Rispondi a: Cristo o anticristo?

Home Forum L’AGORA Cristo o anticristo? Rispondi a: Cristo o anticristo?

#107507

ezechiele
Partecipante

[quote1220778085=xxo]
In risposta ad ezechiele.
Ciao ezechiele,
come pasgal anche io ho letto e… mi sento di risponderti, per come posso….
[/quote1220778085]

sono grato a tutti, anche solo per il fatto di avere letto, di aver dato un cenno, di aver permesso questo contradditorio, grazie.

[quote1220778085=xxo]
Sono d'accordo con te, l'uomo è dannoso per questo pianeta.
Dannoso per il suo modo di vita, per il suo effetto pecora, molto vero.
Ma se ci fermiamo a riflettere riusciamo a trovare il perchè di questo.
Forse è la programmazione che dice michele?
Mi sento di dire che fare il pieno, buttare la spazzatura, fare la spesa ed uscire a cena sono conseguenze del malato sistema che ci è stato costruito attorno.
Noi siamo vittime di questo, non artefici, piuttosto attori passivi.

Questo è inarrestabile fino a quando non ce ne rendiamo conto.
Fino a quando rimaniamo nell'oblio.
Te non sei nell'oblio, io nn sono nell'oblio, qui in ag non siamo nell'oblio.
Ce ne siamo resi conto da un po' e siamo ben consapevoli che dobbiamo invertire questa direzione.
Certo non è facile ma siamo qui per questo!
[/quote1220778085]
beh, perdonami ma faccio fatica a portare fuori da me le cause di quello che succede. non credo, come dice michele, che “siamo stati programmati per questo” ne credo che il solo fatto di esserne coscienti sia “ragione sufficiente” per “chiamarsi fuori”, per “esserne esenti, per dirsi coscienti. Il “nostro” sistema funziona proprio per questo. ezechiele sarà già morto che il sistema sarà ancora in piedi. non credo che “energie sottili” che l'energia theta di michele, che l'unione delle nostre anime possa fare qualcosa. credo che per fare qualcosa ci dobbiamo (ci si debba) rimboccare le maniche e DARE UNA VIRATA DECISA. INEQUIVOCABILE. NETTA.

come non credo che parlare a chi non ha orecchie per intendere sia solo uno spreco di fiato.

il mio e' un persorso semplice che nasce dall'osservazione della realtà banale e quotidiana.

personalmente posso dire di avere un “discreto” intuito per alcune cose, di “interpretare naturalmente” alcune situazioni senza però averne grande coscienza. e' sempre stato un mio grande difetto la capacità di analisi, credo che sia sintomatico delle menti “creative” come la mia. ci combatto da una vita :uuuu:

[quote1220778085=xxo]
Il pessimismo che porta questa consapevolezza è dannoso.
Dannoso per tutti, per me, per noi e soprattutto per te. E' una spirale (non quella di Wilcock), non se ne esce bene.
Ciò però non è giusto, non è così che io faccio fronte a questo.
Mi faccio forza e mi comporto esattamente nella direzione contraria.
Mi scontro con forza a questo male, cancello con il massimo positivismo questo sentimento.
Rido e scherzo con gli altri, condividendo chiaramente con il prossimo gli errori dell'uomo.
Parlando con il sorriso sulle labbra cerco di far prendere coscienza a sempre più persone di questo.
E non sono assolutamente falso, sono positivo perchè vedo del bene in quello che faccio.
E sono ancora più contento quando mi accorgo di aver svegliato un senso di responsabilità nel prossimo!
Una mission? La vita!
[/quote1220778085]

beatto te, io proprio non riesco (mio malgrado) ad essere ottimista, per quanto cerchi di vivere la mia vita col cuore.

[quote1220778085=xxo]
I bambini.
Qui si apre un capitolo importante.
Per me sono loro la speranza, sono loro la giusta e l'unica via.
I miei figli sono portatori sani dei miei sbagli, non ne faranno di eguali (qualsiasi sia la dimensione e/o pianeta).
Le generazioni che vivono e comandano questo momento hanno avuto una educazione sbagliata, il frutto esatto della società malata attuale.
Spetta a noi, consapevoli degli errori, fare in modo che i bambini crescano con coscienza di ciò, noi dobbiamo gettare le basi, loro dovranno portarne avanti i valori.
Questo è il pensiero della nuova era? Può essere no?
Per me i bambini sono importantissimi, fondamentali in questo momento.
Tu non hai figli, non puoi sapere quanto positivismo e quanto entusiasmo trasmettano.
Il loro assoluto positivismo è indispensabile per questo mondo, secondo me loro “inconsapevolmente” possono cambiare la direzione delle cose. Se preferisci possiamo interpretarla anche come energia quantica!
Se c'è futuro è solo in loro, se non ci sarà vedremo.

Infine ti dico….
adesso siamo qui e abbiamo il dovere di provare a risolvere il casino nel quale ci siamo trovati!
Con la forza della positività, con l'entusiasmo!

Ti ho voluto esprimere come vivo la mia vita perchè sono fermamente convinto che tutti dovremo fare così.
Malgrado tutti i mali, vivere bene è un nostro diritto, quello che vogliano i potenti è l'esatto opposto!
Non facciamo il loro gioco!
[/quote1220778085]

tanto complimenti e auguri di lunga VITA a tutta la tua stirpe! 🙂

beh, e' vero… non posso capire ma posso provarci, nel senso, ho amici con i figli, sono zio, ho due fratelli stupendi che adoro, ho avuto il desiderio di avere una prole … francamente credo che se avessi un figlio “dovrei” pensarla come te. nel senso, il cervello e' una bestia strana, ogni tanto ci inganna ma spesso ci salva da noi stessi.

forse non e' questo il mio ruolo, forse non tutti dobbiamo imboccare la stessa strada,

io francamente non me la sento di mettere al mondo una creatura in questo mondo. non mi sembra di fargli un regalo. sarà per il “male di vivere” che mi attanaglia….. non saprei…

mi sembra di dare altra benzina a chi ha il piede sull'accelleratore e non si decide a spegnere il motore…..

fare un figlio per? … continuare a massacrarmi 60/70 ore la settimana di lavoro e non vederlo mai? per farlo rincoglionire davanti al televisore? …. per consumare un po di piu? per proiettare su un altro individuo la mia paura di morire? … per rimanere ancora piu incastrato nel sistema?

se fossimo formiche ci sarebbero le operaie e le sentinelle, le cacciatrici e le nutrici…. forse non siamo tutti qui per lo stesso motivo…. ognuno ha un suo perche….

grazie ancora xxo, di cuore, sia a te che a pasgal

mi pare evidente che dico quello che penso non per gusto di polemica ma per un intimo disagio, lo sottolineo comunque per il timore di essere frainteso 🙂