Foglio cambia forma a comando. Eredità di Roswell?


Segnalata da Aldebaran

Chiamata “materia programmabile tramite piegamento”, il nuovo foglio tecnologico ideato dai ricercatori di Harvard e MIT crea origami sulla base di una programmazione prestabilita, in maniera del tutto automatica. Il foglio è composto da una serie di sezioni triangolari, che possono piegarsi per comporre forme più o meno complesse. Attualmente la programmazione e la struttura di questo foglio consentono di creare una barchetta ed un aeroplanino, del tutto simili a quelli ottenibili piegando manualmente un foglio di carta.

Ma questa tecnologia promette ben altro. Riducendo le dimensioni delle sezioni triangolari si potrà aumentare la complessità delle strutture ottenibili, e realizzare robot di forme adattabili ad ogni situazione ed ambiente. Il progetto “programmable matter”, già citato nel post “I robot liquidi e mutaforma della DARPA“, fa parte di un progetto più ampio volto a creare una serie di strutture di piccole dimensioni, da qualche millimetro fino a scala nanometrica, in grado di assumere diverse forme a seconda delle esigenze.

Il foglio creato dai ricercatori è realizzato con fibre di vetro, ed è spesso circa mezzo millimetro. Le strutture triangolari hanno lati di poco più di un centimetro di lunghezza, e sono in totale 32. Ma è solo un primo passo verso qualcosa di più complesso: fogli “mutaforma” composti da triangoli di dimensioni più piccole. Daniela Rus, ricercatrice dell’ MIT, ha incorporato all’interno del foglio delle piccole strisce di metallo a memoria di forma, realizzato in lega nickel-titanio e spesso 100 micron, lo spessore di un capello umano.

Facendo scorrere una corrente elettrica attraverso il foglio, le strutture triangolari cambiano forma nel volgere di pochi secondi, e mantengono la struttura ottenuta grazie a chiusure magnetiche. “Il processo inizia quando creiamo un algoritmo per il piegamento” spiega Robert Wood, ingegnere elettronico della Harvard School of Engineering and Applied Sciences. “Determiniamo, come un set di istruzioni in un libro di origami ed in base alle forme finali desiderate, dove piegare il foglio”.

“I fogli intelligenti sono origami robotici che possono assumere qualunque forma in base alla richiesta dell’utilizzatore” spiega Rus. “Un grande traguardo è stato scoprire le fondamenta teoriche della pianificazione del piegamento, che costituisce il ‘cervello’ ed il sistema di decision making del foglio intelligente”. Il prossimo traguardo sarà quello di creare un set di utensili a partire da fogli intelligenti. Presto i ricercatori si cimenteranno nella composizione di forchette e coltelli a partire da fogli intelligenti più avanzati di quello visibile nel video.

Nota Antonio De Comite (Direttore Generale Centro Ufologico Taranto): guardando il filmato vengono in mente le testimonianze dell’incidente UFO di Roswell del luglio 1947. Si parlava che i frammenti dell’UFO precipitato nel Nuovo Messico avevano la capacità di modificare la propria forma. Infatti, anche se sembravano metallici, si poteva “accartocciarli” come carta stagnola e poi, una volta rilasciati, ritornavano alla forma originaria. Il compianto Colonnello dell’Esercito statunitense, Philip Corso, parlava di metalli “con memoria a leghe di forma”. E se questa creazione attuale sia opera di “retroingegneria extraterrestre”? Chissà.

Fonte: http://www.ditadifulmine.com/2010/06/foglio-intelligente-cambia-forma.html http://centroufologicotaranto.wordpress.com/2010/06/30/foglio-cambia-forma-a-comando-eredita-di-roswell/

[youtube=350,300]vZf3lo-16wQ

Vedi: http://www.roswellproof.com/debris2_memory_foil.html http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=8516 http://www.romagnolistefano.com/UFO-2/Roswel-Prima%20parte.htm

Foglio cambia forma a comando. Eredità di Roswell? ultima modifica: 2010-06-30T12:27:06+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)