Rispondi a: "Moon rising" di Jose Escamilla…

Home Forum MISTERI "Moon rising" di Jose Escamilla… Rispondi a: "Moon rising" di Jose Escamilla…

#11330
farfalla5
farfalla5
Partecipante

ecco la V capovolta, qualcuno sa cosa significhi?
comunque il film è bellissimo !!!!

George Adamski descriveva così: http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/ad07_02i.htm

Il 23 agosto 1954 Adamski ha l’ultimo incontro con gli Amici che avevano terminato la loro missione sulla Terra. Lo istruisce Orthon sull’astronave venusiana. Gli viene mostrata la Luna. Sulla superficie visibile dalla Terra, dentro certi crateri, vi sono dei giganteschi hangar dove entrano le astronavi, con numerosi alloggi operativi. L’acqua vi è incanalata dalle montagne. I passeggeri, dopo 24 ore di depressurizzazione, possono uscire. Nell’atmosfera scorrono nuvole più o meno dense.
Sulla superficie non visibile, il paesaggio è come il terrestre, montagne con la neve, fiumi che scorrono verso le vallate, foreste, laghi. Abitazioni e città. Trasporti pubblici a mezz’aria. Accanto alle città vi sono degli hangar con le provviste per ciò che non si può coltivare, in cambio di certi minerali.
Vi sono proiettori di immagini virtuali che si formano nello spazio, in un definito piano di arresto, proiettate o da qualche pianeta o da astronavi, che conservano la loro tridimensionalità ed i colori vivi. (Con questo sistema spesso Loro ci contattano. nda). In questo modo Adamski vede panorami di Venere. Montagne simili alle terrestri, boschi, fiumi, cascate. Molti laghi e sette oceani collegati sia naturalmente che artificialmente. Parecchie città, dalla superficie circolare, abitazioni a varie strutture, con cupole riflettenti i colori dell’arcobaleno. Gli abitanti hanno dimensioni simili ai terrestri, gli abiti simili. Mezzi di trasporto con piccole astronavi. Piante ed animali simili ai terrestri, con diverse colorazione e consistenza, dovute alla forte umidità. Vivono più di mille anni, come l’uomo migliaia di anni fa.
La coltre di nuvole che circonda il pianeta indebolisce i raggi solari distruttivi per la vita. Era così anche sulla Terra e, quando queste si diradarono, la durata della vita umana terrestre diminuì.

e nei antichi scritti indiani, Ramayana: http://www.edicolaweb.net/us080401.htm

Questo è stato uno dei primi casi di ufficiale ammissione governativa sulla ricerca anti-gravità. Il manoscritto non specificava che fosse mai stato fatto un viaggio interplanetario, ma tra le varie cose menzionava un viaggio pianificato sulla Luna, nonostante non sia chiaro se sia stato mai effettuato. Comunque, una delle grandi epiche indiane, il Ramayana, tratta una storia dettagliata di un viaggio verso la Luna in un Vimana (o Astra) e infatti parla di una battaglia sulla Luna con una nave aerea “Asvin” (o Atlantidea”). Questa è solo una piccola prova della tecnologia anti-gravità e aerospaziale usata dagli Indiani.


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.