Rispondi a: Obama si Obama no

Home Forum L’AGORÀ Obama si Obama no Rispondi a: Obama si Obama no

#113277
Richard
Richard
Amministratore del forum

è una di quelle influenze incarnate come direbbe Cayce che è in azione ora, grazie alla scelta delle persone, per portarci nella nuova era
del resto è il caso di avere pazienza e vedere come prosegue, siamo troppo abituati a pensare male
Da quanto sa Wilcock ,il vice di Obama è uno di quelli che si sta ribellando agli Illuminati e al NWO, molti vorrebbero ma hanno paura di essere uccisi..

———
Secondo il Washington Post, un team di una quarantina di esperti di diritto ha studiato per mesi gli atti presidenziali di Bush, per individuare quelli più semplici da smontare. Podesta ha confermato che in cima alla lista c'é una delle prime decisioni di vasta portata della presidenza Bush: quella dell'agosto 2001 sulla limitazione del finanziamento federale nella ricerca sulle cellule staminali embrionali. Le restrizioni non sono mai state tradotte in legge e per questo risulterà facile, per Obama, mantenere con una semplice firma una promessa elettorale e rimuovere le barriere alzate da Bush a difesa degli embrioni che devono venir eliminati per ricavare le staminali. Un'altra iniziativa attesa da Obama, è sulla scia di uno dei primi gesti presidenziali compiuti da Bill Clinton quando prese il potere nel 1993.

Clinton annullò restrizioni imposte da Ronald Reagan, che vietavano alle organizzazioni internazionali che ricevono fondi federali americani di proporre in altri paesi l'aborto come metodo di pianificazione familiare. Bush reimpose le restrizioni annullate da Clinton e ora Obama dovrebbe tornare sulla linea clintoniana con un semplice ordine esecutivo. Ne è convinta Cecile Richards, presidente di Planned Parenthood, una delle maggiori organizzazioni americane che si battono per la libertà di scelta della donna in tema di gravidanza. “Siamo in contatto quasi quotidiano con il team della transizione e ci aspettiamo un vero cambiamento”, ha detto la Richards. Nell'elenco delle decisioni in arrivo, molte riguardano il settore energetico e la tutela del clima, temi su cui il premio Nobel per la pace Al Gore, sul New York Times, ha esortato Obama ad agire in fretta.

A colpi di provvedimenti esecutivi, il nuovo presidente può bloccare le trivellazioni petrolifere ordinate da Bush in Utah e dare il via libera a un piano della California (bloccato dall'attuale amministrazione) di rendere obbligatorio un taglio del 30% delle emissioni di anidride carbonica da parte dei veicoli tra il 2009 e il 2016. ..

http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_792790460.html