Rispondi a: LA MIA PARTE INTOLLERANTE

Home Forum L’AGORÀ LA MIA PARTE INTOLLERANTE Rispondi a: LA MIA PARTE INTOLLERANTE

#107292

altair
Partecipante

E' proprio così Mudilas, scorretto, ma non ipocrita.

La scorrettezza e l'ipocrisia sono il pane quotidiano col quale si confronta chi pratica il pacifismo e la non violenza.

Perché di pratica si tratta, e non di teorizzazioni da parte di chi mai si è dovuto confrontare con la violenza vera, alla quale noi assistiamo stando comodamente seduti davanti ai nostri televisori.

E' facile dire sono nonviolento e pacifista, ma mettere in pratica queste scelte è un'altra cosa.

Un lungo percorso attende chi si mette per questa strada, occorre una saldezza interiore, una lucidità ed una esperienza che non si improvvisano e che sono fuori della portata della quasi totalità di noi occidentali europei.

I nonviolenti sono i monaci birmani che non potevano non sapere a cosa andavano incontro, eppure hanno scelto di sfilare per le strade, dimostrando al mondo cosa significa essere pacifici e nonviolenti.

E' il coraggio di sfidare chi ci offende non reagendo, nella speranza di creare sgomento in chi ci assale e non trova resistenza.

Hai già dimostrato una scarsa tenuta di fronte a volute provocazioni e qui si scrive soltanto e lo scopo era quello di metterti alla prova senza calcare troppo la mano.

La tua bontà d'animo che certo ti va riconosciuta non basta, nella pratica saresti come un castello di sabbia che crolla alle prime ondate, cedendo alla rabbia di fronte alle ingiustizie e reagendo.