EDGAR CAYCE E LA SUA INTERPRETAZIONE DELL’APOCALISSE

APOCALISSEAttraverso i suoi viaggi ultraterreni, Cayce apprese ad interpretare con acume la Bibbia. Secondo Cayce, la Bibbia è la narrazione simbolica della caduta e della restaurazione dell’anima umana alle sue origini divine. Il libro di Genesi è la testimonianza simbolica della caduta dell’umanità dal cielo e del suo originario paradiso perduto, in termini di stato di coscienza. La rivelazione è la testimonianza simbolica della restaurazione dell’umanità al cielo e paradiso trovato.

Il libro dell’Apocalisse è stato scritto da un uomo di nome Giovanni (forse Giovanni Apostolo) verso la fine della sua vita. John descrive una visione che egli sperimentò, probabilmente mentre sognava o meditava. Questa visione contiene una quantità enorme di simbolismo; lo stesso tipo di simbolismo si vedrebbe in un sogno, una visione del mondo dello spirito. Infatti, il libro dell’Apocalisse contiene il simbolismo del sogno del profeta Daniele. Tutti i sogni biblici, come quelle di Giuseppe, Gedeone, Daniele, Paolo e Pietro, sono molto simbolici e quindi avevano un significato nascosto spirituale piuttosto che un’interpretazione letterale dei simboli. Tale è il caso della “visione” di Giovanni descritta nel libro dell’Apocalisse.

Durante i suoi diversi viaggi nei regni dello spirito, Cayce fu in grado di decodificare i segreti del simbolismo nel libro dell’Apocalisse.

Ha dato una grande quantità di informazioni tese a svelare il significato nascosto del libro.

Cayce ha descritto la vera natura del rapporto tra l’uomo e Dio. Cayce ha rivelato che gli esseri umani hanno in realtà tre diverse dimensioni della coscienza umana: la mente cosciente (personalità, la mente subcosciente (anima) e il superconscio mente (spirito). Un obiettivo importante nella vita di tutti è quello di risvegliare la nostra mente superconscio per raggiungere ciò che Cayce chiamato a-one-ment con Dio. La Mente Superconscia viene chiamata con molti nomi in molte religioni e in molte culture diverse. Alcuni di questi nomi sono: coscienza del Buddha, coscienza di Cristo, la mente collettiva, mente universale, Inconscio collettivo (Jung), lo Spirito Santo, Brahman, Dio, la chiara luce bianca, Allah, Khidr, il Sé superiore, Intelletto Agente (filosofia aritotelica e cabala), il Metatron, Io sono ecc. I riferimenti di Cayce per il Cristo, la coscienza cristica e la mente di Cristo hanno poco a che fare con la personalità conosciuta come Gesù.

Cayce ha rivelato che Gesù divenne il Cristo – una piena manifestazione della coscienza di Cristo – la perfetta unione dell’umano con il divino. È desiderio di Dio che tutta l’umanità assurga allo stato del Cristo (o Buddha se si vive in Oriente). Tale condizione porterà davvero il Regno di Dio sulla terra. Cayce ha rivelato che il libro dell’Apocalisse è la storia simbolica di come l’umanità in generale (e un essere umano in particolare) raggiunge questa manifestazione del divino. L’interpretazione simbolica di Cayce riguardo al libro dell’Apocalisse può essere contenuta in un altro libro a sua volta. L’intero libro è stato scritto basandosi sull’interpretazione di Cayce della Rivelazione di Dio a Giovanni. Ha per titolo “Commentario di Edgar Cayce sulla Rivelazione”. C’è anche un video su questo argomento dai tipi di Are Foundation (l’organizzazione di Cayce). Quello che segue è una breve sintesi delle informazioni che ha ricevuto.

Capitoli 1-3: lettere alle 7 Chiese

Testo: Giovanni, sull’isola di Patmos, spiega che era nello spirito quando Cristo apparve a lui in piedi in mezzo a sette candelabri. Cristo dice a Giovanni di scrivere ciò che vede e sente riguardo alle sette chiese.

Interpretazione:

Mentre era in meditazione, le mente cosciente di Giovanni diventa aperta al suo subconscio e al suo superconscio. Le sette chiese e i sette sigilli rappresentano i sette centri spirituali (cioè, chakra) del corpo dove le forze fisiche, mentali e spirituali tutte si riuniscono. La mente superconscie all’interno di Giovanni gli dice che colui che può riprendere il controllo di questi centri spirituali all’interno dei loro corpi può accedere alla mente superconscia e non ha più bisogno di reincarnarsi nuovamente (3:12).

Ecco una tabella dei simboli:

cayceplato2

 

Capitolo 4-11: Cristo apre i sigilli del libro in cielo

Testo: Giovanni ora si vede innanzi al trono di Dio e vede quattro bestie e i ventiquattro anziani intorno ad esso. Sul trono siede il Dio che ha un libro con sette sigilli. Giovanni piange quando scopre che nessuno può aprire i sigilli del libro. Uno degli anziani dice a Giovanni che il Cristo è in grado di aprire i sigilli. Cristo quindi apre i sigilli, e scatena molti cambiamenti sulla terra. Il settimo sigillo scatena i sette angeli che suonano le sette trombe come fosse un solo suono.

Interpretazione

cayceplato3Giovanni ha un risveglio mentale quando raggiunge il livello spirituale della mente superconscia, all’interno del trono del suo corpo. Le quattro bestie sono i desideri bestiali dei quattro centri spirituali inferiori e i ventiquattro anziani sono i ventiquattro nervi che dal cervello porta ai cinque sensi. La Mente superconscia ora controlla pienamente il corpo di Giovanni. Il corpo è simboleggiato come un libro con sette sigilli che “nessuno ha la possibilità di aprire” (Apocalisse 5:3). Solo attraverso lo sviluppo della mente superconscia all’interno di una persona questi centri spirituali all’interno del corpo si aprono (cioè, spiritualmente attivati).

Come viene attivato ogni centro spirituale all’interno del corpo, diverse parti del corpo sono purificate e sconvolgimenti del corpo si verificano mentalmente, fisicamente e spiritualmente. Il superconscio spiritualmente attiva il settimo centro spirituale (l’ipofisi, la ghiandola maestra del corpo). Di conseguenza, si fa “sereno in cielo per una mezz’ora” (Apocalisse 8:1). Questo è il simbolo del perfetto controllo della mente per una mezz’ora attraverso la meditazione. Di seguito sono riportati alcuni dei simboli della rivelazione, interpretato da Cayce:

cayceplato4
Capitolo 12-14: Una Donna, un Drago, due Bestie e un Agnello

cayceplato5Testo: Giovanni vede una donna con dodici stelle che porta in sè un bambino. Accanto alla donna è un drago che è pronto a divorare il bambino che lei deve dare alla luce. Dopo la nascita, il bambino è preso dal trono di Dio. In seguito, si verifica una guerra in cielo e il diavolo e i suoi angeli sono fatti precipitare dal cielo alla terra. Giovanni vede anche una bestia sorgere dal mare che adora il mondo. Allora, Giovanni vede un agnello sulla terra e gli angeli proclamano la caduta di Babilonia.

Interpretazione

A Giovanni è mostrata un’immagine dell’anima dell’umanità nel suo sviluppo fin dai giorni dell’eternità. La donna simboleggia l’anima dell’umanità coronata con dodici stelle, i dodici modelli base della personalità umana come descritti nello Zodiaco. Il bambino che lei porta è la mente cosciente. Come nasce la mente cosciente, si attiva un antagonista del Sé che porta a ricorrenti periodi di ribellione nell’umanità. Attraverso l’intervento divino, la mente cosciente è protetta mentre la mente inconscia, sospesa, si è ritirata sotto il livello cosciente. Questa è la storia stessa come simboleggiato dalla caduta di Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden. La ribellione dal fisico porta conflitto nell’anima, ma l’anima può rimanere al di sopra di esso rimanendo nascosta dalle forze della volontà del Sè.

La “bestia che emerge dal mare” sono gli animaleschi desideri egoistici che emergono dall’interno e sono in grado di controllare l’inconscio umano. Questi desideri emergono dell’intelletto non spirituale dell’umanità che il mondo adora come un simbolo di successo materiale. L’intelletto umano, privo di orientamento spirituale, si taglia fuori da tutto ciò che è divino. L’agnello che vede Giovanni sono le forze della mente superconscia nel mondo che entrano in azione. “Babilonia”, il desiderio umano di ricchezze terrene e il successo di gratificazione della carne, comincia a essere distrutta quando agli umani sono indicate le conseguenze della loro prostituzione delle loro facoltà superiori.

cayceplato6

 

Capitolo 15-18: sette angeli, sette fiale di sette piaghe e una prostituta, una bestia a sette teste di cavallo

cayceplato7Testo: A Giovanni si mostrano sette angeli, ognuno dei quali porta una coppa contenente una piaga che si riversa sulla terra una alla volta. Poi Giovanni vede una donna seduta su una bestia a sette teste con dieci corna. La donna indossa sulla sua fronte il nome misterioso, Babilonia la grande, la madre delle meretrici e delle abominazioni della terra. A Giovanni è detto che le sette teste simboleggiano le sette montagne, su cui la donna si siede e le dieci corna simboleggiano i dieci re. Questi fanno la guerra contro l’agnello e l’agnello li vince.

Interpretazione

Giovanni sta vedendo nell’anima dell’umanità, l’inconscio collettivo, che le anime degli individui sono purificate e testate su sette livelli di coscienza, simboleggiati dalle sette piaghe scatenate dai sette angeli. Quando tutti i sette livelli di coscienza sono stati depurati, allora e solo allora un uomo può controllare le forze fisica, mentale e spirituale all’interno del suo corpo. Le malattie fisiche derivano da un uso improprio delle forze e dall’autogratificazione della carne, e dal conflitto con la Verità universale. Questo porta all’esterno al conflitto mondano contro governi e gruppi. La fine delle sette piaghe giunge quando i concetti e le istituzioni sociali dell’umanità collassano, lasciando che la verità universale si realizzi.

La prostituta di Babilonia simboleggia la brama di desiderio dell’umanità di ricchezze e di gratificazione della carne. La bestia che essa cavalca sono le idee artificiali derivanti dall’auto-gratificazione. Viene spiegato a Giovanni che queste forze hanno preso il controllo dei sette centri spirituali del corpo umano, che quindi diventano posseduti e governati. Tuttavia, quando le forze più alte dell’evoluzione dell’umanità sopraffanno le forze del sé, anche i dieci stimoli-base del corpo, simboleggiati dalle dieci corna, nel tempo soddisferanno il modello divino. Allorchè la natura divina nell’uomo diventa meno compresa, la società è distrutta “manu sua” attraverso l’auto-gratificazione.

cayceplato8

 

Capitolo 19-22: Gioia in cielo, il diavolo gettato in un pozzo, un nuovo cielo e nuova terra

Testo: Giovanni ora vede molta gioia in cielo e l’apparizione di Cristo. Un angelo getta il diavolo in un pozzo per mille anni. Giovanni vede poi un nuovo cielo e una nuova terra venire in essere.

Interpretazione

Quella che era la salvezza finale delle forze fisiche, mentali e spirituali descritte all’interno dell’Apocalisse di Giovanni, ora sono mostrate prendere posto nell’umanità collettiva. Quando l’umanità riconosce la divinità all’interno di essa come forza di controllo in tutto il mondo e si allontana dal noto e diffuso modello del vivere egoicamente, scompare il vecchio modello e il nuovo modello di Cristo emerge.

A Giovanni è detto che la fusione del Sè evoluto con il superconscio divino, che ha avuto luogo in Giovanni, deve aver luogo in tutta l’umanità (Apocalisse 19:7). Il modello soddisfatto dell’umanità evoluta, il Cristo (cioè, superconscio mente), è ora visualizzato in una posizione di potere (la cosiddetta “seconda venuta di Cristo”). Ora l’archetipo di continue ribellioni dell’umanità, l’intelletto che esprime falsa volontà egoistica simboleggiato come il “diavolo”, è imprigionato per un certo tempo nella mente dell’ inconscio collettivo. Durante questo periodo di mille anni (i 1000 anni del Regno di Cristo), sarè consentito solo alle anime evolute di incarnarsi sulla terra (Apocalisse 20:4). Alla fine di questo periodo, le rimanenti anime cominciano a incarnarsi, portando con sé i loro desideri e ambizioni insoddisfatti. Questo, naturalmente, porta alle precedenti condizioni di squilibrio (guerre e pestilenze). Queste condizioni, tutti artificiose, ora sono esse stesse eliminate e tutte le forme mentali e i modelli non formati dalla volontà divina vengono eliminati (20:14).

“Nuovi cieli e nuova terra”. Giovanni vede il perfezionato stato di coscienza dell’umanità e il corpo di luce rigenerato. A questo punto la mente umana è una con il divino nella perfezione del controllo ed è esente da limitazioni esterne. La mente cosciente umana si fonde con la mente superconscia. Giovanni afferma che se qualcuno aggiunge o toglie qualcosa a questo libro, costui sperimenterà le piaghe descritte in questo libro. Il libro è il corpo, che è il veicolo per l’esperienza umana del mondo. Attraverso il corpo sono apprese le lezioni dell’anima. Non ci può essere nessuna scorciatoia senza conseguenze disastrose per l’organismo.

cayceplato9

 

Mike Plato

EDGAR CAYCE E LA SUA INTERPRETAZIONE DELL’APOCALISSE ultima modifica: 2012-11-06T21:15:58+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)