Rispondi a: The Divine Cosmos

Home Forum L’AGORA The Divine Cosmos Rispondi a: The Divine Cosmos

#104992
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1234094423=raistlin]
Ciao a tutti, stavo leggendo l'ultima intervista riportata di David Wilcock e volevo discutere con qualcuno sulle mie elucubrazioni varie. Trovo quello che dice interessantissimo e spesso riesco a collegarlo a miei ragionamenti e conclusioni che faccio ormai da una dozzina d'anni, studiando a livello amatoriale quella che si può definire Storia Alternativa.
Volevo soffermarmi su quando afferma che Cristo abbia raggiunto un altro stadio spirituale nella Grande Piramide.
Molti di voi sapranno che non è affatto provato che la Grande Piramide di Cheope sia un opera funeraria, non è mai stata trovata una mummia all'interno nonostante non abbia subito saccheggi, inoltre non esiste nessuna documentazione su un faraone di nome Cheope (molto strano, visto che è la più grande). Si crede che quella sia la piramide di Cheope solo per una singola iscrizione su uno degli ingressi, ma può essere stata scritta praticamente in qualsiasi momento.
Cheope significa soltanto “mangiatoia”, ed il sarcofago che è all'interno assomiglia propria ad una mangiatoia gigante in cui un uomo si può facilmente sdraiare. Be', trovo curioso che una delle immagini di Cristo più comuni sia quella in cui da bambino viene riposto nella mangiatoia della stalla dove è nato.
Trovare questi collegamenti mi diverte molto e credo che in parte mi rassereni.

[/quote1234094423]

Ciao Raistlin… :bay:
è molto interessante la tua idea di confrontare le storie alternative, le opere sacre con con la più grande e misteriosa opera…non si sa di chi è stata costruita, Ra lo spiega nella “Legge dell'Uno” ,che è la piramide Cheope….


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.