Fisici Italiani descrivono il "Quarto Stato" della Materia

Il Giornale Online
Non solo solido, liquido e gassoso: esiste un 'quarto stato' della materia la cui natura profonda e' stata descritta da una ricerca internazionale nella quale l'Italia ha avuto un ruolo di primo piano, con il dipartimento di Fisica dell'Universita' di Roma La Sapienza, il Laboratorio Europeo di Spettroscopia non lineare (Lens) dell'universita' di Firenze e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

''La nostra scoperta contraddice alcuni dogmi della termodinamica di base'', osserva Tullio Scopigno, coautore della ricerca pubblicata sulla rivista Nature Physics. Finora si riteneva che al di sopra di una certa temperatura e pressione, definite critiche, fosse impossibile distinguere nei fluidi lo stato liquido da quello gassoso.
''Si riteneva che esistesse un solo stato, il fluido supercritico, nel quale tutte le grandezze fisiche (come densita', capacita' termica e compressibilita') non subiscono variazioni discontinue al variare di pressione e temperatura'', spiega Scopigno.

''Adesso abbiamo scoperto che non e' proprio cosi'. In seno al fluido supercritico si registrano, in realta', variazioni discontinue di alcune grandezze fisiche legate alla propagazione del suono''. Conoscere questo 'segreto' dei fluidi permettera', per esempio, di utilizzare, tra l'altro, solventi piu' sicuri per l' industria alimentare, per esempio per estrarre la caffeina dai chicchi di caffe'.

Link allo studio: http://www.nature.com/nphys/journal/v6/n7/full/nphys1683.html

Fonte: ANSA, http://www.uniroma1.it/eventi/ricerca/100621_fluidi.php, http://mysterium.blogosfere.it/2010/06/fisici-italiani-descrivono-il-quarto-stato-della-materia.html

Fisici Italiani descrivono il "Quarto Stato" della Materia ultima modifica: 2010-07-12T21:46:03+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)