Rispondi a: The Divine Cosmos

Home Forum L’AGORA The Divine Cosmos Rispondi a: The Divine Cosmos

#105763
Richard
Richard
Amministratore del forum

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6367.1
Souls of Distortion Awakening – Capitolo 5: La rinascita di un'antica scienza

Spiegando lo schema della Genesi della geometria sacra, abbiamo detto che nel secondo giorno della creazione Dio creò Vesica Pesci e che Vesica Pesci è la geometria della particella di luce o fotone. La Sacra Bibbia dice che nel secondo giorno è stata creata la luce. Avete notato che Vesica Pesci ha la forma dell'occhio?
E' stato scoperto da Buckminster Fuller, che ha fatto molto lavoro di base per ristabilire la geometria sacra, che la geometria del fotone dev'essere composta da due tetraedri uniti da una faccia comune.

Ora la forma geometrica del doppio tetraedro è perfettamente circoscritta da Vesica Pesci dove i vertici dei tetraedri toccano la faccia di Vesica Pesci. Questo è stato confermato da Drunvalo Mechizedek, altro architetto di geometria sacra! (5)
Il tetraedro è anche la geometria nascosta nell'onda elettromagnetica (forma d'onda della luce). I campi elettrici e magnetici sono perpendicolari tra loro e si può disegnare una spirale che unisce il campo elettrico con quello magnetico seguendo un tetraedro!
Tom Bearden, inventore della macchina MEG ha provato che James Clerk Maxwell deve averlo saputo ma Oliver Heaviside ha rimosso la conoscenza del tetraedro nascosto nella versione semplificata dell'elettrodinamica. (6)
http://www.cheniere.org/books/aids/ch4.htm

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_04.htm
Basandoci su semplici, verificabili principi geometrici spiegati da Fuller ed altri, sappiamo che quando si inscrive perfettamente un tetraedro in una sfera, esso riempirà esattamente un terzo del suo volume totale. Il fotone in realtà è composto da due tetraedri uniti insieme, come vediamo nella figura 4.6, e poi passano insieme attraverso un cubo la cui grandezza è sufficiente a misurarne solo uno alla volta. Il volume (energia) totale che passa attraverso il cubo sarà due terzi (6,666) del volume totale del cubo, al quale Planck aveva assegnato il valore 10. Buckminster Fuller fu il primo a scoprire che il fotone in realtà era composto da due tetraedri uniti in questo modo, e lo annunciò al mondo al Planet Planning del 1969, dopodichè fu ovviamente dimenticato

Queste nuove scoperte rivelano anche che non abbiamo più bisogno di pensare agli atomi come ad unità individuali, ma piuttosto [dobbiamo pensarli] come vortici di etere armonico che possono fondersi insieme in livelli più elevati di unità e coerenza, come ad esempio nei quasi-cristalli.