Rispondi a: Intervista a JL

Home Forum L’AGORÀ Intervista a JL Rispondi a: Intervista a JL

#104698
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1218654754=m.degournay]
Secondo te Richard, abbiamo il diritto di capire?
Ce lo dobbiamo meritare, dobbiamo sacrificarci, dobbiamo necessariamente patire per avere accesso alla conoscenza, alla verità, al cambio dimensionale?
PERCHE?

In nome di che o cosa?
L'universo, il tutto, quello che è, deve evolvere ancora? Non è già PERFETTO?
In che cosa siamo così importanti?
Facciamo parte di un programma ok, ma io, quando sento parlare di ordini, cioè quando sento che si deve ubbidire senza comprendere, io sento nel profondo che non è così!
Non si può spiegare tutto dicendo: “sono ordini superiori, il capo sa quello che fa”…
Questo è un concetto che reputo troppo antropomorfico…

Mi piace tutto Rich, mi piace quel tuo modo sintetico di carpire e di spiegare le cose, e intuisco che sei nel vero.
Penso che chi non prenderà questo treno ne avrà probabilmente un altro, il prossimo.
Boh! Forse semplicemente sento che sono destinata a rimanere qui ancora per parecchio, ci sono tante cose da fare in mezzo a questa povera umanità smarrita……

(Scusate la riflessione un pò sconnessa, e le troppe domande che so essere senza risposte, ho le zucchine sui fornelli!!!)
[/quote1218654754]
con sto gprs faccio un caos..non avevo concluso la mia correzione

RA: I am Ra. This concept is incorrect as is any concept of the one intelligent infinity. This concept is correct in the context of one particular Logos, (galaxy,) or Love, or focus of this Creator which has chosen Its, shall we say, natural laws and ways of expressing them mathematically and otherwise.”
 
Sono Ra. Il concetto è incorretto come ogni concetto dell' uno infinito intelligente. Questo concetto è corretto nel contesto di un particolare Logos (galassia) o Amore e concentrazione di questo Creatore che ha scelto, come diremmo, le sue leggi naturali e modi di esprimerle matematicamete e in altri modi.

So what we can see from Ra in this quote is that these “sacred mathematics” are all a function of the laws that are present within our own galaxy. That raises up the unique question of how and why they might be different in another galaxy!

Wilcock: possiamo vedere da Ra in questa citazione che queste “matematiche sacre” (geometrie?) sono tutte funzioni di queste leggi che sono presenti nella nostra galassia. Questo solleva la domanda su come e perchè debbano essere diversi in altre galassie!
(vi ricordo l'intervista a Otis Carr in cui dice che le leggi che ci sono in questo sistema, cambiano in altri…anche lui aveva capito..)

———-

quindi, dopo aver riassunto cosa sia un Logos, nella versione italiana su stazioneceleste:

INTERVISTATORE: Prendiamo ad esempio il pianeta su cui siamo in questo momento: dimmi in che misura la creazione fu originata dal medesimo Logos che ha creato questo pianeta.

RA: Sono Ra. Questo Logos planetario è molto potente e ha creato circa 250 miliardi dei vostri sistemi stellari. Le cosiddette leggi o modi fisici di questa creazione rimarranno, quindi, costanti.

INTERVISTATORE: Ciò che stai dicendo è che il sistema stellare lenticolare che noi chiamiamo galassia, in cui ci troviamo ora, e altri 250 miliardi di altri soli come il nostro, sono stati creati da un singolo Logos?

RA: Sono Ra. E’ corretto.

http://www.stazioneceleste.it/ra.htm
———-

Vi ricordo che Wilcock “se la mena” come diranno alcuni, con questo materiale perche lo ha analizzato scientificamente da fonti alternative a quelle ufficiali e ha trovato una incredibile e funzionante interpretazione/modello..inoltre ha combaciato le informazioni di questo libro con quelle di Cayce trovando anche qua moltissima congruenza e per finire, come appare in La Legge dell'Uno, anche ad esempio, ma non solo, Clifford Stone ha parlato di una Confederazione.

——–
ora xdegournay

Secondo te Richard, abbiamo il diritto di capire?

Siamo qua per capire e tutto cio che accade è in funzione di questo, capire a fondo a livelli sempre piu alti di consapevolezza, il Tutto, per tornare alla fonte (Ra dice che un buco nero è il risultato della fine del ciclo di ritorno alla Fonte..cosi per curiosita)

Ce lo dobbiamo meritare, dobbiamo sacrificarci, dobbiamo necessariamente patire per avere accesso alla conoscenza, alla verità, al cambio dimensionale?
PERCHE?
In nome di che o cosa?

Il patimento è dato dalla corruzione che crea la selezione tra le entita che seguono due percorsi diversi, senza la corruzione Satana (come diciamo noi) non potrebbe fare nulla, diciamo il catalizzatore della selezione se non mi esprimo male.
Questo secondo me, chiaro, sono sempre mie opinioni.
Quindi vediamo i risultati di ciò che sbagliamo nell'agire….serve a imparare e migliorare.
Il dolore è illusione, se i tuoi centri del dolore non funzionassero, allora non sentiresti nulla…
Di sicuro al nostro stadio di evoluzione di coscienza, il dolore ci stimola più che l'amore, almeno a volte..è comunque un forte stimolo per crescere.

L'universo, il tutto, quello che è, deve evolvere ancora? Non è già PERFETTO?
In che cosa siamo così importanti?

Non è perfetto, l'Universo contempla sè stesso per evolvere, è Infinito Intelligente…anche io penso sia la descrizione migliore.Ammettendo anche che sia perfetto, evidentemente si può migliorare, comunque sia l'immobilità e l'immutabilità dell'Universo non gli permetterebbe di gioire di sè stesso probabilmente, è un Infinito Intelligente.

Questa Intelligenza usa gioia e dolore per stimolare il ritorno alla fonte, la ricerca alla comprensione, l'evoluzione.
Il nostro dolore è, almeno in maggior parte ma io penso completamente, causato dall'uomo stesso che non collabora ma schiaccia il prossimo, che preferisce l'ignoranza alla comprensione perchè gli conviene, che preferisce bloccare l'evoluzione per tenere le cose per sè e avere l'illusione del potere, a quest'ora saremmo grandiosi da un pezzo, altro che lo shuttle…

Facciamo parte di un programma ok, ma io, quando sento parlare di ordini, cioè quando sento che si deve ubbidire senza comprendere, io sento nel profondo che non è così!
Non si può spiegare tutto dicendo: “sono ordini superiori, il capo sa quello che fa”…
Questo è un concetto che reputo troppo antropomorfico…

Per Ordine Superiore intendo che, almeno per me, La Creazione deve seguire un ordine intelligente che presume certe Leggi, come dice Ra, che da un buono spunto di riflessione, esiste il percorso per lo sviluppo del sè e quello per il servizio agli altri, entrambi si possono scegliere ed entrambi servono all'Evoluzione dell'Uno.

Ci sono però dei limiti che l'Organismo deve regolare, come il nostro, quindi se la Terra non va distrutta, non va distrutta, punto…

Se si schiaccia il libero arbitrio altrui allora si pagherà pena, io non sono molto orientato al sè e non dico nemmeno di essere un santo, ma fatico a comprendere l'utilità di quel percorso, lo comprendo ma entro certi limiti, ci sono stati grandi uomini vissuti in nome delle proprie ambizioni è vero, ma ritengo grandi quelli che hanno comunque apportato benefici all'umanità, che hanno mantenuto le proprie ambizioni sotto un certo controllo, oltre quei limiti scattano le leggi universali, penso sia cosi, è complicato ma forse qualcosa ho capito.

Comunque lo si pensi le Regole Supreme ci sono e il Capo c'è, io ne sono convinto, siamo tutti parte di un Organismo, una Coscienza Suprema che regola tutto, diciamo che è un modo per esprimerne il concetto, questo Organismo si deve regolare.
Dobbiamo quindi essere umili e capire che non comandiamo noi, per fortuna…ma nemmeno che dobbiamo strisciare nella cacca chiedendo pietà per i nostri peccati..ecc..si può spiegare tutto in modo migliore..dovrebbe farlo qualcuno, comunque chi fa da sè fa per tre.

Mi piace tutto Rich, mi piace quel tuo modo sintetico di carpire e di spiegare le cose, e intuisco che sei nel vero.
Penso che chi non prenderà questo treno ne avrà probabilmente un altro, il prossimo.
Boh! Forse semplicemente sento che sono destinata a rimanere qui ancora per parecchio, ci sono tante cose da fare in mezzo a questa povera umanità smarrita……

Cayce diceva che si puo fare quasi come si vuole se vuoi restare a lungo, molto dipende sicuramente dalle motivazioni interiori, oltre che al rispetto per il proprio corpo che è templio dell'Anima.

Leggi questo http://www.stazioneceleste.it/ra.htm