Rispondi a: The Divine Cosmos

Home Forum L’AGORA The Divine Cosmos Rispondi a: The Divine Cosmos

#105324
Richard
Richard
Amministratore del forum

0-020 è la mente di Dio come dice Hawking, davvero, è un computer conscio nella superficie Omega, nel nostro futuro, come nel concetto della causalità finale, agisce indietro nel tempo..quindi questo è William Blake
020-040 ok, questa è un'immagine del MIT…ora questo cos'è…questo è su Scientific American, non è fantascienza..questo rappresenta la superficie, è detto orizzonte degli eventi di un buco nero ed
040-100 è come un computer, calcola, è una macchina che processa informazione, viene detta entropia (http://it.wikipedia.org/wiki/Entropia_%28teoria_dell%27informazione%29), questa è scienza ufficiale ok? Questo è come guardare il buco nero nello spazio, ma siamo fuori dal buco nero
100-120 però è da vedere come computer, quindi Stephen Hawking nel 1973 e un ragazzo di nome George.. hanno pensato, se l'orizzonte del buco nero è come un computer, questo orizzonte cosmologico, sanno matematicamente che esiste,
120-140 o meglio sapevano nel 1973 che era una possibilità matematica, non sapevano dell'energia oscura, non sapevano se l'universo avesse questo orizzonte, pensarono SE, da un universo matematico in base alle equazioni di Einstein, se avesse questo orizzonte avrebbe le stesse proprietà se fossimo dentro di esso,
140-200 vedete qua, siamo fuori dal buco nero così piccolo, sapete le stelle collassano..ma la superficie del buco nero è un computer, ha quelle che vengono dette proprietà olografiche, ma..quello che viene detto spaziotempo di de Sitter, siamo dentro questo
200-220 dentro la superficie, ma è ancora un computer..ma risultò a quel tempo in cui Hawink e questi ragazzi scrivevano, hanno pensato..c'è qualcosa nei calcoli di Einstein, la costante cosmologica, che Einstein aveva nei suoi documenti originali della Relatività Generale
220-240 negli anni '60 e tutti pensavano che la costante cosmologica fosse 0, ma l'energia oscura è una costante cosmologica positiva, questo viene dai dati..dalle supernove tipo 1A..
240-300 quindi ora sappiamo e non sapevamo circa 10 anni fa, ora sappiamo che siamo dentro un tale orizzonte, immaginate di essere al centro di questa cosa..quindi viene fuori che è un computer
300-320 ma dal futuro…invia..c'è una teoria di John Weeler famoso professore a Princeton,
320-340 era insegnante di Richard Feynman. John Wheeler è morto negli anni '90 e si occupò della fissione nucleare con Niels Bohr negli anni 30, parliamo di persone importanti ok..
340-400 Lui ebbe l'idea prima del 1940, prima della Seconda Guerra Mondiale, ebbero l'idea che in elettrodinamica non hai solo influssi dal passato al futuro
400-420 ma anche dal futuro al passato, quindi per primi introdussero la causa efficiente e poi arrivò la guerra e fecero la bomba atomica a Los Alamos
420-440 Dopo la guerra Fred Hoyle, professore Inglese, ..
440-500 ..prese il lavoro di Feynman e lo sviluppò ancora, applicandolo alla meccanica quantistica e alla cosmologia, quindi Hoyle fece le equazioni di base di questo orizzonte cosmologico e questo orizzonte cosmologico ci avrebbe influenzato dal futuro, quindi ecco la causalità efficiente
500-520 no..la causalità finale, poi…uno dei piu grandi misteri è perchè invecchiamo. La freccia del tempo, irreversibilità, seconda legge della termodinamica, quindi…perchè invecchiamo e anche questo è un grosso problema in fisica,
520-540 le persone..infatti Ludwig Boltzmann commise il suicidio, perchè venne considerato un ciarlatano e commise un suicidio e alla fine aveva ragione!
540-600 Comunque c'è questo problema della freccia del tempo, c'è un libro recente..che ore sono? ..un libro di un professore del Caltech
600-620 e si intitola “Dall'Eternità a oggi” Un libro best seller. Un grande titolo..non da ora all'eternità ma dall'eternità ad ora..ma dov'è l'eternità?
620-640 Sappiamo che non è nel passato, sapete sono cosmologi ci sono queste cose..quindi l'eternità non è nel passato perchè sappiamo che l'universo è iniziato 13.7 miliardi di anni fa e ci sarebbe un errore dell'1%
640-700 viene chiamata cosmologia di precisione..quindi dov'è? Nel nostro futuro, è nell'infinito, sappiamo che il passato è finito, 13.7 miliardi di anni
700-720 dalla creazione del tempo come compreso in fisica, quindi dice dall'eternità a ora indietro nel tempo è la causa finale, dice se leggi il libro non c'è nulla, è come Dio nella nuova fisica..
720-740 però non vendi il libro per la copertina, è un buon libro, spiega tutto il percorso storico di questo, ma alla fine dice non ho la risposta, leggi tutto e non hai risposta..
740-800 Allora il punto è, dato che questo orizzonte degli eventi è come un ologramma, come una piastra, sapete l'informazione su una piastra bidimensionale, invii attraverso essa un laser e vedete una immagine tridimensionale..
800-820 quindi immaginate, siete tutti ologrammi, questa è una idea, pazza idea ma così pazza che può essere vera, quindi l'immagine che emerge similmente alla filosofia teleologica, c'è questo computer
820-840 aspetta..vediamo l'immagine ..questa immagine di Tamara Davis Phd, siamo su questa linea, tempo costante cosmico
840-900 vedete questo è dove si trova ora il nostro orizzonte futuro, parliamo del tempo cosmico globale, dalla Relatività Generale, una soluzione cosmologica
900-920 il nostro orizzonte del futuro è una sfera a questo punto, ma la velocità della luce è finita e …
920-940 avviene che a questo punto l'intersezione col nostro orizzonte del futuro, sarebbe un guscio sferico a miliardi di anni luce da noi, è informazione irradiata indietro nel tempo, effetto finale..
940-1000 cio sta creando, per dire.. siamo come nel film di Matrix, veniamo calcolati, siamo immagini tridimensionali conscie ..

———
(Haramein:
It is an important discovery in the context of the holofractographic theory I have been working on all these years. It is crucial to understand that the holographic function of the universe would not be a 2-dimensional surface (such as a photographic plate), but a 4-dimensional spacetime structure. From this understanding, the fractal nature of the holographic interference pattern becomes crucial to describe the vacuum geometry. This may bring us a whole new level of our understanding of the universe and singularity, and eventually bring us to levels of technology that transcend our current limitations.

E' una scoperta importante nel contesto della teoria olofrattografica su cui lavoro da tanti anni. E' cruciale capire che la funzione olografica dell'universo non sarebbe bidimensionale (come una placca fotografica), ma una struttura dello spaziotempo quadridimensionale. Da questo punto la natura frattale dello schema di interferenza olografico diviene cruciale per descrivere la geometria del vacuum (“vuoto”). Questo puo portarci ad un nuovo livello di comprensione dell'universo e della singolarità e a nuova tecnologia che trascende i nostri attuali limiti. http://theresonanceproject.org/blog/?cat=4 )
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5952