Rispondi a: guida per messaggeri, angeli, arcangeli e affini (fra il serio e il faceto)

Home Forum L’AGORA guida per messaggeri, angeli, arcangeli e affini (fra il serio e il faceto) Rispondi a: guida per messaggeri, angeli, arcangeli e affini (fra il serio e il faceto)

#107644
brig.zero
brig.zero
Partecipante

“la via di mezzo” del Buddha … 😉

Un principe, Shravan, prese l'iniziazione: il Buddha lo iniziò al Sannyas.
Quel principe era un uomo raro, e quando fu iniziato l'intero suo regno rimase stupefatto. Nessuno se l'era mai immaginato dato che era un uomo di mondo, si abbandonava ad ogni cosa, si abbandonava agli eccessi. Tutto il suo mondo erano donne e vino.
Poi improvvisamente il Buddha arrivò in città e il principe andò a vederlo per un darshan, un incontro spirituale.
Cadde ai suoi piedi e disse: “Iniziami. Lascerò questo mondo”.
Quelli che erano andati con lui non erano neppure consapevoli… fu così improvviso.
Dunque chiesero al Buddha: “Che cosa succede?
Questo è un miracolo, hai fatto qualche cosa”.
Il Buddha rispose: “Non ho fatto nulla. La mente può facilmente spostarsi da un estremo all'altro. Perciò Shravan non sta facendo nulla di nuovo. C'era da aspettarselo, siete così sorpresi solo perché non conoscete le leggi della mente”.
Shravan divenne un mendicante, un sannyasin e presto gli altri discepoli del Buddha osservarono che si stava spostando all'estremo. Il Buddha non chiese mai a nessuno di restare nudo, ma lui se ne stava nudo. Si torturava moltissimo. Il Buddha permetteva ai sannyasin un solo pasto al giorno, ma Shravan ne consumava uno a giorni alterni. Divenne magro ed esile. Mentre tutti i discepoli si sedevano a meditare sotto gli alberi, lui non lo faceva mai, rimaneva sempre sotto il sole ardente. S'imbruttì, divenne tetro, emaciato e si ustionò.

Una notte il Buddha andò da lui e gli chiese: “Shravan ho udito che quando eri un principe, prima dell'iniziazione, eri solito suonare la vina ed eri un grande musicista. Perciò sono venuto a farti una domanda. Se le corde della vina sono troppo lente, cosa succede?”.
Shravan rispose: “Se le corde sono troppo lente non si può suonare”.
Poi il Buddha disse: “E se le corde sono molto tese, troppo tese, cosa succede?”
Shravan rispose: “Anche in questo caso non si può suonare. Le corde devono essere nel mezzo: né lente né tese ma esattamente nel mezzo. E' facile suonare la vina, ma soltanto un maestro riesce a regolare queste corde esattamente nel mezzo”.
Perciò Buddha disse: “Anche nella vita la musica viene solo quando le corde non sono né troppo lente né troppo tese, ma proprio nel mezzo. Quindi Shravan sii un Maestro, e fa che queste corde della vita siano proprio nel mezzo, in ogni cosa. Non andare a questo o a quell'estremo.
Ogni cosa ha due estremi, ma tu rimani nel mezzo”. 🙂


https://www.facebook.com/brig.zero