Disclosure Project: Zero Point Energy

Il Giornale Online
Testimonianza del Tenente Colonnello [link=http://www.cheniere.org/toc.html]Thomas E. Bearden[/link] (in pensione, Ottobre 2000)

Il Col. Bearden è un teorico di punta nelle tecnologie energetiche alternative, gli effetti biologici dell’elettromagnetismo, i concetti relativi alla teoria dei campi unificati e altre aree inerenti. E’ un T.Col. in pensione dell’Esercito degli Stati Uniti e possiede una laurea in ingegneria nucleare dell’Istituto per la tecnologia della Georgia. Attualmente è C.E.O. alla CTEC Inc., direttore dell’associazione degli scienziati americano distinti, e membro emerito dell’Istituto per gli studi avanzati della Fondazione Alpha. Nella sua testimonianza il Col.Bearden parla largamente di come sia possibile ricavare energia utilizzabile dal vuoto senza violare nessuna conosciuta legge della fisica. Egli ed altri hanno costruito apparati elettromeccanici che dimostrano realmente questa tecnologia. Egli spiega anche di come certi poteri nascondano questa tecnologia all’interno di piccoli circoli esoterici. Il tempo sta scadendo comunque, perché la nostra Terra non ha abbastanza riserve di petrolio, di carbone, che possano andare oltre questa generazione. Egli spiega come i nostri migliori cervelli e scienziati debbano attivarsi e fare uno sforzo per risolvere questo problema energetico prima del 2004.

… Ci sono i giganteschi cartelli economici dell’energia. E non è un solo cartello. Sono molti, molti gruppi. Ed ognuno di questi è diventato molto potente nel proprio ambito. Ed ognuno di loro non desidera vedere piccoli e semplici estrattori di energia tirarne fuori in quantità enorme dal vuoto; piuttosto vorrebbero vederci bruciare molto più petrolio e così via… Viene impiegata la forza letale. Per esempio ho lavorato con un inventore, Sparky Sweet, che è abbastanza famoso. Un cecchino gli ha sparato da circa trecento yard. L’unica cosa che gli ha salvato al vita è stata che era molto vecchio e debole, in quel momento della sua vita, ed inciampò cadendo mentre saliva le scale. Come la sua testa venne in avanti il proiettile passò proprio in quel punto. E l’assassino chiaramente non venne mai trovato…

Se usassimo questo sistema di estrazione dell’energia dal vuoto, potremmo ripulire questa biosfera. Una delle più grandi cose, delle più critiche, che abbiamo di fronte è che la riserva di petrolio sta decadendo. Siamo a questo punto. Ciò significa che continueremo sì ad avere del petrolio. Ma sarà sempre più costoso, anno dopo anno. Nel frattempo la domanda per l’elettricità salirà dappertutto nel mondo, il che impennerà la richiesta di petrolio di nuovo. Ciò che ottieni è una classica situazione di escalation dei prezzi…

Bene, che succederà? Ad un certo punto, verso il 2008, nel modo in cui la vedo io, avremo un collasso dell’economia mondiale. L’economia non può sopportare questi incrementi che stanno per arrivare. E Dio ci aiuti, se avremo ancora una guerra nel Medio Oriente. Credo che nel 2008 vedremo collassate l’economia mondiale. Ora, circa un anno prima di questo, mentre le economie stanno crollando ed aumenta lo stress di leader e popoli, persone disperate faranno qualsiasi cosa. Leader disperati, leader particolarmente fanatici faranno qualsiasi cosa… La crisi energetica in corso, secondo me, probabilmente evocherà il grande Armageddon che tutti abbiamo temuto, più o meno nel 2007, se non risolviamo la crisi energetica. Dobbiamo farlo nel primo quarto del 2004. I nuovi apparati energetici farebbero meglio ad uscire dalle linee di assemblamento, come le salsicce, o possiamo lasciar perdere tutto ed andarcene a casa.

E’ troppo tardi per cambiare. Ecco quanto poco tempo c’è rimasto. Vedo questa cosa come la più grande sfida strategica alla sopravvivenza degli Stati Uniti, ed in effetti della civiltà stessa, che ho mai visto nel corso della mia vita… Avevamo un amico, per esempio, con il quale lavoravamo a stretto contatto, il quale costruiva sistemi pratici “over-unity”. Egli ha discusso durante una conferenza, per esempio, un sistema da 8 kilowatt. E poi, e molto misteriosamente, egli e la sua intera famiglia sono scomparsi. Abbiamo poi scoperto che è ancora in giro e sta bene, perché indossava un vestito molto costoso ed aveva un automobile molto bella. Lui e la sua famiglia stanno bene, anche se allora erano scomparsi. Quello che conta è che egli aveva un’unità funzionante che è semplicemente scomparsa dalla faccia della Terra. Quindi, ciò ha a che fare o con i grandi imperi finanziari o con qualche progetto oscuro. Ed è stato classificato… Credo davvero che, con gli auspici del governo degli Stati Uniti, dobbiamo portare avanti [queste tecnologie] per salvare noi stessi e la Terra. Se le teniamo segrete, o sotto il controllo, nelle mani di qualche gruppo, finiremo tutti nell’oblio più o meno nel 2007… Vi faccio una profezia. Se il governo non si muove, c’è dal 75 all’80% di probabilità di una nostra caduta.

Certamente non ce la faremo entro il primo quarto del 2004 [ad avere un apparato operativo di energia che rimpiazzi i combustibili fossili]. E se perdiamo il primo quarto del 2004, allora faremo meglio ad andarcene a casa a goderci le nostre famiglie per il tempo che ci resta, perché tutto esploderà. Ognuno vuole una vita moderna. Tutti vogliono uscire dal fango ed avere luce e cose che richiedono energia. Ed avere industri, lavori, case, scuole. E’ un desiderio comune del cuore umano. E nel provare questo, nel modo in cui lo facciamo, distruggeremo il pianeta e ci distruggeremo l’un l’altro, forzatamente. Mi sembra che dovremo essere semplicemente più saggi di così.

Testimonianza del [link=http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3580] Dr. Eugene Mallowe[/link] (Ottobre 2000)

Il dott. Eugene Mallowe è attualmente editore capo della rivista “Infinite Energy”, direttore del laboratorio di ricerca sulla nuove energie del New Hampshire. Ha due lauree del MIT in ingegneria aerospaziale ed un dottorato ad Harward in Scienza della salute ambientale [ingegneria di controllo dell’inquinamento aereo]. Egli ha vasta esperienza di ingegneria ad alta tecnologia nel privato, incluse compagnie come la Hughes Research Labs, Tasc [Corporazione delle Scienze Analitiche] e il Lincoln Laboratory del MIT. Il Dott. Mallowe era il Chief Science Writer al MIT, quando venne fuori la storia della fusione fredda nel 1989, e diede le dimissioni nel 1991 dopo che la sua richiesta di investigazione sui dati riguardanti la fusione fredda al MIT [che aiutò a gettare discredito sull’intera materia] fu eseguita in modo non appropriato. La marginalizzazione, da parte del mondo delle scienze ufficiali, della questione fusione fredda somiglia molto alla similare marginalizzazione della questione UFO/ET. Tutte e due sono state ridicolizzate e diffamate perché rompevano paradigmi istituzionalizzati.
Come il Dott. Mallowe dichiara nella sua intervista, “non c’è niente di peggio…che suggerire ai fisici accademici in particolare, ed agli accademici in generale, che non solo stanno sbagliando ma che stanno sbagliando disastrosamente, sbagliando catastroficamente.” Nella sua rivista, il dott. Mallowe ci ha avvisato di ricordare i sentimenti di Michael Faraday: “Niente è così meraviglioso da essere vero”. … Sappiamo per certo, oggi, che le reazioni di bassa energia della fusione fredda sono reali. E’ un tipo di reazione nucleare non dannosa che produce principalmente calore, ma anche modificazioni nucleari – un tipo di reazione potente molto vantaggiosa. Si tratta di una tecnologia commercialmente emergente nelle mani di un certo numero di aziende…Non c’è assolutamente alcun dubbio in proposito. Ciò che significa questo è che in un chilometro cubico di oceano, se fondi tutto l’idrogeno pesante, che è solo il 65% di quel chilometro cubico di oceano, ciò equivarrebbe all’energia ricavabile dal consumo di tutte le riserve di petrolio conosciute sulla Terra… Nel caso della fusione fredda, c’è stata una violazione straordinaria della responsabilità legale di base da parte dell’Ufficio brevetti del Dipartimento dell’Energia.

I brevetti per la fusione fredda non sono stati approvati. L’unico modo di far approvare un qualsiasi brevetto che ricordi la fusione fredda è di eliminare le parole “fusione fredda” o qualsiasi cosa gli assomigli. Alcune persone lo hanno fatto ed hanno avuto successo. La batteria di Patterson ne è un esempio. E’ stato a causa di una clausola sull’età [per via dell’età del dott. Patterson] che l’ha aiutato, il fatto che egli si sia rivolto all’Ufficio brevetti attraverso un altro gruppo di lavoro. Ma, essenzialmente, se il brevetto passa all’Ufficio brevetti nelle mani di un signore che oggi si chiama Harvey, egli respingerà tutte le simili richieste di brevetto. Non ne passerà nessuna. In questo caso particolare, sono stati negati i diritti costituzionali a cittadini americani. Non c’è dubbio. A proposito di ciò abbiamo una verifica completa. Sì, c’è un’attività criminale molto seria in corso che, in definitiva, deve essere eliminata se vogliamo andare avanti con la fusione fredda e la nuova rivoluzione energetica. Se non ce ne sbarazziamo, non saremo capaci di avere una infrastruttura commerciale. Non c’è niente di peggio, credo, che suggerire ai fisici accademici in particolare, ed agli accademici in generale, che non solo stanno sbagliando ma che stanno sbagliando disastrosamente, sbagliando catastroficamente.

Testimonianza del [link=http://www.etheric.com/LaViolette/LaViolette.html] Dott. Paul LaViolette[/link] (Ottobre 2000)

Il Dott. Paul LaViolette ha scritto quattro libri, pubblicato molti articoli originali in fisica, astronomia, climatologia, teoria dei sistemi e psicologia. Ha ricevuto il suo B.A. in fisica al John Hopkins, il suo M.B.A. all’università di Chicago e il suo PhD alla Portland State University, ed è attualmente presidente della Fondazione Starburst, un istituto di ricerca scientifica interdisciplinare. Egli è lo sviluppatore della cinesi subquantica, un nuovo approccio alla microfisica che affronta le forze elettriche, magnetiche, gravitazionali e nucleari in modo unificato e che risolve molti antichi problemi della fisica. Sulla base della sua teoria ha sviluppato una cosmologia alternativa che effettivamente rimpiazza la teoria del big bang. Il dott. LaViolette ha anche sviluppato una nuova teoria sulla gravità che rimpiazza la teoria profondamente difettosa della relatività generale. Partendo dalla cinetica subquantica, egli spiega il fenomeno di accoppiamento gravitazionale scoperto da Townsend Brown e può spiegare la tecnologia di propulsione aerospaziale avanzata utilizzata dal bombardiere B2. Oltre alla sua comprensione degli UFO e dei sistemi propulsivi finanziati segretamente, inclusi la materializzazione e la dematerializzazione, possiede una profonda conoscenza di come funziona all’interno dell’Ufficio Brevetti degli Stati Uniti.

Egli dichiara nella sua intervista che, attualmente, se un’invenzione non si armonizza con i paradigmi della fisica accettati, l’esaminatore la rigetta immediatamente, pensando che violare tali paradigmi debba essere un errore. In effetti, le nuove tecnologie energetiche sono perdenti: non rispettano i paradigmi, così vengono private dei fondi necessari oppure i brevetti sono legati – fino al punto che l’Ufficio Brevetti viola la legge. Allo scopo di alleviare l’attuale crisi terrestre di inquinamento ambientale, di riscaldamento globale, ecc e di avanzare come società tecnologica, abbiamo bisogno di tecnologie che non soddisfano i vecchi paradigmi. …Diciamo che ci fu un crash a Roswell e che l’N.S.A. fu creata per tenere questa cosa nascosta. Ora, un evento simile è un’esperienza molto emozionante per alcuni nostri funzionari governativi. Capisci che esiste vita extraterrestre e che ha questa tecnologia avanzata. Quando diventi molto emotivo, a proposito di qualcosa, una reazione è di reagire e nasconderla e vedere come puoi usarla per te stesso – ci siamo tenuti un passo avanti rispetto alle altre nazioni. All’epoca c’era una guerra fredda con l’Unione Sovietica, perciò era razionale usarla per scopi militari. Supponiamo che la stessa cosa fosse successa cento anni fa, al tempo in cui fu sviluppata l’automobile.

Credo sinceramente che andremmo ancora in giro guidando cavalli e calessi oggi, perché ci sarebbe stata la paura che l’automobile potesse cambiare il modo di fare la guerra. Avrebbe significato una velocità di movimento molto più alta, e ovviamente, l’avremmo classificata. Quella volta non era in azione lo stesso meccanismo; non avevamo l’N.S.A. e questo programma maggiore che contiene le tecnologie avanzate. Noi crediamo che la scienza sia basata sull’osservazione e che sia aperta al cambiamento, ma più impari su di essa e sugli stessi scienziati, più capisci quanto sia una religione. E’ molto chiusa e resistente al cambiamento dei suoi principi fondamentali… C’era un caso di un signore canadese che aveva sviluppato una tecnologia per produrre abbastanza energia da alimentare la sua casa, con qualcosa delle dimensioni di una scatola di scarpe. Si trattava di un nuovo modo di collegare qualcosa – una specie di apparato non lineare. Egli era molto aperto in proposito e lo pubblicizzava.

Un giorno la sua casa fu circondata dalle squadre SWAT e tutto il suo equipaggiamento confiscato. Fu arrestato con l’accusa di nascondere tecnologia terroristica sulle armi, e fu rilasciato solo dopo aver firmato qualcosa che diceva che non avrebbe mai più lavorato in questo campo. Adesso falcia i prati per vivere… L’Ufficio Brevetti, allo stato attuale, sta difatti violando la legge. Tenta di fare felici i fisici che appartengono alla società americana della fisica – di tenerli al potere con le loro idee, si potrebbe dire, e sottrarre all’uso pubblico ottime invenzioni che potrebbero risolvere i nostri problemi, come la crisi energetica. C’è un intero modello di ciò che va avanti all’Ufficio brevetti. Lo so personalmente, perché sono stato all’Ufficio Brevetti per circa un anno e conosco della gente lì, e conosco delle cose che sono accadute. Per esempio c’è stato qualcuno che conoscevo a cui è stato dato un brevetto per un procedimento di spedizione di segnali più veloci della luce. Tutto ciò fu poi ridicolizzato da Robert Park nel suo sito web. Tramite i loro agganci gli hanno attribuito il premio per il “brevetto più ridicolo dell’anno” – questo genere di cose… Possono dire ciò che vogliono; c’è la libertà di parola ma per quello che riguarda l’Ufficio Brevetti fare i propri affari piuttosto che aderire alla legge, tutto ciò è illegale…

Testimonianza del Sig. Fred Threlfall (Settembre 2000)

Il Signor Threlfall era un istruttore in comunicazioni dell’Air Force canadese a Toronto nel 1953, quando è stato testimone di un esperimento riguardante la riuscita dematerializzazione e rimaterializzazione di un oggetto. A causa del suo livello di sicurezza molto alto, fu anche capace di visionare, nella libreria della base, film originali girati con le gun camera di aeroplani della II^ Guerra Mondiale. Spesso, guardando questi film egli ha notato comparire degli UFO nelle riprese – posizioni diverse, forme diverse, ma certamente UFO. Egli stesso ha visto un UFO volare in cielo.

…Mentre ero a Toronto, assegnato ad un Base Aerea come istruttore nel 1953, fui testimone di un esperimento inusuale. Avevo finito in quel momento un esperimento ed ero di ritorno nella mia classe. All’interno di questa stanza era in corso un esperimento e c’era un contenitore di vetro approssimativamente di 4×4. In una cabina c’era un grosso portacenere di vetro. Dissi: – Che succede? – Oh, Stanno facendo un esperimento e c’è un altro apparato come questo nell’altra stanza senza posacenere -. Mentre parlavamo uno degli scienziati disse: – Andiamo avanti -. Successivamente, quel posacenere non era più lì. Andammo tutti nell’altra stanza ed eravamo tutti eccitati perché il posacenere era lì. Perciò si è dematerializzato e rimaterializzato…

Testimonianza del Dott. Ted Loder http://peswiki.com/index.php/Directory:Theodore_(Ted)_C._Loder,_PhD (Ottobre 2000)

Il Dott. Ted Loder è un rispettato scienziato e professore in oceanografia all’Università del New Hampshire. Dopo aver appreso da suo cugino, il Brigadier Generale Stephen Lovekin, che il soggetto UFO/ET non è solo reale ma è la chiave di tecnologie che potrebbero preservare il nostro ambiente terrestre e, contemporaneamente, condurre l’umanità verso una società planetaria sostenibile, è diventato un portavoce della richiesta di cessare la decretazione di questo soggetto. Egli ha lavorato per introdurre studenti, altri scienziati, e legislatori al fatto che gli umani non sono soli nell’universo.

Traduzione: Danilo Iosz
Fonte: DISCLOSURE PROJECT BRIEFING DOCUMENT http://www.altrogiornale.org/download.php?list.15

Disclosure Project: Zero Point Energy ultima modifica: 2013-03-01T13:34:29+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)