Due stanze segrete scoperte nella tomba di Tutankhamon

Particolare del sarcofago di Tutankhamon

Particolare del sarcofago di Tutankhamon

In una conferenza stampa tenutasi al Cairo il 17 marzo 2016, il ministro delle Antichità dell’Egitto Mamdouh el-Damaty, ha annunciato la scoperta di due stanze nascoste all’interno della camera di sepoltura del re Tutankhamon. Scansioni radar mostravano anomalie nei muri retrostanti la tomba, suggerendo che dietro la parete decorata vi sia una porta nascosta ed una stanza. Ulteriori analisi delle scansioni suggeriscono che possono contenere metallo o materiale organico.

tomba di Tutankhamon

Figura 1 – Tomba di Tutankhamon

Nel mese di agosto del 2015, un eminente egittologo inglese, il dottor Carl Nicholas Reeves, ha pubblicato un documento di 50 pagine che illustra l’evidenza di due porte nascoste all’interno della tomba di Tutankhamon (vedi figura 1). Egli ha teorizzato che l’ultima dimora della famosa regina Nefertiti, la cui tomba è ancora da trovare, potrebbe essere intatta dietro le mura di Tut, che è stato trovato nella Valle dei Re nel 1922 da Howard Carter e George Herbert, 5° conte di Carnarvon. E tutte le indicazioni sono che queste porte non sono state toccate fin dai tempi antichi. (I membri A.R.E. possono leggere l’articolo originale “E’ Nefertiti nascosta nella tomba di Tut?” Di John Van Auken nelle Newsletter-inverno 2015).

busto di Nefertiti

Figura 2 – Busto di Nefertiti

Il busto di Nefertiti (vedi figura 2), il cui nome significa “la bellezza [o una bella] è arrivata” è tra i manufatti più riconoscibili dell’antico Egitto. Anche Edgar Cayce possedeva una riproduzione del suo busto, un dono di Louise B. Chisholm. La prima moglie del faraone Akhenaton, Nefertiti divenne faraone Neferneferuaten, portando la nazione tra il regno di Akhenaton e Tutankhaton (Tut), intorno al 1334-1332 aC.

Nel quarto anno del regno di suo marito, la coppia decise di lasciare il magnifico, enorme complesso di Karnak e spostare la capitale in una regione conosciuta oggi come Tell el-Amarna, a nord di Tebe (Luxor).

Faraone Akhenaton

Figura 3 – Faraone Akhenaton

Nel 5° anno di regno del marito, Amenofi IV ha ufficialmente cambiato il suo nome con, l’adesso famoso, Akhenaton e Nefertiti cambiò il suo nome in Neferneferuaten-Nefertiti. Il cambio di nome indica lo spostamento della setta spirituale di Amon a Aten (anche Aton), l’aspetto di nutrimento di Ra, indicato come un disco solare con i raggi che si estende con una mano premurosa alla punta di ogni raggio, uno in possesso di un ankh, il simbolo per la vita (vedi figura 3).

Gli archeologi ritengono che questo ha cambiato la religione dell’Egitto da politeista ad una religione che è stata descritta come monoteismo , che significa ” un dio”. Con il 12° anno del suo regno, vi è la prova che è stata elevata al rango di co-faraone con il marito. E dopo la sua morte era il faraone, con l’epiteto “operante per il suo sposo” in uno dei suoi cartigli.

Nefertiti ha avuto anche influenza sui i reali più giovani nella corte durante i suoi anni di potere; come la sua vita stava per finire, il regno di Tut cominciava. Si crede che morì nel terzo anno del regno di Tut, intorno al 1331-1330 aC. In quell’anno, Tutankhaton cambiò il suo nome a Tutankh Amon, segnalando un ritorno al culto ufficiale di Amun (anche Amon), l’ invisibile Dio. Amarna fu abbandonata e Tut ritorna nella capitale a Tebe.

La ricerca del Dr. Zahi Hawass, ex capo del Consiglio Supremo delle Antichità dell’Egitto, suggerisce che la madre di Tut era una figlia di Amenhotep III e della regina Tiye conosciuta come “The Younger Lady”, una mummia scoperta nella Valle dei Re. Un test del DNA per esaminare la discendenza di Tut con i suoi capelli ha dimostrato che la regina Tiye era la madre del faraone Akhenaton e la nonna di Tut. La maggior parte degli egittologi concordano sul fatto che la giovane signora è la madre genetica di Tut anche se lei era la sorella purosangue di Akhenaton. Questa parentela incestuosa ha probabilmente contribuito ai problemi genetici trovati nel corpo mummificato di Tut. Ha sofferto di un piede deforme, un leggero palatoschisi, e la curvatura della colonna vertebrale.

L’analisi di Marc Gabolde, un egittologo francese edirettore della spedizione archeologica della Université Paul Valery-Montpellier III nella necropoli reale a Tell el-Amarna, suggerisce che Akhenaton e Nefertiti erano cugini e che Tutankhamon è il loro figlio. In un discorso presso l’Harvard Science Center, ha detto di essere convinto che la madre di Tut non fosse la sorella di suo padre, ma la prima cugina e moglie regnante Nefertiti. Egli attribuisce la vicinanza genetica apparente, rivelata nei test del DNA, essere il risultato generato da un matrimonio tra cugini di primo grado.

E’ possibile che la tomba di Nefertiti era nello stesso luogo di quella di Tutankhamon, e quando Tut morì così giovane (19 anni) intorno al 1324 aC, semplicemente lo seppellirono nella parte anteriore della tomba di Nefertiti, nascondendo l’accesso alla camera della famosa regina?

Solo il tempo può dirlo. Alla conferenza stampa la scorsa settimana, El-Damaty ha detto che è troppo presto per dire cosa siano quel metallo e il materiale organico ma anche che le nuove camere potrebbero contenere la tomba di un membro della famiglia di Tutankhamon.

John Van Auken

edgarcayce.org

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org

Due stanze segrete scoperte nella tomba di Tutankhamon ultima modifica: 2016-03-26T20:57:55+00:00 da prixi
About the Author
prixi