Rispondi a: 2012 e dintorni

Home Forum MISTERI 2012 e dintorni Rispondi a: 2012 e dintorni

#10714
maraxma
maraxma
Partecipante

[quote1307608802=kingofpop]
sul tuo terzo punto sono daccordo ma stiamo attenti.
Scontare qualcosa è anche una frase forte..cioè io penso sia così ma non limitata alla vita attuale che quell individuo sta vivendo piuttosto una correlazione tra le azioni compiute nelle sue precedenti vite ed in questa…mi spiego meglio..se in un cataclisma muoiono tanti bambini uno ti verrà a dire ma i bambini come possono esser giudicati perchè DIO prende con se i bambini(la solita frase religiosa cristiana)..ecco la risposta è quel bambino è stato uomo in altre vite e vorrà dire che sta scontando ora ciò che ha fatto in precedenza..non so se sono stato chiaro ma io ormai la penso così e sto riempiendo molti buchi alle domande che mi facevo in passato
[/quote1307608802]
… e se fosse esattamente il contrario?
Se fosse proprio la vita il modo di scontare gli errori e di evolvere, non la morte?
Del resto sempre più testimonianze ci portano a pensare che la scuola sia sulla terra. E' qui che si fanno esperienze destinate alla nostra evoluzione. Quindi non sono così convinta che la morte di una persona sia sempre da leggere come “punizione”.
Questo non è un discorso da depressa, amo la vita e cerco di vivere correttamente, ma, avendo la convinzione che la vita sia in qualche modo eterna, credo che si debba vedere il tutto anche da altre prospettive.
Un'altra cosa che volevo sottolineare, e su cui mi sono soffermata a riflettere solo ultimamente, è la connessione tra tutti noi. Quando muore una persona a noi vicina, non cambia solo la vita di quella persona, ma cambia anche quella delle persone legate a lei. Quindi mi sembra molto limitativo giustificare la morte come un debito da saldare…