Fisica Emergente per una Nuova Scienza della Propulsione

propulsione

di Jochem Hauser and Walter Dröscher

Dal 2002 sono state pubblicate idee di un approccio geometrico per descrivere le interazioni fisiche, definita Teoria Estesa di Heim (EHT). Questo approccio prevede sei interazioni fisiche fondamentali, tre campi gravitazionali, l’elettromagnetismo così come le interazioni deboli e forti (Droscher e Hauser , 2008 , 2007b e 2006). Nella EHT la gravitazione può essere sia attraente che respingente. La EHT prevede anche l’esistenza di particelle virtuali di massa immaginaria, responsabili della conversione di energia elettromagnetica in energia gravitazionale. Oltre all’esistenza della materia ordinaria (fermioni e bosoni), la materia non ordinaria in forma di particelle virtuali di massa immaginaria, così come i leptoni neutri stabili, dovrebbe esistere, quindi potrebbe essere responsabile della materia oscura. Numerosi esperimenti di Tajmar et al.(2006, 2007a, 2007b e 2008) presso AIT Seibersdorf svolti dal 2003 e pubblicati la prima volta nel 2006, riportano la generazione in laboratorio di campi gravitomagnetici e campi simil-gravitazionali. Gli effetti gravitomagnetici misurati erano circa di 18 ordini di grandezza più grandi di quanto previsto dal cosiddetto effetto Lens-Thirring della Relatività Generale. In altre parole, l’anello rotante di niobio, con una massa di circa 500 grammi, utilizzato da Tajmar , produce un effetto di trascinamento simile alla massa di una nana bianca (Dröscher e Hauser, 2008). Questi esperimenti sono stati ripetuti da Graham et al. (2007) e più recentemente da Tajmar et al. (2007b) fornendo un confronto tra i due esperimenti.

Se gli esperimenti di Tajmar e Graham sono corretti, un effetto simile dovrebbe avere essere stato osservato nell’esperimento NASA- Stanford – Gravity Probe B come è stato calcolato in Dröscher e Hauser (2009 e nel 2008). Infatti, una grande anomalia giroscopica è stata osservata in GP-B. Sul lato teorico la EHT è stata utilizzata per analizzare questi esperimenti e anche per predire approssimativamente la grandezza del disallineamento giroscopio nell’esperimento GP B, provocato dalla interazione spin-spin, causato dalla generazione di campi simil-gravitazionali agenti tra i giroscopi in ciascuna delle due coppie di giroscopi. L’esperimento GB-P ha utilizzato due coppie di giroscopi controrotanti che,nello spazio, hanno esibito un disallineamento asimmetrico, a seconda della direzione di rotazione. Le previsioni teoriche della EHT e i disallineamenti misurati sono stati confrontati e hanno dato ragionevole accordo.

Quindi, resta da vedere se l’effetto cerotto elettrostatico, utilizzato per l’analisi post-volo per prevedere il disallineamento giroscopico dal gruppo di Stanford, è in grado di tenere conto completamente sia della grandezza che del tipo di anomalia osservata. Secondo la EHT questa anomalia non dovrebbe essere totalmente spiegabile con effetti classici, cioè, forze elettrostatiche, ecc.. L’effetto Lense-Thirring (effetto di trascinamento) sembra esistere esattamente come predetto dalla Relatività Generale. Pertanto, non vi è spazio utilizzando una modificazione dell’effetto Lense-Thirring per spiegare i grandi campi gravitomagnetici osservati. In sintesi, la situazione attuale è caratterizzata dal fatto che numerosi esperimenti sono stati eseguiti in un periodo di quattro anni, utilizzando diverse tecniche di misurazione, che mostrano risultati simili, ma inaspettati.

Le tecniche di misura in tutti gli esperimenti sono chiaramente stato dell’arte, in particolare per l’esperimento GP-B. Inoltre, i campi simil-gravitazionali molto probabilmente porterebbero nuove tecnologie nel campo del trasporto (spaziale) e quindi dovrebbero essere di grande interesse per il pubblico e per l’industria. Inoltre, questi campi potrebbero anche essere utilizzabili in diversi modi per la generazione di energia pulita portando, per esempio, a ricerca modificata sull’energia da fusione che potrebbe essere molto rilevante per il futuro, perché una geometria del reattore lineare potrebbe essere fattibile. Inoltre, diverse possibilità sono state considerate per generare energia elettrica direttamente dai campi simil-gravitazionali.

Come procedere? Gli esperimenti effettuati finora, se confermati, serviranno da dimostrazione dell’esistenza di effetti fisici nuovi. Tuttavia, al fine di produrre un sistema di propulsione spaziale senza propellenti, è necessario eseguite un esperimento per generare un campo simil-gravitazionale verticale. Secondo la EHT, l’effetto dovrebbe essere sufficientemente grande da essere individuabile con una apparecchiatura di misura relativamente semplice, in contrasto con gli esperimenti condotti finora, che necessitano di attrezzature estremamente sensibili per misurare un piccolo effetto e quindi sono sensibili al rumore di fondo. Inoltre, un campo verticale può direttamente portare a un qualche tipo di controllo della gravità. In particolare la composizione materiale del disco e della bobina sono di primaria importanza, poiché la grandezza del campo verticale sembra dipendere fortemente da questa.

Un ulteriore domanda significativa è, se sarà possibile aumentare la temperatura critica a temperatura ambiente, per evitare di lavorare con He liquido. Qui occorre notare che anche dopo più di 100 anni di ricerca, la superconduttività ha chiarito una soluzione. Sforzi teorici notevoli sono necessari sia per una conoscenza di base della nuova fisica sottostante, oltre che per fornire le linee guida per tecnologie rivoluzionarie.

Tratto da SPACE,PROPULSION & ENERGY SCIENCES INTERNATIONAL FORUM SPESIF-2010 http://www.hpcc-space.de/publications/documents/AIP2010Hauser.pdf
Vedi: http://www.sabatoefiammetta.it/heim.htm

Fisica Emergente per una Nuova Scienza della Propulsione ultima modifica: 2014-01-14T16:20:15+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)