Estrazione di Energia di Punto Zero, più vicina di quanto pensiamo?

Il Giornale Online

di Randall Mayes

L'energia di punto Zero potrebbe cambiarci la vita e il Dr.Tom Valone, uno dei maggiori sostenitori, dice che sarà a nostra disposizione nel prossimo decennio.

L'Energia di Punto Zero (ZPE), le fluttuazioni quantistiche che rilasciano energia e influenzano gli atomi e l'universo, potrebbe rivoluzionare la nostra vita. Sulla Terra, i generatori di ZPE potrebbero fornirci energia praticamente infinita e pulita per computers, telefoni, televisori, auto e abitazioni, riducendo l'uso dei carburanti fossili. Attingere alla ZPE renderebbe possibile anche il viaggio interstellare.

A meno che non siate fisici quantistici, cercare di capire il senso del ruolo della ZPE nel nostro futuro è un compito formidabile. Nel libro Zero Point Energy: The Fuel of the Future, l'ingegnere e fisico Dr.Tom Valone, Presidente dell'Integrity Research Institute di Beltsville, discute quindici fenomeni osservati che forniscono evidenza sperimentale dell'esistenza della ZPE. Quindi sappiamo che esiste, ma possiamo utilizzarla? In una versione aggiornata della sua tesi di Dottorato, Practical Conversion of Zero-Point Energy: Feasibility Study of Zero-Point Energy Extraction, Valone discute la fattibilità dei principali metodi di estrazione della ZPE: elettromeccanici, meccanici (forza di Casimir), dinamica dei fluidi e termodinamica.

Valone predice che vedremo la conversione di ZPE sul mercato nel prossimo decennio. Nel suo sito http://www.integrityresearchinstitute.org/ cita numerose scoperte che richiedono investimenti per avere accesso alla produzione commerciale. Tra queste scoperte esiste un polimero http://www.integrityresearchinstitute.org/Enews/EnewsJan2013.htm#LETTER.BLOCK17 che genera elettricità solo dall'acqua, una molecola http://www.integrityresearchinstitute.org/Enews/EnewsApr2013.htm che si muove soprattutto per l'energia di punto zero e dato che il suo kit per l'energia del vuoto http://www.integrityresearchinstitute.org/ZPEnergy/ZPEToolkit.htm viene adottato da sempre più scienziati, è facile che il Dr.Fabrizio Pinto renderà il suo Casimir Engine un generatore elettrico commerciale. Ancora più vicini al mercato sono le Nanorectenna http://www.umerc.umd.edu/projects/solar09 del Prof.Dagenais, che combina un'antenna risonante per la gamma degli infrarossi e un diodo tunnel al centro http://www.integrityresearchinstitute.org/ZeroBiasDiodeArrays-Valone-SPESIF2009.pdf
Per la ZPE scalabile, “Il problema principale in questo momento è che i dispositivi di piccole dimensioni si stanno facendo strada e dominano il mercato in quanto sono molto più facili da costruire”, secondo Valone http://www.electronicproducts.com/Power_Products/Power_Management/Energy_harvesters_challenge_batteries_in_wireless_sensors.aspx?terms=October%202012

Ci sono anche diversi sviluppi nella propulsione che promettono di rivoluzionare i viaggi nello spazio, compreso l'elettromagnetismo http://ac.els-cdn.com/S1875389211005761/1-s2.0-S1875389211005761-main.pdf?_tid=8d3c7ea8-8ab3-11e3-93c7-00000aab0f6b&acdnat=1391199132_f11051aeaac4a1410b4c4297f13b1f66 , il Casimir Propulsion Engine http://www.integrityresearchinstitute.org/Enews/EnewsJune2012.htm , e la schermatura inerziale http://www.youtube.com/watch?v=d3mWfhKYp6s che è stata citata la prima volta da Arthur C. Clarke nel libro 3001 : Odissea finale e che potrebbe consentire le brusche svolte nella navicella spesso rappresentate nei film di fantascienza.

Altre versioni dell'utilizzo del vuoto quantistico per modificare e creare la spinta che aumentano la possibilità di realizzare anche la “deformazione dello spazio”, sono descritte nei libri di Valone. Tom prevede che la combinazione di uno scudo inerziale con un produttore di spinta relativamente debole, come la propulsione inerziale o Electrogravitica/elettrocinesi http://www.integrityresearchinstitute.org/electrogravitics.html , può risultare in un'unità spaziale a basso costo che sarà molto efficace e richiederà poca energia immessa. Mentre alcuni fisici sono entusiasti del futuro di questo settore, altri sono scettici a causa del dogma scientifico. Attingere alla ZPE significa una potenza maggiore rispetto l'input richiesto e violare la conservazione dell'energia o la Prima Legge della Termodinamica. Il consenso tra i fisici è che non sia possibile convertire l'energia del vuoto per generare energia libera a un livello scalabile. Inoltre, lo spazio deformato consentirebbe all'uomo di viaggiare più veloce della luce, in contrasto con le leggi comunemente accettate della fisica.

Dal lato più ottimista, Valone riconosce che, “L'energia di punto zero e l'energia negativa del vuoto quantistico sono relativamente sconosciute anche alla maggior parte dei fisici. Anche se la teoria indica enormi densità di energia del vuoto fisico, gli esperimenti solo di recente si sono prestati a metodi di conversione pratica”.

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte: http://www.techcast.org/Commentary.aspx?ID=364

Estrazione di Energia di Punto Zero, più vicina di quanto pensiamo? ultima modifica: 2014-01-31T20:24:18+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)