Epomeo, figlio di Agarthi

Cosa si cela nelle terre di Ischia? Da dove sorgono i bagliori che ne solcano il cielo? Perché gli anziani consigliano di evitare i boschi e i pendii del monte Epomeo? Un’appassionata testimonianza, ricca di episodi, molti dei quali vissuti in prima persona dall’ autore stesso, nell’ instancabile ricerca della presenza di alieni sull’ isola. Il saggio è supportato da un’analisi meticolosa delle fonti e delle testimonianze, nonché da numerose citazioni di racconti mitologici e di leggende folkloristiche sulle “presenze” che animano i boschi e le colline ischitane.


di [link=http://www.epomeoagarthi.it]Salvatore Marino Iacono[/link]
Il Giornale OnlineLa Terra è cava! Questa l'incredibile affermazione che è possibile leggere in una lettera datata 20 Aprile 1947 a firma di un certo Unger Karl allora a bordo dell' U-boot 209 nazista comandato da Heinrich Brodda. La lettera in questione in possesso di Rodney Cluff è spesso apparsa in documentari poco diffusi come quelli trasmessi da UFO Tv. La lettera è seguita da una dettagliata documentazione inerente l'interno del nostro pianeta, cavo ovviamente, con foto e carte geografiche che darebbero la certezza sul fatto che i nazisti siano riusciti non solo a penetrare all' interno del nostro pianeta ma anche a cartografarlo! La porta di accesso? Ovvio! Il polo Sud tra l' altro cartografato senza ghiacci sempre secondo questa documentazione. Rieccoci dunque dinanzi al misterioso mito della Terra Cava, antico quanto l' uomo e sempre più presente ai giorni nostri. Non è mia intenzione parlarvi per l'ennesima volta delle onde sismiche e delle loro anomalie, dell'ammiraglio Byrd e del suo (o suoi) viaggi all' interno del nostro pianeta, delle controverse immagini satellitari ben note a tutti (serie ESSA-7 e successivi) o del racconto dello scrittore Emerson. Tralasciamo anche le innumerevoli storie legate alle migliaia di chilometri di gallerie che solcherebbero il nostro pianeta. Quello di cui vorrei parlare è una storia tutta italiana, alla quale non è stato dato un finale ma lascia intuire come tutto sia stato scritto così come molto andrebbe approfondito. Una storia alla cui base troviamo due episodi alquanto particolari: la scoperta della famosa mappa relativa alla terra cava disegnata dall' artista Max Fyfield in un libro da parte mia (totalmente ignorante in materia all' epoca dei fatti) e l' avvistamento di un UFO nel lontano 1990 uscente dal Monte Epomeo in Ischia. Cos'avrebbero in comune queste due cose? All' apparenza aniente se non fosse che……Ma andiamo con ordine. Fin dal tempo delle colonizzazioni greco-romane Ischia è stata considerata uno dei luoghi in cui Zeus recluse Tifeo (o Tifone), nel nostro caso al di sotto del Monte Epomeo. Nel 1588 il medico Giulio Jasolino nel suo “Dè rimedi naturali che sono nell' isola di Pithecusa hoggi detta Ischia” ricordò che (in Cilicia secondo alcuni e in Ischia secondo altri):

“nel monte esservi un profondissimo antro ombroso per spazio di due miglia, e cinquecento miglia dè boschi, e molto dilettevole per lo mormorìo dè ruscelli. Indi dopo così lunga discesa si scopre un' altra spelonca, la quale nell' incontro già oscura, ha un tempio consacrato a Giove, poi nell' ultimo dell' andito gli abitatori affermano esservi il letto di Tifone.”

Ebbene sulla mappa di Fyfield un particolare catturò la mia attenzione: era raffigurato il Monte Epomeo in virtù del fatto che esso sarebbe nientemeno che un entrata principale alle terre interne. Da esso partirebbe una galleria che porterebbe all' interno del pianeta caratterizzata dall' avere un enorme caverna a circa metà strada. Ebbene iniziai ad indagare su tutto ciò, cercando di capire se la descrizione data dallo Jasolino potesse essere in realtà tale galleria il cui ricordo si è perso nella notte dei tempi. Da allora fui testimone di decine e decine di avvistamenti UFO ed USO in terra ischitana la maggior parte dei quali uscenti o entranti dall' Epomeo. Cosa bizzarra fu il fatto che quasi tutti gli UFO erano caratterizzati dall' avere un colore rosso rubino i cui avvistamenti avvenivano quasi sempre di notte. Negli anni che seguirono quel 1990 fui testimone anche di un incontro ravvicinato del terzo tipo lungo le pendici del Monte Epomeo, luogo tra l' altro ben noto agli isolani a causa dei misteriosi fenomeni che vi avvengono.

Come potevano essere collegati tutte queste esperienze con Tifeo e la misteriosa mappa di Fyfield? La risposta prese forma quando, nel 2004, in maniera del tutto fortuita appresi da un ancor più misterioso individuo che l' Epomeo nasconderebbe per oltre 700 metri di profondità al suo interno un enorme base sviluppata su più livelli le cui antenne di copertura Nato visibili a tutti sarebbero la parte terminante. Faticai non poco per accettare una tale realtà ma mi venne detto che gli UFO che spesso si avvistavano fungevano proprio da mezzo di trasporto per chi si recava o lasciava la base! Com' era possibile che potesse esistere una cosa del genere? Dovetti convincere prima me stesso e a tal fine lessi più volte le ricerche di Richard Sauder. Non solo tutto ciò era più che possibile ma mi resi conto che le risposte più dettagliate, sebbene provenienti da campi tutt' altro che appartenenti alla scienza ortodossa, erano alla portata di tutti anche se più incredibili dei fatti esaminati. Feci così conoscenza dei già noti testi su Agarthi a firma di Ossendowski, Paglialunga, Guènon, Blawatsky, Roerich, Saint-Yves d' Alveydre e Meurois-Givaudan a cui affiancai le canalizzazioni Lemuriane e la testimonianza di Billie Faye Woodward, gli studi di Sitchin e le esperienze di Maurizio Cavallo. Riuscì a mettere insieme diversi tasselli creandomi un quadro della situazione abbastanza chiaro ma il mio cervello razionalista aveva bisogno di prove ben più consistenti e iniziai ad averle proprio nell' istante in cui feci la mia prima esperienza di viaggio astrale anche se da allora non ebbi più modo di continuare. Ciò mi convinse che la scienza, almeno quella ufficiale, è lontana anni luce da certi fenomeni. Successivamente, qualora l' esistenza della base nell' Epomeo dovesse essere reale, decisi di adattare all' isola l' esperimento mentale che lo scrittore T. Goodman raccontò nel suo libro “Base Terra”. Riuscì così a stabilire un contatto con entità extraterrestri seppur di breve durata.

Si era nel 2004. Negli anni a seguire iniziai ad effettuare ulteriori ricerche sull' intero quadro, concentrandomi soprattutto su una piccola parte dell' immensa bibliorgafia isolana alla ricerca di indizi riconducibili al mito della Terra Cava. Con mia somma gioia saltarono fuori testi come “Ischia l'isola dimenticata” di Kupfer Koberwitz o “La pietra cantante” di Bergsoe dove è possibile fare la conoscenza della misteriosa Grotta di Mavone o leggere di strani personaggi tra i quali la misteriosa rabdomande che asseriva, nel XIX secolo, di non voler andare per nessun motivo e per nessuna cifra al mondo al largo della spiaggia di Citara a causa dell' esistenza di una misteriosa città sommersa…..E' forse una coincidenza il fatto che proprio quella zona è stata al centro di numerosi avvistamenti USO? Probabilmente no. Gli avvistamenti proseguirono incessanti. Eccoci giunti al 2008. Enta in scena una sensitiva di fama internazionale. Per motivi sconosciuti giunse ad Ischia proprio per prendere contatto con chi abiterebbe l' interno dell' Epomeo. Ci recammo alle sue pendici, pochi amici fidati e dopo qualche minuto di raccoglimento il contatto arrivò. Apprendemmo che dal monte partirebbero gallerie sotterranee solcate da oggetti volanti, poi l'ammonimento…..vogliamo essere lasciati in pace. Da allora la situazione si “normalizza”. Gli avvistamenti UFO continuano lungo il versante sud occidentale dell' isola dove sembra sia stata spostata l' entrata alla misteriosa base. Nel 2010 la svolta. Un distinto signore si fece avanti raccontandomi di come venne prelevato da un enorme disco volante alle pendici del monte Epomeo e trasportato nell' interno del pianeta. Esseri come noi, organizzati in armoniose città sotto un cielo roseo. Venne lasciato con una promessa.

Sarebbe stato prelevato qualora lo avesse richiesto al fine di abitare in mezzo a Loro. Lo stesso anno un episodio mi spinse a dare alle stampe il libro. Si era nel 2010 in Luglio. Dalla parete rocciosa posta proprio sul versante sud occidentale dell' isola una flottiglia di oggetti colore rosso rubino prende il volo passando successivamente sul tetto di casa mia, direzione Vesuvio. Ne contai 9 ma la cosa incredibile fu che gli UFO volavano al di sotto delle nuvole…e quella sera pioveva, non potevano essere lanterne cinesi. La macchina fotografica digitale non ne volle sapere di funzionare, l' amarezza fu tanta ma seppi che in quel periodo la stessa flottiglia venne filmata prima a Napoli e poi a Licola. Per quanto mi riguarda non ci sono dubbi, la stessa flottiglia sorvolò Napoli ripetutamente per quasi due anni! I napoletani dovevano sapere e ciò mi spinse alla pubblicazione. L' allarmismo crea solo panico e terrore, soprtattutto se alimentato dai soliti personaggi. Preferisco pensare che il “Segno di Shambhala” così come riferì Roerich protegga Napoli e i suoi abitanti ed abbia progetti ancora ignoti per l' intera area. L'organizzazione di Agartha è votata alla Luce ed è questo il messaggio che bisogna diffondere, non vi è nulla di sbagliato in ciò. Ed è forse per questo motivo che il famoso fisico Majorana secondo alcune ricerche mai smentite scomparve prima di arrivare a Napoli dalla nave “Il postale” grazie all' aiuto di un disco volante riconducibile ad Agarthi dove tutt' ora vivrebbe. Il famoso contattista Eugenio Siragusa rese noto anche una coordinata geografica dove secondo Lui Majorana venne prelevato. Io elaborai la mia coordinata in maniera diversa avvalendomi di un particolare ragionamento.

Tracciai una retta che univa il Monte Epomeo all' Etna rappresentante un ipotetica galleria sotterranea e successivamente tracciai la rotta de “Il postale”. L'intersezione mi diede una coordinata i cui numeri primi erano coincidenti ai numeri che lo Sciascia, nella biografia del famoso fisico, ipotizzò essere due numeri lasciati intenzionalmente dal Majorana in due lettere da Lui scritte per uno scopo mai chiarito. Poteva esistere quindi una tale galleria? Probabilmente si visto che lo stesso Siragusa affermò di essere arrivato a Napoli a mezzo di una galleria sotterranea in soli 4 minuti! La domande è dove arrivo? E come? Ma l'area napoletana offre molto di più. Secondo quanto asserì il vescovo Corrado di Querfurt cancelliere di Arrigo VI nel 1196 in una serie di epistole, tra due monti riuscì a penetrare in una misteriosa città sotterranea e venne costretto alla fuga perchè essa era protetta da immagini fatte di aria armate di spada e frecce! Un ologramma? Il Querfurt asserì che questa città era ubicata in Ischia anche se, sempre in Ischia, collocò le famose anime penitenti leggenda questa per tradizione associata ai Campi Flegrei. Possibile che ci fu uno sbaglio? Se così fosse allora il monte in questione sarebbe il già famoso Monte Barbaro (Mons Barbarus) in Pozzuoli dove già Vigilio Mago si recò in compagnia del suo discepolo Philomeno. All' interno di questa città, sotto la testa del centauro Chironte,

Virgilio trovò un misterioso libro che lo rese sapiente in tutte le cose e grazie al quale operò i molteplici miracoli che le leggende napoletane ci hanno tramandato. Successivamente sul misterioso libro scrissero Gervasio da Tilbury nel suo “Otia Imperialia” libro III, 112 – Le ossa di Giuseppe e la pecora e Giovanni da Salisbury nel suo “Polycraticu”. In entrambi si legge di come il libro venne cercato e trovato insieme alle ossa di Virgilio. Siamo nel XIII secolo. Dopo una serie di vicissitudini sembra che del libro se ne persero le tracce in ambiente ecclesiastico. Se tutto ciò fosse vero, allora Virgilio si avvalse di discepoli fidati per farsi seppellire, stando alla leggenda, all' interno di un monte e ciò sembra far ipotizzare l'esistenza di una qualche società segreta a cui Egli stesso appartenne. Ciò spiegherebbe anche come mai strani personaggi conoscevano l'esistenza del sepolco e di conseguenza l' esistenza del misterioso libro tra l' altro seppellito insieme a Virgilio. Possibile che Virgilio stesso già conosceva l' esistenza di una città sotterranea in territorio napoletano? Se così fosse, assurdo per assurdo, è logico ipotizzare che queste antiche conoscenze si siano tramandate fino ai giorni nostri. Taluni ipotizzano a mezzo del Principe Raimondo di Sangro e del suo Ordine Osirideo Egizio, arrivando ad identificare la misteriosa “Arcadia” proprio con la misteriosa città di Virgilio. Non dimentichiamoci che lo stesso Eugenio Siragusa definiva Virgilio una sorta di “mutante” con compiti molto particolari uno dei quali quello di acompagnare Dante nel suo viaggio il cui resoconto, in maniera allegorica, è la ben nota Divina Commedia. Se a ciò aggiungessimo il fatto che il Principe Raimondo di Sangro secondo la tradizione fu uno dei pochissimi a cui venne dato il privilegio di poter accedere ai “Libri maledetti” Vaticani ecco che il quadro della situazione diviene ancora più misterioso…….E' mia opinione che al di sotto dell' intera area napoletana siano ubicate più centri sotterranei collegati a mezzo gallerie che a loro volta collegherebbero il tutto alla rete sotterranea di Agartha.

Ma come è possibile tutto ciò? A questa domanda può rispondere quasi sicuramente un signore di nome Douglas Dietrich. E' un personaggio che agli occhi dell’ opinione pubblica non ricorda nulla. Eppure Dietrich è uno di quelle persone che la sa lunga su molte cose….Figlio di un militare decorato della Marina statunitense, lavorò per dieci anni come bibliotecario militare per il Dipartimento della Difesa presso la base militare del Presidio a San Francisco dove ebbe anche il compito di distruggere documenti sensibili tra i quali documenti top secret a carattere storico. Ebbe però la furbizia di prendere nota su un quaderno di ciò che distruggeva. Per maggiori informazioni rimando il lettore al suo sito web www.douglasdietrich.com

Delle tante informazioni rilasciate da Douglas certamente quelle a seguito dell’ intervista rilasciata alla rivista Nexus tedesca nell’ aprile di quest’ anno ci lascia senza fiato. Da un lato ci sarebbero tutta una serie di informazioni relative al vero evolversi della Seconda guerra mondiale e dall’ altro si parlerebbe di una realtà della quale pochissimi hanno sentito parlare: l’ Unterland. Anche in questo caso rimando i lettori interessati al sito di Dietrich o al numero Nexus in questione. Ripercorriamo insieme le informazioni da me estrapolate dalla seconda parte dell’ intervista (l’ intervista è composta da tre parti di cui solo le prime due sono state date alle stampe). La prima cosa che Douglas tiene a precisare è che furono solo le forze tedesche sul campo ad arrendersi agli Alleati cosa questa che avvenne senza interpellare il governo, a cui fu semplicemente permesso di andarsene. A seguito di ciò il Governo Nazista si riaffermò in molti luoghi, principalmente in Argentina e in Antartide e poi successivamente nell’ Unterland. Stando però ai documenti segreti visionati da Douglas, tra i membri del Governo Nazista in esilio era presente lo stesso Hitler oltre a Gobbels e Bormann. Se ciò fosse vero (e sembrerebbe di si) ci fu una vera e propria messa in scena atta a distogliere gli occhi dell’ opinione pubblica dalla morte di Hitler in quel bunker di Berlino. Alla gente bastava sapere che era morto ed è ciò che accadde!

Il Governo Nazista in esilio venne riconosciuto come il Reich dei millenni e considerato come una terza forza nelle Guerra Fredda. Stando ai documenti di cui sopra all’ indomani della seconda guerra mondiale erano attive basi segrete in Norvegia, Groenlandia, nelle Canarie, in Antartide, in Sud America, in Argentina e soprattutto nell’ Unterland.

Ed è proprio sull’ Unterland che ci soffermeremo in quest’ articolo. Nel 1992 un geofisico di nome Alan Thompson pubblicò sul “Nature” del 23 Luglio 1992 un articolo intitolato “Acqua nel mantello superiore della Terra”. Il Thompson asseriva che sotto il mantello Terrestre vi fossero giacimenti di acqua così come vi erano giacimenti di un qualsiasi minerale. Tali giacimenti sarebbero così maestosi da rendere i nostri oceani piccoli e insignificanti. La conseguenza è che ci sarebbe più acqua sotto il mantello terrestre che in tutti gli oceani della Terra. Come prova a ciò sulla rivista New Scientist numero 2594 del 10 Marzo 2007 venne pubblicata la notizia che gli Americani grazie alle onde sismiche avevano dimostrato l’ esistenza di un intero oceano fra le rocce porose nelle profondità del pianeta, in corrispondenza di Pechino!
La cosa incredibile però è che tutto ciò i militari lo sapevano già da anni, e il governo nazista lo sapeva ancor prima di loro! L’insieme di queste cavità erose dall’ acqua nel corso delle ere ed in parte completamente asciutte oggi formerebbero i territori di UNTERLAND. Non si creda che si parli di piccole grotte, anzi! alcune sarebbero alte fin oltre un miglio e sarebbero interessate da fenomeni metereologici propri. Così come per l’ ipotetica Terra Cava, anche l’ unterland avrebbe delle “entrate” come quelle in Tibet, in Antartide, in Svizzera o in Germania. Una cosa è certa, è dal 1997 che non si hanno più notizie sull’ operato dei nazisti in queste immense cavità. Sicuramente il Governo Americano è ben consapevole dei progressi tecnologici a cui arrivarono i Nazisti fin dall’ inizio della guerra e lo capirono a spese loro quando, all’ indomani della fine della seconda guerra mondiale, subirono migliaia di perdite umane nonchè centinaia di aerei e mezzi navali durante l’ operazione Highjump. In breve persero la vita circa 3500 marines su ben 10000 uomini schierati. L’intento era quello di contrastare le forze belliche naziste stanziate nella loro base in Antartide. Ancor più incredibile è sapere che gli Americani subirono queste pesanti perdite a causa di misteriosi “Flugelrad” ovvero unità volanti a disco rotante. Forse un giorno molti aspetti della seconda guerra mondiale tenuti nascosti saranno resi noti e studiati fra i banchi di scuola. Per il momento Vi invito a documentarvi in maniera autonoma, magari prendendo in considerazione le informazioni contenute in questo breve articolo e approfondirle altrove con altri mezzi. Ad oggi quindi nessuno è al corrente di cosa o che fine abbiano fatti i nazisti stanziati nell ‘ Unterland. A mio modesto parere penso che morti i gerarchi responsabili delle atrocità ben note al mondo intero, i superstiti avranno intrapreso strade più “umane” anche perchè in un modo o in un altro avremmo avuto notizie di loro…..

Ecco allora come l' esistenza di un Unterland napoletano assume contorni più reali. Un enorme spazio sotterraneo in cui si sono sviluppate strutture sotteranee a cui pochi eletti hanno avuto accesso nel corso dei secoli. Nulla di riconducibile ai Nazisti a mio parere, anche perchè non tutti gli Unterland sono stati da loro colonizzati, molti appartengono alla rete di Agartha. Se tutto ciò fosse pari al vero allora possiamo spiegare l' enorme antro presente sulla mappa di Fyfield e la descrizione che fece Giulio Iasolino nel suo De Rimedi. Ovviamente potete prendete tutto ciò come un articolato racconto di fantasia….oppure no, a voi la scelta ma prima di prendere qualsiasi decisione vi invito alla lettura di quanto apparve sulle pagine de “Il Giornale” di martedì 6 luglio 2010 in cui si parlerebbe di una strana storia tutta italiana dove il protagonista sarebbe nientemeno che Ettore Majorana e una sua misteriosa macchina ai positroni in grado di produrre energia a costo zero. Realtà o finzione? Oserei dire realtà visto le innumerevoli prove a favore del caso. Ciò non toglie che una macchina del genere, che ad oggi non siamo in grado di costruire, sia stata studiata e testata in un qualche laboratorio con apparecchiature di cui non immaginiamo nenache la forma e il funzionamento. Possibile che i nostri fratelli dell' interno siano in realtà più presenti che mai? Una cosa è certa. L' intera vicenda ha fatto riaprire il caso Majorana. Ad oggi, Gennaio 2013, gli avvistamenti continuano sia interra ischitana che interra napoletana. E vi invito, così come venne detto a Roerich, di considerare questi UFO come il segno tangibile dell' esistenza di Shamballa e del suo Signore, Luce per noi tutti.


[link=http://www.grauseditore.it/nv/dettLibro.asp?Id=437]Epomeo, figlio di Agarthi – LIBRO[/link]


[link=http://www.epomeoagarthi.it]Salvatore Marino Iacono[/link] nasce a Napoli 34 anni fa. Fin dalla tenera età è testimone di episodi alquanto particolari che non destarono in Lui grossa curiosità fino a quando dal 1990 è testimone di numerosi avvistamenti UFO ed USO in terra ischitana a cui affianca esperienze di incontri ravvicinati del terzo tipo. Si forma professionalmente come Ufficiale di Marina Mercantile dove ad oggi ricopre il grado di Primo Ufficiale di Coperta per una nota compagnia di navigazione. Grazie alle sue esperienze in ambito paranormale capisce ben presto che la realtà che Ci circonda è ben lontana da quella alla quale i nostri occhi ci hanno abituato. Ad oggi è sposato e risiede ad Ischia con la moglie e il figlio. Si occupa in maniera indipendente di mistero e fantarcheologia in special modo di Ischia e dell' area napoletana in generale.

Epomeo, figlio di Agarthi ultima modifica: 2013-02-13T16:30:13+00:00 da pasgal
About the Author
pasgal

Pasquale Galasso, editore di Altrogiornale.org - Credo in un'esistenza vera, non limitata al solo mondo materiale. Una scoperta continua volta a raggiungere l'Uno in tutto. Ogni sensazione, sentimento, emozione... fornisce un nuovo insegnamento. Viviamo in un corpo fisico ma la nostra anima è storica.