Rispondi a: The Divine Cosmos

Home Forum L’AGORÀ The Divine Cosmos Rispondi a: The Divine Cosmos

#105696
Richard
Richard
Amministratore del forum

Considerazioni relativistiche
nel modello atomico del prof. Moon:
lo spazio riemanniano del nucleo.

di Laurence Hecht, 2 settembre 2009
http://www.movisol.org/nuovateoriaem.htm
La soluzione fu nel considerare i protoni del nucleo, che Moon in prima approssimazione posizionò nei vertici di solidi platonici annidati e vide come responsabili della formazione dei suoi gusci (shell) nucleari, piuttosto come particelle-onde accoppiate secondo la legge elettrodinamica di Weber, orientate lungo la diagonale di quei solidi platonici. Il risultato permise di mantenere l'ottimizzazione della distribuzione della carica su ogni guscio sferico, e tra di loro, condizione che è sempre stata importante nella struttura proposta da Moon. Considerando i protoni come coppie di particelle-onde di Weber oscillanti in opposizione diagonale (quel che Weber propose come stato legato stabile di oscillazione lineare di due cariche di ugual segno, come conseguenza dalla sua Legge Fondamentale dell'Elettricità del 1846 [3]), piuttosto naturalmente cadde la prima obiezione alla repulsione coulombiana tra di essi. In secondo luogo, considerando gli elettroni extranucleari come orbite elicoidali (“a forma di cavatappi”, dice l'autore, NdT) modellate dal campo indotto dalle continue accelerazioni e decelerazioni delle coppie di protoni, anche la valida obiezione dei chimici alla trovata di Bohr e Sommerfeld fu superata. Gli elettroni, così, non orbitano attorno al nucleo con ogni angolazione (azimut), ma sono vincolati ad assumere certi orientamenti in corrispondenza delle direzioni delle diagonali dei solidi platonici. L'orientamento nucleare determina così le possibilità dei legami chimici.

Rinascita della conoscenza Atlantidea https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.917
Edgar Cayce ha suggerito che la scienza e la conoscenza Atlantidea sarebbe tornata sulla Terra. Io credo che la riscoperta dell'antica scienza della geometria sacra, la riscoperta del significato dei solidi Platonici sia nella fisica implosiva di Daniel Winter, che nella teoria eterica di David Wilcock, siano infatti la rinascita di una antica scienza che riconosce l'esistenza dell'etere. Questa antica scienza può essere attribuita ad Atlantide. In realtà ci sono altri scienziati che hanno scoperto il significato dei Solidi Platonici nel modello dell'atomo, ma che non vengono citati in questo libro. Vorrei indicare il Dr.Robert J.Moon che nel 1986 costruì la tavola completa degli elementi dai Solidi Platonici.