Rispondi a: Buone Notizie

Home Forum L’AGORA Buone Notizie Rispondi a: Buone Notizie

#112573
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Mobilità sostenibile, è Venezia la città più pulita d’Italia
Di Valentina Ierrobino

Venezia è la città più sostenibile del Paese. Lo dice il rapporto annuale Euromobility che ha preso in esame 50 città italiane. Sono 4 le città dell’Emilia Romagna fra le prime 10 province in cui la mobilità sostenibile è in forte crescita e, conseguentemente, l’aria più pulita e la qualità della vita migliore.
Milano si conferma al quinto posto della classifica, superando Roma che arretra dal diciottesimo al ventesimo posto. Se Roma viene battuta dal capoluogo lombardo, Bari è la città del Sud più sostenibile, al quattordicesimo posto dell’elenco Euromobility. Altre città del meridione in cui gli incentivi alla rottamazione delle auto inquinanti e gli acquisti di vetture ibride ed elettriche è migliorata nell’ultimo anno, sono Siracusa e Sassari.
La città di Venezia è definita da Euromobility la città più eco-mobile d’Italia. Lo scorso anno era sesta nella classifica ma una buona amministrazione e un’ottima campagna in favore della mobilità sostenibile hanno avuto la meglio. Con i progetti di Car sharing e Bike sharing la città lagunare ha ridotto significativamente l’indice di motorizzazione e ha favorito il mercato delle auto a gas. Nel rapporto Euromobility 2010 si legge che Torino passa dalla tredicesima alla terza posizione e si aggiudica il premio come la prima città d’Italia per la presenza di auto Euro V e per l’offerta di Car sharing, e la seconda per l’offerta di Bike sharing.
Il quarto rapporto annuale Euromobility ha preso in esame più parametri per monitorare le 50 città del Paese:
Il mobility management. Come lo scorso anno il mobility management è presente in 41 città sulle 50 monitorate, in 35 uffici comunali e in 5 uffici provinciali. Questa figura professionale non ha ancora un ruolo decisivo nelle amministrazioni, a differenza di quanto avviene in Europa per la mobilità sostenibile.
Il Bike sharing. Dopo l’incremento del 2009 continua a segnalare una crescita nel numero degli utenti,+51%, e un aumento delle biciclette +12%. In 16 città è in funzione il sistema elettronico con tessera magnetica, ma è Milano la città più sostenibile con 1.400 biciclette e una media di 3.500 prelievi giornalieri. Torino con appena 300 biciclette serve un’utenza giornaliera di 4.200 cittadini. Roma con 150 biciclette serve oltre 16.800 utenti.
Il Car sharing. Il servizio mostra un momento di stallo, con una diminuzione del parco vetture del -3,6% e con un incremento di utenze di +0,7%. Venezia è la città con i valori più positivi, con 3.300 utenti, seguita da Milano con 2.885 che però ha diminuito il numero di vetture da 133 a 86. Maglia nera a Modena che ha cessato il servizio di Car sharing.
Il tasso di motorizzazione. Sono scese a 60,78 le automobili ogni 100 abitanti, con un calo in positivo di oltre mezzo punto percentuale, anche se la media europea è ancora lontana, con 46 veicoli ogni 100 abitanti. La città con il numero più elevato di auto è Latina (72,3%) seguita da L’Aquila (71,0%) e Catania (70,3%). Napoli è la città con le auto più inquinanti (Euro 0) che superano il 30% delle vetture in circolazione. Torino è invece la città con il maggior numero di auto Euro V (2,6%).
Auto a basso impatto ambientale. In aumento di oltre il 2% la presenza di auto a GPL e Metano. Ravenna e Ferrara nel 2009 raggiungono quota 17%, ultime nella classifica Trieste, Udine e Aosta con meno del 2% di auto a basso impatto.
Qualità dell’aria. Bolzano è la città più pulita con solo 7 giorni all’anno di superamento delle soglie del PM10. La città peggiore è Siracusa con un superamento delle soglie di 309 giorni su 365. Solamente 16 città su 50 registrano un superamento inferiore ai 35 giorni.
[Fonte: Euromobility]


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.