Rispondi a: The Divine Cosmos

Home Forum L’AGORA The Divine Cosmos Rispondi a: The Divine Cosmos

#105798
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Questo utente del forum di Nibiru, Zakari, ha soli 23 anni ed è appassionato di storia. Scrive a proposito di questa teoria:
http://www.nibiru2012.it/forum/misteri/la-vera-data-finale-della-timewave-24-giugno-2014-143222.15.html

Secondo la Novelty Theory, il grande contrasto della natura e del tempo non è fra bene e male, ma fra abitudine e novità. Il tempo , secondo Mckenna, può essere rappresentato su un grafico frattale, poiché il tempo non è lineare ma frattale.
Mckenna ha sempre cercato di arrivare a poter rappresentare il tempo e poter calcolare quando e quanta novità si sarebbe presentata in un certo periodo di tempo, utilizzando il grafico Timewave.

Terence spiegava che l’ universo è un conservatore di novità, e che la sua essenza contiene questo contrasto fra abitudine e novità e diceva che la conclusione naturale di questo contrasto sarebbe stato un universo contenente solamente novità, ad un certo punto nel tempo, alla fine del grafico, e diceva che la storia è una parentesi della vita umana, quasi come una rappresentazione di questo contrasto, che secondo Terence, presto arriverà alla conclusione.
Diceva che la storia ha un’ obiettivo da raggiungere, e lo definiva il Grande Attrattore. Questo Attrattore rappresenta il momento in cui la storia viene interrotta da un’ epocale interferenza, un’ interferenza che cambierà per sempre il moto del tempo. Fra il 2013 e il 2018 dovrebbe accadere.

Il grafico si propone l’ obiettivo di calcolare la quantità di novità in un determinato momento, giorno, settimana, mese, anno, secolo, sia nel passato, che nel presente, e ovviamente anche nel futuro.

Inoltre, una delle cose piu’ importanti da spiegare sulla teoria della storia umana di Mckenna è che la storia letteralmente si ripete, che ci sono periodi che sono in risonanza fra loro, che fanno la rima, in parole povere, che sono inconfondibilmente simili.
Un’ altro obiettivo del grafico è rappresentare come figura grafica un determinato periodo di tempo, e calcolare il momento storico che fa rima con il primo, cioè il prossimo periodo storico che avrà una identica rappresentazione, figura, sul grafico.
Se due periodi storici differenti e distanti fra loro hanno la stessa rappresentazione grafica, sono in risonanza, rima , fra loro.

L’ umanità e’ in costante cambiamento. Il livello di connessione fra le persone intorno al mondo e’ in costante crescita, e le tecnologie, le invenzioni e le scoperte scientifiche fanno passi da giganti.
Se un uomo del 1700 potesse per un’ ora trasferirsi nel mondo moderno, si ritroverebbe in un mondo ultraveloce, che sembra non riposarsi mai, un mondo dove le persone conoscono tutto del mondo e dove una persona in Australia puo’ vedere una persona in Italia.
Il nostro mondo e’ già diventato irriconoscibile rispetto al passato.
La quantità di eventi che accadono ogni giorno, ogni settimana, è aumentato esponenzialmente rispetto a quanto accadeva in passato, non solo centinaia di anni fa, ma anche solo 50 anni fa.

Secondo Mckenna, questo processo indica il fatto che la storia umana si sta trasformando, corre verso il suo obiettivo e come diceva Mckenna dell’ Attrattore “ ci cadrà come una sfera posizionata sul bordo di una ciotola sarà inevitabilmente attratta verso il fondo/centro della ciotola “.
Stiamo raggiungendo una sorta di “ buco nero “, e la novità nella storia sta per raggiungere livelli inimmaginabili, annientando, cancellando ogni traccia di abitudine.

Il grafico è teoricamente in grado di dirci quando un determinato giorno accadrà un determinato evento che farà rima con un determinato evento storico nel passato, e se in tale giorno ci ritroveremo con un’ alto livello di novità ( indicando quindi varie scoperte scientifiche, tecnologiche, eventi inusuali, bizzarri, che apportano grandi cambiamenti nella storia ) oppure se ci ritroveremo con un’ alto livello di abitudine ( indicando quindi giornate dove le cose vanno a rilento, non ci sono notevoli cambiamenti, le cose si mantengono costanti e tutto sa di già visto ).
Quando il grafico scende, la novità aumenta, quando il grafico sale, l’ abitudine aumenta, quando il grafico tocca il fondo, indica grande novità, quando invece crea un picco in salita, l’ abitudine è elevata.

Mckenna ha ipotizzato vari tipi di eventi che porterebbero la novità a surclassare definitivamente l’ abitudine creando il “ punto zero “ del grafico o “ l’ Attrattore “.
Tali eventi sono i seguenti:

– Ipotetico primo contatto fra l’ umanità e una civiltà extraterrestre ( secondo Mckenna ogni popolo dovrebbe avere in teoria un grafico a sé stante , quindi se due civiltà si incontrano, il grafico dovrebbe subire la fatidica “ interferenza nella storia “ )
– Primo viaggio nel tempo, momento dell’ attivazione di un’ ipotetica macchina del tempo ( secondo Mckenna alla fine del grafico il tempo subisce un cambiamento, la struttura stessa del tempo si modifica )
– Un’ evento a livello estinzione, impatto di meteorite, cometa, o eruzione di un supervulcano come lo Yellowstone.
– Singolarità tecnologica, il momento in cui un computer raggiunge un’ intelligenza superiore a quella dell’ uomo, o quando si inventa un’ invenzione così complessa o una macchina così intelligente che lei da sola inventa tutto il resto e non c’è piu’ bisogno dell’ intervento dell’ uomo.


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.