Rispondi a: 10 settembre… (completo)

Home Forum MISTERI 10 settembre… (completo) Rispondi a: 10 settembre… (completo)

#10380

marì
Bloccato

[quote1253310993=giusparsifal]
… e domani sarà l'11, 8° anniversario.
Mazzucco non demorde, a parer mio a giusta ragione.

Dopo la pubblicazione del rapporto finale del NIST sul crollo del WTC 7, è possibile trarre le prime conclusioni sul lungo dibattito sull’11 settembre, durato quasi 8 anni, che ha visto schierati i critici della versione ufficiale da un lato, e i suoi difensori dall’altra.

Naturalmente, oggi tutti cantano vittoria. I complottisti sono convinti di aver presentato un numero sufficiente di prove da legittimare almeno una nuova pubblica indagine, mentre i debunkers, capeggiati dalla rivista Popular Mechanics, sostengono di aver smontato ogni singola accusa della controparte.

Diversi documentari, mandati in onda da National Geographic, History Channel o la BBC, hanno presentato negli ultimi anni un confronto, apparentemente obiettivo, fra i maggiori temi dell’accusa e quelli della difesa, in modo che anche il pubblico potesse farsi una sua opinione.

In realtà questi documentari hanno solo finto di stare al di sopra delle parti, …

… ma si sono regolarmente dimenticati di presentare al pubblico le questioni più scottanti poste dall’accusa, limitandosi a quelle confutabili con relativa facilità.

Abbiamo quindi pensato di riassumere queste accuse, riducendo il loro numero a 12. Se è vero che tutte le accuse sono state smontate, chi difende la versione ufficiale dovrà semplicemente indicarci con chiarezza quali siano le risposte a queste domande.

Massimo Mazzucco

AGGIUNTA 11/09/09

Per evitare il classico doppio-gioco che normalmente viene praticato intorno al presunto debunking di Popular Mechanics – che viene invocato quando serve dire “smontato tutto”, ma prontamente rinnegato appena la rivista faccia affermazioni indifendibili – chiarisco quanto segue:

Alcune domande pongono delle questioni generiche, che riguardano direttamente i fatti più salienti dell’11 settembre. Altre invece contestano precise affermazioni di Popular Mechanics, che cercano di spiegare alcuni di quei fatti in un modo particolare. Se qualche ufficialista non si sentisse di condividere quelle affermazioni si rivolga a Popular Mechanics, e non a noi: come dice l’introduzione del video, il presunto debunking di Popular Mechanics rimane di fatto, ad oggi, il punto di riferimento del dibatto mondiale (*), e non saper rispondere in loro vece significa riconoscere che il loro “smontaggio” non è mai esistito.

Le opinioni delle singole persone – per quanto rispettabili – su come “possano essere andati i fatti”, non ci interessano. Questo non è un gioco a quiz, dove bisogna indovinare la risposta giusta. Siamo di fronte ad un evento criminale, e vogliamo che i veri responsabili ne rispondano davanti alla giustizia. Poichè è la versione ufficiale, fino ad ora, a coprire il loro presunto crimine, è quella che noi contestiamo, ed è a quelle contestazioni che bisogna rispondere, se si vuole continuare a difenderla.

E’ ora che ciascuno si prenda le proprie responsabilità per quello che ha detto o fatto fino ad oggi, come per quello che non ha detto o non ha fatto.

* Altresì, l’animazione del Pentagono fu ufficialmente commissionata dal governo americano alla Purdue University, e rimane quindi parte integrante della versione ufficiale (fra l’altro, viene utilizzata proprio da Popular Mechanics).

M.M.

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3319
[/quote1253310993]

[color=#0000ff]
Hai detto bene non demorde … e' uno tosto/inossidabile :hehe:

Leggi qua Giusparsifal:
[/color]

I debunkers rispondono alle 12 domande

Dopo aver codardamente cancellato gli insulti di cui aveva disseminato le nostre pagine, il buon John Battista alias Crono alias chissà cos’altro si è ripresentato sotto la copertura dell’ennesimo nick, ed ha provato a rispondere alle 12 domande.

Che sia lui lo si capisce non solo dallo stile, ormai per me inconfondibile (la combinazione poliziotto-debunker dà dei risultati unici al mondo), ma dal fatto che abbia ripreso temi a lui cari, come quello dell’“animazione accelerata”, o dello “squarcio da 40 m.”, già ampiamente sbugiardati in tv dal sottoscritto.

In ogni caso, queste sono le sue risposte, che riporto integralmente (in corsivo), comprese le lungaggini dispersive e gli immancabili tentativi di sviare altrove il discorso.

Prima di replicare mi sono voluto assicurare che avesse visto il video, e mi ha confermato di averlo fatto.

*********************

Domanda n. 1 : Perchè non è stato incriminato nessuno fra i responsabili del progetto e della costruzione delle Torri Gemelle, nè è mai stata nemmeno suggerita una responsabilità penale da parte loro?

Le torri hanno resistito benissimo agli impatti di aerei più grandi di quelli ipotizzati (boeing 707, simile al 767 nelle dimensioni, ma circa 20 tonnellate più leggero e 10 metri più corto). A ciò si aggiunga che gli impatti previsti dal progetto non prevedevano che l'aereo si schiantasse alle velocità di AA11 e UA175 (850km/h). …

NOTA: Se la pagina fatica ad aprirsi provate a cliccare uno degli ultimi commenti…

… Il progetto infatti non prevedeva un attentato portato a termine facendo impattare intenzionalmente due aerei sulle torri, ma un incidente, e un incidente prevede che il pilota alla guida cerchi di ridurre al minimo il danno. Le torri sono crollate soprattutto a causa degli incendi devastanti che sono seguiti agli impatti, e come ogni ingegnere e architetto degno di questo titolo sa, gli incendi indeboliscono le strutture portanti, soprattutto se non sono in muratura o cemento armato, ma in acciaio, come nel caso delle TT. Sul sito della Leslie E. Robertson associates si legge infatti: “We designed the towers to resist the accidental impact of a Boeing 707, perhaps lost in the fog while seeking to land. The impact of the Boeing 767s, commandeered by the terrorists, even though larger and flying much faster, was still unable to bring down the towers. The fire-resistive systems, however, did not and could not have contemplated the subsequent fire fueled by thousands of gallons of jet fuel.“ http://www.lera.com/sep11.htm Le TT hanno resistito ottimamente agli impatti, anche meglio di quanto previsto dai progettisti. E se l'impianto antincendio avesse funzionato (e non esiste modo di garantire il funzionamento di un sistema antincendio dopo un impatto come quello) probabilmente le TT non sarebbero venute giù, così come se le vie di evacuazione non fossero state interrotte o difficili da trovare in mezzo al fumo e alle fiamme, probabilmente si sarebbero salvati quasi tutti. Questo è molto importante, perché spiega la ragione per cui nessuno si sarebbe sognato di incriminare i progettisti: la robustezza delle TT è stata eccezionale. Questa è una domanda capziosa e rappresenta un non-problema.

Perchè mai? La domanda era e rimane legittima, come rimane legittima la tua risposta. E’ tirata per i capelli, ma ci sta tutta.

HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 2 : Che cosa ha causato le pozze di acciaio e metallo fuso, piegato le colonne senza incrinarle, continuando a bruciare per settimane sottoterra?

Due risposte:

1- Le pozze di acciaio fuso non sono mai esistite, quantomeno non nei termini che intendi tu. E' possibile che dell'acciaio fuso si sia generato dal taglio termico delle colonne effettuato dai soccorritori, ma si tratterebbe comunque di quantità marginali e trascurabili. Si veda ad esempio qui:
http://11-settembre.blogspot.com/2007/12/cerano-pozze-di-metallo-fuso.html
Le TT erano si costruite in acciaio, ma il rivestimento esterno delle 8 facciate era ricoperto in alluminio, che dunque si trovava in quantità notevolissima a Ground Zero, e l'alluminio fonde a temperature ben più basse rispetto all'acciaio. Anche il ferro era presente in quantità considerevole, e anche il ferro fonde a temperature ben inferiori rispetto all'acciaio.
http://www.debunking911.com/ironburns.htm

2- Cosa le avrebbe causate secondo te, Mazzucco? E in che modo questo potrebbe rappresentare prova di autoattentato? Gli esplosivi creano “pozze di acciaio fuso”? Gli esplosivi piegano le colonne? La termite piega le colonne di acciaio nel modo in cui sono state piegate quelle delle TT? Questa domanda non ha senso, la presenza di metallo fuso non dimostra l'autoattentato in nessun modo.

2 – Le domande qui le faccio io.

1 – Io non ho “inteso” nessun termine, ho semplicemente presentato delle testimonianze, che tu hai scelto di ignorare. Hai inoltre saltato a piè pari il meteorite e le colonne piegate.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA.

(PS: Per il resto, vedo che hai qualche problema con l’italiano: ho già detto mille volte che il mio intento non è di dimostrare l’auto-attentato, ma solo di dimostrare che la V.U. è falsa).

*********************

Domanda n. 3: Sapete spiegare come sia accaduto che le leggi della fisica, che prevedono che un corpo in caduta segua la linea di minore resistenza, siano state aggirate in ciascuno dei tre casi?

Quali leggi della fisica sarebbero state violate (o “aggirate”)? Potresti entrare nel merito dei tre casi? Se è avvenuta una cosa del genere dobbiamo riscrivere da capo i libri di fisica, è dunque importante specificare, stilare una ricerca, farle passare una peer-review e poi pubblicarla. Prego.

La legge della fisica è citata nel video. Ogni corpo in caduta segue la via di minor resistenza. Ciò con le tre torri non è accaduto.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA.

(PS: non c’è bisogno di “riscrivere i libri della fisica”. Basta riconoscere che la V.U. è falsa).

*********************

UNITED 93

Domanda n. 4 : Visto che quel giorno non c'era vento forte, e siccome nessuno ha sparato all'aereo in volo, come è stato possibile ritrovare dei resti dell'aereo a 14 Km. dal luogo di impatto?

Quali resti? Puoi fornire dettagli? Link, immagini, rapporti. Cosa vuole implicare questa domanda? Che UA93 sia stato abbattuto? Se UA93 fosse stato abbattuto ci sarebbero i tracciati RADAR e tutta la catena di comandi che hanno dato l'OK per l'abbattimento. Tutto materiale che ora sarebbe pubblico o ottenibile via FOIA. Non esiste nulla di tutto ciò. Chi vuole può controllare autonomamente. Invece UA93 si è schiantato al suolo a Shanksville, e come succede in questo tipo di incidenti i resti del velivolo sono frammenti di piccole dimensioni. Vedere qui ad esempio:

http://www.youtube.com/watch?v=QrT6joi4gco dal minuto 3.00 in avanti.

Le fonti stanno nel video che dici di aver visto. (Se non sai cosa signidfica “debris” fattelo tradurre dal tuo amico “madrelingua”).

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA.

*********************

Domanda n. 5 : Visto che l'aereo sembra essere scomparso in questa buca, come è stato possibile ritrovare e identificare tramite il DNA i resti di ogni singolo passeggero? E anche il 95% dell'aereo, fra le altre cose?

L'aereo non è scomparso, si è disintegrato in piccoli frammenti che sono finiti nel cratere d'impatto e in tutta l'area circostante, compresi gli alberi adiacenti. L'operazione di recupero dei resti dell'aereo è stata eseguita da decine e decine di persone. Per quanto riguarda l'identificazione tramite DNA, il problema risiede nell'ignoranza di chi ha posto la domanda.Non è che se tu con conosci, o peggio non capisci una cosa, questa cosa non esiste. Informati. E leggi questo, nel frattempo: “In Pennsylvania, Somerset County coroner Wallace E. Miller and his team scoured the “halo”—the field and woods surrounding the crater left when United Airlines Flight 93 plunged into the ground. The debris was everywhere. Trees were draped with scraps of luggage, clothing, bits of the fuselage and human remains. Walking through the crash site in the days after the attacks, Miller's eye caught a flash of light 20 feet up in the branches of a hemlock tree. “I only noticed it because the sun happened to hit it at just the right angle,” he says. A tree climber brought it down. It was a single tooth with a silver filling. Eventually it was matched to one of the passengers. In the first two weeks after 9/11, Miller and his team identified 16 of the 44 passengers and crew aboard Flight 93 through fingerprint and dental records. For others, he turned to DNA testing. Hairbrushes and razors collected from the families of the victims provided DNA to match up with human fragments pulled from the wrecked plane.”
http://www.newsweek.com/id/177724/output/print
In merito all'identificazione via DNA esiste questo bell'articolo, in italiano:
http://11-settembre.blogspot.com/2007/12/tecniche-di-identificazione-delle.html

D’accordo per l’halo, ma alla fine mi hai raccontato solo quello che dice la V.U., ovvero che tutti i resti dei passeggeri sono stati riconosciuti tramite DNA. (Per quel che riguarda il tuo Miller, vorrei rimandarti ad una intervista in cui racconta che L’FBI GLI PORTO’ UN BRACCIO E UN CRANIO, dicendogli “questi sono i resti di Shanksville”, ma non voglio essere io a divagare).

Prendo atto quindi che per te il ritrovamento/riconoscimento dei resti di TUTTI i passeggeri, in un caso del genere, non ha nulla di strano.

In compenso, non hai spiegato come un aereo che si sia “disintegrato in piccoli frammenti” sia stato recuperato al 95 per cento. Sarebbe la prima volta nella storia che accade.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 6 : Se l'aereo bianco era davvero un aereo privato, perchè Popular Mechanics ha usato prove falsificate per sostentare la propria affermazione?

Chiedi a Popular Mechanics Mazzucco, altrimenti dovremmo credere che tu sostenga le ipotesi dei raggi spaziali della morte di Judy Wood. Siete ambedue complottisti, no? La spiegazione razionale-reale degli eventi è stata fornita dagli enti preposti alle indagini, leggila e imparala. E mi raccomando, chiedi a P.M. di darti spiegazioni sull'aereo bianco. Attendiamo la tua corrispondenza via mail con la redazione di P.M. In merito a questo “scoop”. Anche un'intervista telefonica va bene.

Mi sta benissimo, se rispondono ti farò sapere. Nel frattempo, tu hai appena riconosciuto che i difensori della versione ufficiale usano prove prefabbricate, mentre tu non sei stato in grado di difenderli nel farlo.

HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 7 : Come può una persona che non abbia mai guidato un jet nella sua vita, sedersi ai comandi di un aereo da 100 tonnellate, e fare manovre ad alta velocità considerate praticamente impossibili da piloti con 30 anni di esperienza?

Premessa falsa e fuorviante. L'aereo era già in volo, e se l'obbiettivo era compiere una manovra di banking al fine di schiantarsi contro un edificio ben preciso quella era la manovra da fare. Quella manovra, tra l'altro, è avvenuta con tempistiche del tutto normali come dimostrato dai dati del FDR. Sei tu che nel tuo filmino l'hai velocizzata per farla apparire assurda e velocissima.

Qui si può scaricare l'animazione originale NTSB di AA77 (600 mega)
http://thepiratebay.org/tor/3696468
o qui.
http://aal77.com/ntsb/ntsb.htm
qui invece la comparazione tra il filmino di Mazzucco e la realtà dei dati FDR:

Il lettore intelligente e in buona fede tragga le logiche conclusioni.

Dici di aver visto il video, ma ti sei dimenticato delle molteplici testimonianze. Si parla di ratei di ascesa e discesa “mai visti prima d’ora”, di “g” di accelerazione eccessivi, di velocità che impedirebbero il volo in orizzontale, e di quote che lo impedirebbero a pochi piedi dal suolo.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

In secondo luogo, ho già risposto tempo fa alla questione del video accelerato, che non fu certo fatto per “far apparire assurda e velocissima” la manovra, ma semplicemente per non obbligare lo spettatore a vedere tre minuti consecutivi di una animazione esasperante. Feci anche notare che solo un imbecille ricorrerebbe ad un trucco del genere DIMENTICANDOSI IN BELLA VISTA IL CRONOMETRO dell’animazione, che risulta ovviamente accelerato anch’esso. A sua volta, conclusi che solo un idiota potesse pensare che io abbia accelerato il video per ingannare la gente, dimenticandomi appunto il cronometro in bella vista.

(PS: Stai tranquillo che il lettore intelligente sa benissimo cosa fare, senza che glielo suggerisca tu).

*********************

Domanda n. 8 : Poichè volava raso-erba, potete spiegare come ha fatto l'imponente 757 a raggiungere la zona di impatto senza colpire gli ostacoli lungo il percorso? E perchè questi rulli di cavo elettrico non sono stati nemmeno fatti cadere dalla turbolenza generata sotto l'aereo a 900 Km./h.?

Non è vero. AA77 ha tirato giù 5 pali e l'ala destra ha pure sfiorato il VDOT.

Il video parla chiaramente degli ostacoli che rimangono fra l’aereo e il punto di impatto, non di quelli abbattuti prima. E’ vero che è in inglese, ma i sottotitoli in italiano ci sono tutti.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 9-A : Perchè le ali dovrebbero essersi staccate in parte prima dell'impatto, e dove sono finite?

Chi lo dice? E' una fonte ufficiale della Commissione? Fornire link per favore. In caso contrario la domanda non ha senso.

Per fortuna avevi visto il video.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 9-B : Dove è finita la coda, che si alza di 4 metri oltre la fusoliera, e perchè non ha lasciato segni sulla parete, nè ha rotto le finestre sopra il foro d'entrata?

Basi di fisica che mancano, lacune gravi se si pretende di essere un truther che si occupa anche di fisica. La coda si è disintegrata come il resto dell'aereo, come la fisica impone. Un aereo che impatta una parete con finestre anti bomba si disintegra, come dimostrato da questo storico video che mostra lo schianto di un F-4 Phantom.contro un blocco di cemento. http://www.youtube.com/watch?v=TVz5vhNvskk
E no, le ali non hanno tagliato il cemento “come se fosse burro”. (ti ricordi di questa tua vecchia perla in materia di fisica?) Finestre anti bomba: http://undicisettembre.blogspot.com/2006/11/il-mistero-inesistente-delle-finestre.html. La voragine al Pentagono è questa: Si guardi anche quest'immagine:

http://1.bp.blogspot.com/_ebKDfm0h1oI/R26MYQ7rteI/AAAAAAAABYQ/1DnaTor3Nb0/s1600/pent-ricostruzionedannouw0.jpg

Uno squarcio di circa 40 metri. Fai i conti con ciò e, nel caso proponi le tue conclusioni.

Diciamo che nello “storico video” fatico leggermente a distinguere le finestre anti-bomba, ma comunque prendo atto che “un aereo che impatta una parete con finestre anti bomba si disintegra”. Eccetto la fusoliera, immagino, che nello “storico video” si disintegra come tutto il resto, mentre al Pentagono avrebbe perforato 3 anelli di cemento armato.

HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

(Per quel che riguarda io “squarcio di 40 metri”, sei già stato sbugiardato in TV nazionale, ma evidentemente non ti è bastato. Qui il filmato:
http://www.youtube.com/watch?v=MP6lPC9FnGw
L’argomento è subito all’inizio.).

*********************

Domanda n. 9-C : Dove sono finiti i motori, che sembrano semplicemente scomparire nell'animazione della Purdue? Se sono entrati nell'edificio, puoi indicare i fori di entrata?

Cosa c'entra l'animazione PURDUE con i motori? L'animazione in questione è una ricostruzione dell'impatto della fusoliera e delle ali piene di carburante dell'aereo. In particolar modo l'animazione PURDUE si occupa dell'entrata dell'aereo tra il primo e terzo anello del Pentagono. Parte dei motori è stata ritrovata e coincide con i motori di AA77 ovvero un Boeing 757, così come parte dei carrelli.

Avevo chiesto di indicare i fori di entrata, ma non lo hai fatto.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 9-D: Puoi spiegare come fa un aereo senza ali e senza motori a volare in una foresta di colonne di cemento armato, quando un aereo con le ali e con i motori non riesce a farlo nemmeno in una foresta di alberi?

Degna di una risata.

Se è per quello, io sono tre giorni che rido. Ti informo però che la frase “ha continuato a volare in una foresta di colonne di cemento armato” non è mia, ma di Popular Mechanics. (Ma cosa facevi, mentre guardavi il video?)

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Forse a cause del troppo ridere, ti sei completamente dimenticato della domanda 9-E.

*********************

Domanda #10: Puoi spiegare come il cedimento di una sola colonna possa causare il crollo simmetrico dell'intero edificio, per il quale è necessario il cedimento di tutte le colonne nell'arco di poche frazioni di secondo una dall'altra?

Chiedere al NIST, perchè non lo fai? Queesta domanda sottintende che il NIST abbia imbrogliato, di conseguenza l'onere della dimostrazione spetta a te. Il NIST la risposta l'ha già data. Ora fornisci tu una spiegazione alternativa Però puoi provare a chiedere a Gage, che magari tira fuori le mitiche scatole di cartone e ci fa ridere ancora fino a Natale!

Veramente la domanda è stata posta proprio perchè il NIST si è dimenticato di dare quella spiegazione. E nemmeno tu, a quanto pare, sei in grado di farlo. (Se invece il NIST “la risposta l'ha già data”, come dici tu, perchè non l’hai riportata? Perchè hai rinunciato a questa occasione clamorosa per sputtanarmi a vita?)

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Domanda n. 11: Se il crollo di una struttura in acciaio a causa del fuoco non si era mai verificato prima, come hanno fatto così tante persone a prevederlo, con ore di anticipo?

Questa è una domanda di una gravità incommensurabile in quanto implica: FDNY e NYPD complici in una strage di massa. FDNY e NYPD costituito da imbecilli rimbabiti che vanno in giro a spifferare l'inside job. Quasi patetico quanto la storia del PULL IT di Larry Silverstein. FDNY e NYPD costituito da imbecilli che vanno in giro a ripetere a pappagallo che “l'edificio sta per saltare in aria” senza chiedersi perchè, né allora né nell'arco di questi 8 anni. Comodo produrre fuffa senza argomentare, senza trarre conclusioni, senza fare niente se non istillare dubbi illeciti. Un esempio? Rispondi tu stesso a questa domanda:”Se il crollo di una struttura in acciaio a causa del fuoco non si era mai verificato prima, come hanno fatto così tante persone a prevederlo, con ore di anticipo? “ Mi raccomando però, argomenta e trai conclusioni, non solo bla bla bla.

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

(PS: La “gravità incommensurabile” sta solo nel cervello di chi ritiene necessario coinvolgere direttamente i pompieri nel complotto per fargli dire che “l’edificio sta per saltare in aria”. Bastava dirgli “abbiamo deciso di tirarlo giù, perchè è pericolante”, e loro avrebbero ripetuto l'ordine per far sgomberare la zona).

*********************

Domanda n. 12: Perchè pompieri e polizia dovrebbero usare termini come “saltare in aria”, o “tirare giù”, se stessero solo aspettando un crollo spontaneo?

Già, perchè? Davvero curioso… Domande come questa non hanno risposte in quanto sono assurde. La prova? Rispondi tu a questa stessa domanda e vedi dove ti porta. Oltretutto c'è da aggiungere che il WTC7 era devastato dagli incendi nonchè rovinosamente danneggiato sulla facciata sud, ed era l'unico grattacielo completamente in acciaio che era stato investito dalle macerie e dunque in preda alle fiamme. I pompieri si aspettavano il suo crollo, tanto è vero che furono fatti evacuare dal suo interno.


“Blow up” in inglese non è riferito a un crollo (chiedi al tuo amico madrelingua, che ha confermato la traduzione della frase proprio qui su LC).

NON HAI RISPOSTO ALLA DOMANDA

*********************

Mi sembra quindi di poter concludere che la versione ufficiale sia ben difficile da difendere. Il nostro John, che sicuramente ce l’ha messa tutta, o ha evitato di rispondere, oppure, quando lo ha fatto, è stato costretto a tirarsi delle dolorosissime zappate sui piedi. (Nel caso della domanda 9-E, John ha pensato bene di saltarla del tutto, senza nemmeno provare a rispondere).
[color=#ff0000]
Ora si comprenderà meglio perchè Attivissimo, molto più astuto di lui, sia scomparso nel nulla.[/color]

Massimo Mazzucco
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3328

:hehe: