Rispondi a: Buone Notizie

Home Forum L’AGORÀ Buone Notizie Rispondi a: Buone Notizie

#112668
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

[quote1311254604=sphinx]
Gli animalisti vincono sulla tradizione (macabra) dell'oca sgozzata in piazza
Per la prima volta dopo 200 anni il rito clou delle celebrazioni della festa di San Rocco non si farà

PALERMO – Gli animalisti vincono su una tradizione cruenta, così nel giorno di ferragosto per la prima volta dopo duecento anni, il «gioco» dell'oca sgozzata in piazza a Butera, paesino in provincia di Caltanissetta, non si farà più. Ad annunciarlo Enrico Rizzi, coordinatore nazionale del Partito animalista europeo dopo una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza della provincia di Caltanissetta alla presenza del sindaco di Butera, Luigi Casisi. Rizzi e Casisi tra l'altro, nei giorni scorsi erano stati al centro di roventi polemiche nelle tv locali sull'assurdità del cruento gioco. Ma lo scontro tra i due è di vecchia data, lo scorso anno infatti Rizzi aveva anche denunciato il sindaco per maltrattamento e uccisione di animali.

IL MACABRO RITO – Il «gioco dell'oca» che gioco proprio non è ma è anzi un vero atto di violenza e crudeltà nei confronti dell'animale è stato fin ora momento clou della festa di San Rocco, celebrata a Butera il giorno di ferragosto. Il tradizionale «jocu di lu sirpintazzu» prevedeva che un’oca morta venisse appesa in cima a un palo e i partecipanti avevano il compito di strapparle il collo manovrando un «acchiappino».

Valeria Catalano
20 luglio 2011
http://www.corrieredelmezzigiorno.it

[color=#ff0000]Naturalmente ho inserito quest'articolo tra le buone notizie,visto che quest'orrore è stato cancellato….ma veramente sono sgomenta da tutta questa barbarie assurda…davvero non capisco…..[/color]
[/quote1311254604]

Evviva! 🙂

Siamo storia di sangue e prevaricazione!
Educa un bambino, avrai un uomo in più. Educa una bambina e creerai una tribù!


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato