Rispondi a: Bavaglio su Internet

Home Forum L’AGORA Bavaglio su Internet Rispondi a: Bavaglio su Internet

#106126
brig.zero
brig.zero
Partecipante

[color=#0066ff]Belli e bannati, sul net[/color].
– di Nicoletta Forcheri –

Il mondo di internet in Italia è stato colpito da strani oscuramenti “tecnici” proprio alla vigilia delle elezioni amministrative del 15 e 16 maggio.

Innanzitutto stampalibera.com ha dovuto trafficare non poco per ripristinare il sistema in seguito all’aggiunta di un plug-in, ma grazie alla presenza dell’ingegnere non ha subito troppi danni, tranne la scomparsa di un post sulla Lista Noeuro e la candidatura di Marco Saba.

Fatto strano nella stessa giornata i nostri blog (blogspot) sono stati inaccessibili dai loro titolari per almeno otto ore, per una vaga questione tecnica, e fatto bizzarro i post che pubblicizzavano tale lista – che preconizza l’emissione di biglietti comunali sovrani a Torino – sono stati eliminati, per ricomparire solo in tarda serata dopo la pubblicazione di un mio commento su stampalibera.com circa questo strano fenomeno. Nel frattempo i candidati hanno perso le ore più preziose di visibilità, le ultime prima del voto.

Poi, in serata, persino siti basati in Francia come http://www.informarexresistere.fr o altri siti di controinformazione sono stati oscurati, tutti siti che hanno come denominatore comune certa informazione che “sgama” le balle mediatiche, che non crede ad esempio nelle guerre “umanitarie” in Libia and co, né al pretesto della guerra (preventiva) al terrore, o all’uccisione di Bin laden e che attacca il signoraggio bancario. Ciliegina sulla torta sono letteralmente SPARITE due pagine popolarissime di Lo Sai, un gruppo in crescita esponenziale di giovani in tutta Italia che fanno informazione, e fatti. Un gruppo che sta diventando un vero e proprio movimento no-global, anti nwo e che si occupa attivamente di smascherare tutte le manipolazioni, i false flags e le info tossiche propagandistiche che ci propinano i media e non solo. La pagina sparita era quella principale, nazionale, che contava il maggiore numero di membri, oltre 64.000, mentre l’altra era una pagina di scorta, che doveva servire appunto in caso di ban (il secondo subito). E’ chiara la volontà deliberata quindi di contrastare Lo Sai, vero potenziale umano per il nostro futuro perché composto da giovani arrabbiati che sanno di non avere niente da perdere circa il loro futuro.

I due fatti, la censura della lista noeuro e la censura di Lo Sai sono connessi? Non saprei, visto che la censura è stata generalizzata, però è evidente che Marco Saba, in mancanza di altro, utilizzava molto il net per promuovere la sua candidatura – e probabilmente non era l’unico – e in particolare la pagina principale di Lo Sai su facebook, non avendo altre possibilità di visibilità mediatica.

Per chi critica la lista del Grillo di strane omofonie, rispondo che à la guerre comme à la guerre, una guerra alquanto assimmetrica visto che certe liste non solo non hanno la visibilità mediatica che spetterebbe loro per legge, ma si vedono persino censurati su internet, e tutti i mezzi sono buoni, persino quello come qua di spostare le liste a sostegno di Domenico Coppola (le solite liste di cui sopra) in modo che al lettore ignaro sembri che proprio non ci siano.

Infine ieri ho assistito alla pagliacciata di un comizio elettorale in Diano Marina (IM), dove si presentano tre liste, una civica, una “dissenziente” e la terza del pdl appoggiata da nientepopodimeno che Claudio Scajola, presente di persona. Si vedeva chiaramente che non presentava niente di nuovo, stesso programma del sindaco precedente, ma tutti ad applaudire per il candidato perché è donna e “giovane”. Tutto il comizio si è incentrato sul fatto di screditare le altre due liste. Niente sui programmi. Niente sui reali problemi. Eppure la legge della prevaricazione funziona visto che la gente accorsa numerosa applaudiva. E si pensi: loro gli oscuramenti tecnici non ce li hanno e non li avranno mai. A meno che… un gruppo come Lo Sai non riesca un giorno a sfondare il muro di gomma che lo circonda, un muro messo lì apposta per fare sfogare gli ardori giovanili prima di “comprarli” o “spezzarli”.

http://www.stampalibera.com/?p=26382


https://www.facebook.com/brig.zero