’orecchio ascolta un tono leggermente diverso dell’altro. Il segnale da ogni cuffia entra in un diverso emisfero del cervello. Mentre il cervello tenta di allineare i segnali nei due emisferi, questo porta gli impulsi delle sinapsi ad entrare in uno “schema di battito”.

Dato che i segnali non sono perfettamente allineati, il cervello non sarà capace di sintetizzarli assieme permanentemente, ma sarà capace di farlo in periodi di tempo, di continuo. Questi momenti periodici di “sincronizzazione emisferica” muovono automaticamente lo stato delle onde cerebrali in una varietà di stati ritmici come Alfa, Beta e Delta, che mimano gli stati delle onde cerebrali di meditatori avanzati. Nel corso Farsight Voyager del Monroe Institute, gruppi di partecipanti riportano spesso di viaggiare nelle stesse aree assieme e di avere le stesse esperienze.

Queste esperienze condivise del corso Farsight Voyager possono essere trovate nel libro Far Journeys di Monroe. E’ un racconto personale di una partecipante, numero 2312-CF e l’abbiamo abbreviato molto per necessità:

Quindi piuttosto inaspettatamente sono stata presa improvvisamente da una forza potente verso una stanza in particolare, una unità CHEC in particolare. (Nota: le unità CHEC ospitavano individualmente i partecipanti). La mia sorpresa è stata totale, l’uomo in questa unità era qualcuno che non conoscevo bene. Infatti era l’unico nel workshop con cui non avevo potuto parlare. Era uno psicologo giovane e piacevole, ma per qualche ragione sembravamo evitarci appositamente. Tutto in una volta mi sono sentita fluttuare sopra di lui, percepivo le sue vibrazioni come fossero le mie. Ho avuto un desiderio profondo di fondermi, sentire una parte di lui, di divenire uno..

Gli ho dato il mio corpo e la mia anima finchè un’energia tremenda è esplosa in noi. L’esperienza è stata oltre ogni parola, perchè l’amore, totale ed assoluto ci circondava in modo molto superiore a quanto si possa provare o immaginare in terra. Ho sperimentato tutto quello che avevo chiesto e altro e quando sono scesa nella stanza dopo il nastro, c’era una insolita energia in cui le persone sembravano volare. Io ho visto “lui” mentre scendevo dalle scale per unirmi al gruppo e lui sembrava in estasi come se gli fosse accaduta qualcosa di incredibile.

Non avevo ancora detto una parola che lui ha ripetuto diverse volte, “Grazie, Grazie”. Abbiamo confrontato le nostre esperienze individuali, assicurandoci che ognuno di noi non colorasse la storia. Non importava, le nostre storie univano un puzzle, combaciavano perfettamente. Entrambi avevamo pieno uso dei sensi e il più forte era il tatto. Dopo questa esperienza ci siamo riuniti per condividere con gli altri. Siamo stati assieme per i passati due anni, crescendo e amando assieme.

Nel libro Cosmic Voyage, il Dr.Courtney Brown riporta una esperienza nel corso Farsight Voyager in cui ha visto un gruppo di persone, tutte si tenevano per mano, entrare assieme in un tunnel di energia. Dopo essersi svegliato, ha realizzato che questo era esattamente ciò che avevano pianificato di fare prima di entrare e tutte hanno sperimentato lo stesso fenomeno. Inoltre, ricordiamo che i nastri di Monroe sono usati come mezzo preliminare per addestrare alla visione remota militare, permettendo il viaggio extra-corporeo in luoghi distanti e accurate osservazioni di quello che si osserva.

Dovrebbe essere ovvio che questo reame esterno di coscienza è un piano di esistenza e non solo una “allucinazione di massa”, cosa che spiega come il gruppo nell’esperienza del Dr.Brown potesse condividere la stessa esperienza. Nel corso dei tre libri di Monroe, egli sottolinea la sua personale esplorazione dei vari reami di energia che circondano la Terra e oltre, incluse intelligenze con cui ha interagito.

Considerando l’informazione di Monroe, del Dr.LaBerge e molti altri, dobbiamo prepararci ad accettare che esistano piani superiori di esistenza e che possiamo viaggiare in essi come facciamo in questo, con il giusto allenamento. Infine, se ogni livello “dimensionale” è semplicemente una diversa frequenza di un univo etere vibrante, allora ogni “dimensione” sopra la nostra deve essere piena di vita più amorevole, armoniosa e intelligente di quella del livello sotto. Questa informazione viene ripetuta in quasi ogni forma di insegnamento mistico in esistenza.

3.8 Sommario: la Bellezza del Modello Eterico

Come abbiamo suggerito, una versione rivisitata del modello eterico risolverà molti correnti paradossi e deve rimpiazzare definitivamente l’idea che usiamo ora. Negli ultimi due capitoli abbiamo discusso sul concetto di un “etere” concentrandoci sulla filosofia della coscienza che ci aiuta a spiegare i risultati di diversi tipi di scoperte scientifiche. Abbiamo rivisto i seguenti punti chiave:

  • L’energia di punto zero o “etere” esiste;
  • Dato che la coscienza esiste, deve essere una funzione del Campo Unificato;
  • L’amore è la tendenza delle entità nel Campo Unificato, che siano umani, “particelle” o altro, di irradiare incrementalmente Unità Armonica, tramite movimento vibrazionale;
  • L’amore è una forza irradiante, rinforzante, unificante, che si muove vibrando verso il punto centrale di Unità, mentre odio o assenza di amore è una forza assorbente, dis-integrante, indebolente, che assorbe energia dal punto centrale di Unità e la compartimentalizza;
  • L’Effetto Backster ha dimostrato questi concetti di vibrazione eterica con le piante, i batteri, lo yogurt, i vermi Planaria, le cellule umane e altro;
  • Questi principi possono essere dimostrati con la connessione tra rabbia e cancro;
  • L’Effetto Maharishi, la levitazione e la psicocinesi dimostrano movimenti maggiori di energia eterica tramite coscienza;
  • Nina Kulagina riusciva a creare le forze elettromagnetiche solo con la concentrazione della coscienza, più facilmente in un ambiente amorevole;
  • Le misurazioni energetiche fatte attorno agli oggetti mossi telecineticamente da Alla Vinogradova hanno rilevato pulsazioni di campo sincrone con la sua frequenza di respirazione, il suo battito cardiaco e il suo ritmo cerebrale alfa;
  • Interazioni planetarie e galattiche possono produrre cambiamenti nella vibrazione dell’energia eterica;
  • Possiamo attenderci che un seti di vibrazioni energetiche saranno irradiate attraverso i nostro corpi, il nostro pianeta e tutta l’energia e la materia in esso, a seconda della posizione relativa del nostro pianeta rispetto alle “onde” che sono state create dagli altri;
  • Gli istogrammi strutturati per mappare differenti processi biologici e atomici, incluso il decadimento radioattivo di molti materiali diversi, sono influenzati dai movimenti celestiali come il giorno, il mese e l’anno (Shnoll, 2000);
  • I movimenti dei mercati finanziari e il comportamento umano collettivo, possono essere modellati in anticipo calcolando l’interazione geometrica di vari cicli planetari (Cowan, 2000);
  • La nostra posizione relativa nella Galassia ha un effetto sui processi biologici, chimici e radioattivi (Shnoll, 2000);
  • Negare che esistano altri piani di realtà significa ignorare conoscenza scientifica disponibile, come i dati del Dr.LaBerge sul sogno lucido e della tecnologia del Monroe Institute per indurre l’OBE;
  • Altri possono entrare negli stessi reami “fuori dal corpo” e riportare indipendentemente le stesse esperienze dopo essersi svegliati;
  • Infine, se ogni livello “dimensionale” è semplicemente una frequenza diversa di un solo etere vibrante, allora ogni “dimensione” sopra la nostra dovrà essere piena di vita più amorevole, armoniosa e intelligente rispetto al livello sottostante.

Considerando tutti questi fattori, abbiamo un nuovo paradigma che può spiegare molte anomalie relative alla coscienza. Ci vengono date forti basi sulle quali costruire la premessa centrale di questo libro: ci muoviamo attraverso vibrazioni strutturate nella Galassia che creeranno un cambiamento nella densità eterica sufficiente a causare uno “spostamento dimensionale” in un piano di esistenza superiore a quello attuale. Per alcuni, questo può sembrare la fine, ma in effetti è l’inizio.

Ora che abbiamo stabilito una cornice concettuale che lega questi concetti con la coscienza, siamo pronti a presentare l’evidenza scientifica incontrovertibile che l’etere esiste, mostrando come può essere controllato tecnologicamente e compreso scientificamente, portando ad effetti come la free energy e l’anti-gravità.

Attraversando questi capitoli, riveleremo gradualmente le firme della vibrazione, luminose, acustiche o geometriche, in questi lavori. Quindi esploreremo i dati scientifici moderni che riguardano le “dimensioni superiori” e rivelano le numerose indicazioni per cui tale processo armonico o vibrazionale è in funzione. La Parte Uno del libro si concluderà con estratti di informazione da presunti esseri extraterrestri che ci daranno un approfondimento inusuale in questi processi e come funzionino.

Se vi trovate incapaci di seguire le discussioni riguardanti le nuove tecnologie energetiche e l’anti-gravità, non mollate! Leggendo le sezioni dei “Sommari” alla fine di ogni capitolo potrete concepire i punti principali e saltare le sezioni che non vi interessano. Raccomandiamo che, se decidete questo, potete riprendere pienamente il discorso nel Capitolo Sette.

Traduzione a cura di Richard
divinecosmos.com

David Wilcock – La Scienza dell’Uno – cap. 3 ultima modifica: 2010-06-11T13:39:05+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)