Rispondi a: Buone Notizie

Home Forum L’AGORÀ Buone Notizie Rispondi a: Buone Notizie

#112264
farfalla5
farfalla5
Partecipante

E' nata l'associazione “Aqua publica europea”

E' stato firmato a Bruxelles l’atto costitutivo di “Aqua Publica Europea”, l’associazione che si propone di difendere il carattere pubblico del settore, creata da diversi rappresentanti delle municipalizzate europee.

«L´acqua è necessaria per la vita e deve essere considerata un diritto fondamentale e un bene comune, non una merce o una fonte di profitto» si legge nel manifesto dell´associazione.
I membri di Aqua Publica Europea difendono quindi l´idea che l´acqua deve rimanere in mano pubblica, perché la gestione pubblica dell’acqua «è il modo migliore per garantire lo stesso servizio e lo stesso prodotto al prezzo più conveniente a tutti i cittadini». In realtà non è automatico che una gestione pubblica sia a priori migliore di una gestione privata e infatti non mancano esempi buoni ed esempi cattivi in entrambe le direzioni.
Aqua Publica Europea propone comunque una gestione «responsabile, efficace, solidale e sostenibile» delle risorse idriche a livello europeo.
L´associazione sosterrà anche lo scambio di informazioni e di esperienze e lo studio dei problemi scientifici, tecnici, economici o amministrativi connessi, direttamente o indirettamente, alla gestione delle risorse idriche. Inoltre, tutelerà gli interessi dei suoi componenti con le istituzioni europee.
Tra i membri fondatori di questa associazione vi sono, tra gli altri, l’intercomunale belga Vivaqua, l´Associazione delle acque di Bruxelles, Aquabru, la Società Anonima di Gestione delle Acque di Parigi (Sagep) ed Eau de Paris, una società svizzera e per l’Italia le società della Provincia di Milano, Cap Holding Spa ed Amiacque Srl.

Fonte: Greenplanet


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.